Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

24/07/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

A MONTE PUCCI SI TORNA ALLA NORMALITA

Clicca per Ingrandire Risale a un anno fa l’inizio dei lavori di messa in sicurezza di un tratto viario della statale, passante al margine di uno strapiombo (nella foto del titolo la zona interessata; ndr), per la scoperta di un preoccupante sgrottamento della falesia che si insinua al di sotto del vecchio piano stradale fino a spingersi in un’area localizzata a soli 50 cm dalla superficie esterna.

Il progetto ha previsto lo sbancamento complessivo di circa 3mila 700 metri cubi di roccia, con arretramento di 10 metri verso monte del tratto di strada a rischio di crollo, allontanandola così dalla voragine nascosta.

Un lavoro svolto in grande sinergia fra tutti gli attori coinvolti: progettista e direttore dei lavori (foto 1 sotto, secondo da sin. con a fianco il geom. Impresa Perrone e l'escavatorista Libro Flaminio; ndr), geologo progettista (primo da sin.), Comune di Peschici, Compartimento per la Viabilità ANAS, Genio Civile di Foggia, Autorità di Bacino della Puglia, Protezione Civile, Ufficio Difesa del Suolo della Regione Puglia. “Una delle rare occasioni di sventare una tragedia latente che avrebbe potuto essere, prima o poi, causa di un crollo parossistico della strada, con l’interruzione dell’arteria viaria principale di Peschici. Un quadro geologico difficile da ricostruire, legato all’ostico contesto geomorfologico e al carsismo che pervade la roccia al di sotto del piano viario” ammette il geologo progettista dott. Stefano Biscotti.

“Siamo riusciti a garantire in piena sicurezza la circolazione dei veicoli, pur con una sola corsia di marcia lato-monte, sbancando l’attigua scarpata rocciosa stradale alta circa 6-7 metri - aggiunge il progettista e direttore dei lavori ing. Nicola Soldano. “Ora, i mezzi pesanti e ultrapesanti che transitano numerosi sulla strada statale non avranno più modo di gravare pericolosamente sulla calotta della grotta, alleggerita così dai carichi e dalle vibrazioni indotte. Oltre alla soluzione di difesa “passiva” dell’arretramento, è stato eseguito anche un parziale intervento di disgaggio dei massi litoidi in stabilità precaria presenti sulla falesia, per la salvaguardia dei turisti che si avventurano sulla spiaggetta dello Jalillo, posta al di sotto dell’imponente parete rocciosa”.

Gli interventi rappresentano comunque, come sottolineato anche dall’Autorità di Bacino della Puglia, solo una prima fase di messa in sicurezza dell’intera falesia, che dovrà essere ulteriormente perseguita completando le attività necessarie.

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 7461

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.