Testa

 Oggi è :  03/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

23/03/2016

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DIFENDIAMO IL MADE IN ITALY CON UNGHIE E DENTI

Clicca per Ingrandire Dopo un lungo applauso a testimoniare il cordoglio e la vicinanza a un popolo colpito al cuore da vili atti di terrorismo, i 4mila agricoltori di Coldiretti, partiti dalle campagne di Puglia e Basilicata coi loro trattori e riuniti a Bari (dentro e fuori il Teatroteam; ndr) la mattina di mercoledì 23, hanno messo sotto ‘procedura di infrazione’ l’Europa, rea di minacciare quotidianamente il ‘made in Italy’ con provvedimenti dannosi per tessuto agricolo e consumatori. “Il settore agricolo diventa merce di scambio senza alcuna considerazione del pesante impatto sul piano economico, occupazionale e ambientale sui nostri territori” ha affermato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo.

Quindi ha chiesto che “si attivino urgentemente le clausole di salvaguardia previste dagli accordi bilaterali, vista la grave perturbazione di mercato creata dall’eccessivo aumento delle importazioni. In un momento difficile per l’economia dobbiamo portare sul mercato il valore aggiunto della trasparenza”. Infine ha sottolineato: “L’obbligo di indicare in etichetta l’origine è una battaglia storica della Coldiretti che, con la raccolta di un milione di firme alla legge di iniziativa popolare, ha portato all’approvazione della legge 204/2004 grazie alla quale è diventato obbligatorio indicare in etichetta la provenienza del latte fresco e della passata di pomodoro in Italia”.

Da allora molti risultati sono stati ottenuti anche in Europa ma - continua la Coldiretti - l’etichetta resta anonima per quasi la metà della spesa (vedi tabella in calce; ndr), dai formaggi ai salumi ai succhi di frutta, dalla pasta al latte a lunga conservazione, dal concentrato di pomodoro ai sughi pronti, fino alla carne di coniglio. A livello comunitario il percorso di trasparenza è iniziato dalla carne bovina dopo l’emergenza mucca pazza nel 2002, mentre dal 2003 è d’obbligo indicare varietà, qualità e provenienza nell’ortofrutta fresco. Dal primo gennaio 2004 c’è il codice di identificazione per le uova e, a partire dal primo agosto 2004, l’obbligo di indicare in etichetta il Paese di origine in cui il miele è stato raccolto.

Novità dell’ultima ora, l’ipotesi di togliere la data di scadenza dell’olio di oliva per favorire lo smaltimento delle vecchie scorte a danno dei consumatori. “Dopo il via libera all’accesso supplementare di olio tunisino - denuncia Gianni Cantele, presidente Coldiretti Puglia - è l’ultimo affronto inaccettabile all’olivicoltura. Si intende favorire lo smaltimento di olio vecchio e fa invece venir meno una importante misura di salvaguardia per il consumatore, dato che l’olio di oliva modifica le proprie caratteristiche col passare del tempo.

“Non possiamo più accettare - continua - il totale disinteresse dell’Europa verso il settore agroalimentare che in Puglia ha segnato anche nel quarto trimestre del 2015 l’aumento del 26 percento degli occupati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Col nuovo Piano di sviluppo rurale, fra l’altro, ci sono opportunità di insediamento nell’agricoltura pugliese per circa 2mila giovani, con premi al primo insediamento e interventi regionali che vanno dal sostegno all’ammodernamento delle imprese alle filiere corte, dalla gestione del rischio fino alla biodiversità”.

Con l’invecchiamento - precisa la Coldiretti - l’olio comincia a perdere progressivamente tutte quelle qualità organolettiche che lo caratterizzano (polifenoli, antiossidanti, vitamine) e sono alla base delle proprietà che lo rendono un alimento prezioso per la salute in quanto rallentano i processi degenerativi dell’organismo. Secondo la Coldiretti è necessario mantenere il termine minimo di conservazione, prevedendo una possibilità di deroga solo qualora il produttore adotti ulteriori accorgimenti per la conservazione organolettica del prodotto, da riportare in etichetta. Sarebbe importante introdurre l’obbligo dell’indicazione in etichetta dell’annata della raccolta.

Ma il disegno di legge europea 2015 rischia di modificare in peggio l’etichettatura degli oli di oliva, abrogando le norme che prevedono: “L’indicazione dell’origine delle miscele di oli di oliva deve essere stampata con diversa e più evidente rilevanza cromatica rispetto a sfondo, altre indicazioni e denominazione di vendita”, con l’effetto - denuncia la Coldiretti - di attenuare i livelli di tutela nella commercializzazione dell’olio di oliva e a guadagnarci sono solo le grandi multinazionali che hanno già avuto dall’Unione Europea un regalo da 110 milioni di euro grazie allo sconto di 1,24 euro a chilo concesso col nuovo contingente agevolato di 35 milioni di chili dalla Tunisia va ad aggiungersi alle attuali 56mila 700 tonnellate a dazio zero già previste dall’accordo di associazione Ue-Tunisia, portando il totale degli arrivi ‘agevolati’ annuale oltre quota 90mila tonnellate, praticamente pari a tutto l’import in Italia dal Paese africano.

