Testa

 Oggi è :  24/10/2017

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

22/11/2016

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

POESIA x (e di) TUTTI: CHI È DI SCENA? Valter Rimedio

Clicca per Ingrandire Valter Rimedio, autore della lirica che proponiamo oggi, così si presenta: “Marchigiano, ancora sotto il terrore del sisma che ci ha colpito, ho espresso tutte le mie paure in questo componimento che vi mando. Della mia vita, in questo preciso istante, conosco solo il mio passato. Del mio futuro non ho contezza. Continuerò a fare il lavoro che ho fatto finora? Riuscirò a coronare il sogno della mia vita, sposarmi? E avere figli sperando che Madre Terra si stanchi di tartassarci?

“Davanti a me vedo solo buio e non so fin quando la psiche potrà reggere. Per ora solamente la solidarietà che ci circonda ci mantiene in vita. Ma non è solo questa che potrà risolvere la massa di problematiche che si sono scatenate intorno a noi. Intorno a me in particolare, perché la mia sensibilità mi trascina altrove. Il resto lo compie il terremoto con le sue scosse di assestamento a fare da esiziale corona alle scosse-madre.

“God bless Italy! And me…”


L’OCCHIO DI PAN

Centellinare succhi secreti
da inariditi pori riarsi,
increspando le labbra
e avidamente suggendo
la sotterranea linfa gelosa,
il gusto dell’azione esprimendo
con ronfi e bofonchi scurrili,
è quanto l’attesa del nuovo
mi porge, con fare incurante.

Ne resto impaniato
plaudente
fin tanto che l’occhio di Pan
non ammicchi, cialtrone,
infingardo,
avvertendo del senso stantio
catramato nel gesto innovante
o che tale
almeno si mostra.

Di sconcerto m’investe
un fastidio,
quindi alfine condenso il messaggio:
già nell’antro, lassù,
a Cro- Magnon
v’era l’homo intento a succiare
d’un altr’homo il fetido plasma.
Scorre il tempo intessuto nel tempo,
similoro ogni atto compiuto,
roccia allora, ora roccia
d’inerzia assoluta
sotto ipnosi suadente ed assurda,
ma nel fango, coatto, s’annida
sempre il solito
antico
viaggiare.


IL COMMENTO DI VINCENZO CAMPOBASSO = Mi risuona nell’orecchio il ritmo cadenzato delle odi manzoniane, ancor che questa poesia di Valter Rimedio non corrisponda alla metrica usata da Manzoni. Pare che corra, si fermi, indugi, riparta, come se seguisse l’onda di un affanno dovuto a scoscendimenti nel terreno. L’affanno c’è, dovuto ad altre cause tutte interiori, a loro volta causate da fattori esteriori che fanno, di questa poesia, una lirica di voli pindarici.

Pan, il dio dei boschi e delle sorgenti, rappresentato, un tempo, con corna e piedi caprini, appare qui come figura rilevante, anche se esplicitata una sola volta: quella che incuteva timore nei sogni dei riposi pomeridiani e che continua a portare scompiglio nell’animo degli esseri umani, che avvertono il timore senza conoscerne le cause, la fonte.



 Redazione (foto paradisola.it)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1627

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.