Testa

 Oggi è :  21/03/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

11/06/2016

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

PIPÌ IN DOCCIA? MA SÌ!

Clicca per Ingrandire Anche se molti fanno fatica ad ammetterlo, quasi tutti almeno una volta nella vita abbiamo fatto pipì in doccia. Bene, è ora di liberarsi dei tabù e farla liberamente, perché l’atto di fare la pipì sotto l’acqua, mentre ci laviamo, non solo non è affatto vergognoso ma porta anche benefici inaspettati, alla nostra salute, al nostro portafoglio, soprattutto all’ambiente. Sicuramente in molti lo fanno, ma sono davvero pochi quelli che lo ammettono perché sembra qualcosa di vergognoso, sconveniente, per non dire del tutto contrario alle norme igieniche minime, almeno nell’immaginario collettivo.

Ma se si dicesse che l’espletamento di questo bisogno fisiologico, compiuto mentre si è impegnati in una bella e rinfrescante doccia, porta con sé benefici davvero inaspettati, ci crederemmo? Ebbene sì, fare pipì sotto l’acqua corrente della doccia non solo non è affatto scandaloso, ma è addirittura vantaggioso sotto molti e importantissimi punti di vista: economico prima di tutto, ma anche quello che riguarda il nostro benessere fisico e infine, ma forse il più rilevante di tutti, dal punto di vista della tutela ambientale. Detta così può suonare senz’altro strano, ma cerchiamo di spiegare precisamente come questi tre aspetti possano essere collegati all’atto di fare pipì in doccia.

Innanzitutto, come sottolinea “Mic.com”, farlo sotto la doccia almeno una volta al giorno può portare alla lunga a un notevole risparmio economico, dato che non costringerebbe a comprare confezioni di carta igienica ogni 50 giorni, come invece accade mediamente. Questo perché, naturalmente, se ne consumerebbe relativamente meno. In secondo luogo - e questo è un suggerimento che interessa soprattutto le donne - la dottoressa Lauren Roxburgh raccomanda di eseguire piccoli squat (accovacciarsi e rialzarsi per tonificare i muscoli di glutei e cosce) e fare pipì in doccia proprio per rinforzare il gruppo di muscoli pelvici, la cui maggiore elasticità può garantire prestazioni sessuali decisamente migliori del solito.

Ma il vero, grandissimo e sorprendente beneficio riguarda la quantità di acqua potenzialmente risparmiata grazie a questo piccolo e spesso malvisto gesto. I dati di diverse ricerche ne motivano le ragioni. Il 2014, a esempio, due studenti della University of East Anglia di Norwich, Debs Torr e Chris Dobson, hanno calcolato che, se tutti i 15mila studenti iscritti all’ateneo avessero fatto pipì in doccia almeno una volta al giorno la scuola avrebbe risparmiato acqua in quantità sufficiente a riempire una piscina olimpica almeno 26 volte, come riportato anche dalla BBC in un servizio a riguardo.

Secondo la United States Environmental Protection Agency, invece, i wc standard usano all’incirca quattro litri di acqua ogni volta che viene tirato lo sciacquone, mentre i modelli più vecchi ne impiegavano addirittura più di ventisei per ogni flusso. Tenendo presente che, in media, ogni persona si reca in bagno almeno sei o sette volte al giorno, lo spreco di acqua è davvero considerevole. Ma, se l’idea di fare pipì in doccia proprio non vi aggrada, un’alternativa per non consumare un’eccessiva quantità di acqua è quella che gli inglesi, ‘simpaticamente’ descrivono con la filastrocca “If it’s yellow, let it mellow” (traducibile più o meno: “Se è gialla lasciala a galla”), anche se sinceramente nutriamo dubbi sulla maggiore garanzia di igiene di questa soluzione!

Insomma, anche se apparentemente può sembrare discutibile e far storcere il naso ad alcuni, alla fine forse dovremmo cominciare a prendere seriamente in considerazione l’idea di lasciarci andare a una pipì sotto la doccia. In fondo, l’acqua che scorre assicura una pulizia immediata e, se ‘liberarci’ al di fuori dei confini del water può anche apportare miglioramenti a vita sessuale, portafoglio e perfino ambiente, perché rimanere ancorati a pregiudizi? Chi è abituato (anche senza ammetterlo) a fare pipì in doccia, sicuramente si sentirà ‘rincuorato’ dalla notizia, chi non ci ha mai provato, invece, probabilmente farebbe bene a cominciare adesso!

 robadadonne.it (testo e foto)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 19/06/2016 -- 10:27:35 -- vincenzo

La pipì sotto la doccia? SEMPRE FATTA! Ma non esageriamo, non raccontiamo frottole! Una doccia al giorno, va bene, ma non se ne possono fare 6-7, cioè tante volte quante volte si va a farla! Senza contare che queste volte vanno poi moltiplicate per il numero dei componenti la famiglia. In RADIO ITALIA, celiando, qualcuno ha parlato dell'ipotesi di farla nel BIDET. Sebbene poco accettabile per i maschietti, va bene per le femminucce. Il consumo di acqua è sicuramente inferiore a quello dello sciacquone ed a quello di più docce al giorno. Siamo pratici: una volta al giorno sotto la doccia, una nella tazza, in occasione dell'altra esigenza fisiologica, qualche volta (le donne) nel bidet, le minzioni notturne senza l'uso dello sciacquone fino al mattino... EST MODUS IN REBUS: cerchiamo di ottimizzarlo!

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2281

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.