Testa

 Oggi è :  19/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

02/08/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

AL CFF, DOMANI, “CAMURRIA”

Clicca per Ingrandire Camurria – seccatura, noia, in dialetto siciliano, seccante come la voce di un bambino che si mette a camurria, perché per forza vuol sapere - opera prima di Gaspare Balsamo, trapanese classe 1975, musiche originali di Alessandro Severa e Gianluca Bacconi eseguite dal vivo. E’ la storia di storie strappate alla memoria, è la narrazione della vicende di una famiglia, di un “picciutteddo”, di un nonno, di una bisnonna e della sua orazione, rivissuta attraverso la magia del teatro dell'opera dei pupi.

Lo spettacolo nasce dall'idea affascinante che dietro il mondo dei Pupi e delle Marionette ci siano le storie delle persone e delle loro famiglie, le vite dei pupari e dei cuntisti. E' proprio questo che il testo scenico racconta, accompagnato dai toni forti del movimento, della danza, del ritmo e della musica, affidata ad Alessandro D'Alessandro (organetti), Gianluca Bacconi (percussioni, melodica, didjeridoo). Sullo sfondo i colori della Sicilia, quella a cavallo tra le due guerre.

“Camurria - nelle parole di Gaspare Balsamo - è il senso di appartenenza, è l'attaccamento alla terra, alla cultura popolare a cui il teatro deve sempre attingere. Ho visto e ascoltato nelle facce e nelle voci della gente, verità e bugie. Voglia di raccontare e partecipare, e voglia di non dire nulla, far finta di sapere e far finta di non sapere, silenzi che parlavano e voci che invece non dicevano nulla o ripetevano sempre le stesse cose. E' utile e interessante far rivivere attraverso lo sguardo della mente la parte epica e mitica di questo mondo popolato da gente che non c'è più. Muoversi tra l'oralità e la scrittura.

Una memoria che non è un percorso lineare e continuo – è sempre Gaspare Balsamo a suggerire, - anzi un viaggio contorto, smemorato e fantasioso che rimette in gioco un modo di fare teatro tanto moderno quanto antico. Ma il tutto calato qui, ora e in noi, noi che lo facciamo e lo viviamo, questo spettacolo”.

La serata, come tutto il festival che si protrarrà fino al 09 agosto, è a ingresso gratuito. Per maggiori informazioni è sufficiente collegarsi al sito internet www.carpinofolkfestival.com.

 Uff. Stampa Ass. Culturale “Carpino Folk Festival”

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 510

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.