“Con un + 8,59 percento della PLV (Produzione Lorda Vendibile) - sottolinea Angelo Corsetti, direttore di Coldiretti Puglia - che torna a superare nuovamente i tre miliardi di valore l’agroalimentare pugliese si rivela il traino dell’economia regionale nel 2015. E’ boom per le esportazioni agroalimentari pugliesi all’estero che nel 2015 raggiungono il massimo storico salendo oltre quota 1,6 miliardi di euro, con un incremento del 16 percento nel confronto con l’anno precedente. E’ un settore che va assolutamente tutelato e messa in protezione rispetto al mercato parallelo di prodotti provenienti magari da migliaia di chilometri di distanza, spesso sofisticati, spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono, utilizzando il marchio ‘made in Italy’, a danno dell’imprenditoria agricola pugliese e dei consumatori”.

Con due prosciutti su tre venduti come italiani, ma provenienti da maiali allevati all’estero, ma anche tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro che sono stranieri senza indicazione in etichetta, come pure la metà delle mozzarelle e il concentrato di pomodoro dalla Cina i cui arrivi sono aumentati del 379 percento nel 2015 per un totale di 67 milioni di chili, occorre introdurre senza esitazione in Italia l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli alimenti, come ha chiesto il 96,5 percento degli italiani sulla base della consultazione pubblica on line sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari condotta dal Ministero delle Politiche Agricole. Oggi quasi la metà della spesa dei cittadini resta anonima con prodotti importati dall’estero spacciati come italiani, perché non è obbligatoria alcuna indicazione in etichetta.

Finalmente ci sono le condizioni per cambiare le norme comunitarie nel senso della trasparenza sotto la spinta di Italia e Francia, alla quale è stata già concessa l’autorizzazione dalla Commissione europea all’etichettatura di origine per i derivati del latte e della carne. Un via libera venuto sulla base del regolamento comunitario n. 1169 del 2011, entrato in vigore il 13 dicembre 2014, che consente ai singoli Stati Membri di introdurre norme nazionali in materia di etichettatura obbligatoria di origine geografica degli alimenti qualora i cittadini esprimano in una consultazione parere favorevole in merito alla rilevanza delle dicitura di origine, ai fini di una scelta di acquisto informata e consapevole.

Intanto, crollano i prezzi nelle campagne italiane, dal -43 per cento dei pomodori al -35 per il grano duro fino al -30 per le arance rispetto all’anno scorso, a causa, oltre che dell’andamento climatico, soprattutto della pressione delle importazioni, determinate dagli accordi agevolati. E’ il caso delle condizioni favorevoli che sono state concesse al Marocco per pomodoro da mensa, arance, clementine, fragole, cetrioli, zucchine, aglio, olio di oliva, e all’Egitto per fragole, uva da tavola, finocchi e carciofi, oltre all’olio di oliva dalla Tunisia. L’Egitto invece - ha precisato la Coldiretti - nel periodo 1° febbraio-14 luglio può esportare a dazio zero uva da tavola nei territori dell’Ue con un impatto sulla produzione nazionale che nel Mezzogiorno arriva sul mercato già a partire da maggio.

L’accordo col Marocco - ha sottolineato la Coldiretti - è fortemente contestato dai produttori agricoli perché nel paese africano è permesso l’uso di pesticidi pericolosi per la salute vietati in Europa, ma anche perché le coltivazioni sono realizzate in condizioni di ‘dumping’ sociale per il basso costo della manodopera. Il risultato - ha evidenziato la Coldiretti - è che le quotazioni al produttore agricolo sono praticamente dimezzate rispetto allo scorso anno su valori inferiori ai costi di produzione che sono insostenibili e mettono il futuro della coltivazione in Italia.

In difficoltà - precisa la Coldiretti - pure gli agrumi con una pianta di arance su tre (31%) tagliata negli ultimi quindici anni, mentre i limoni si sono dimezzati (-50%) e le piante di clementine e mandarini si sono ridotte del 18 percento. Sotto accusa è il fatto che “a distanza di un anno e mezzo dall’approvazione da parte del Parlamento italiano della legge che aumenta la quantità minima di succo nelle bibite a base d'arancia dal 12 al 20% non è stato ancora emanato il decreto applicativo. E manca trasparenza anche - continua la Coldiretti - sulla reale origine dei succhi di frutta in etichetta.


LA SCHEDA (Fonte: Elaborazioni Coldiretti) = METÀ DELLA SPESA DEGLI ITALIANI E’ ANONIMA

CIBI CON INDICAZIONE DI PROVENIENZA

Carne di pollo e derivati
Carne bovina
Frutta e verdura fresche
Uova
Miele
Passata di pomodoro
Latte fresco
Pesce
Extravergine di oliva



CIBI SENZA INDICAZIONE DI PROVENIENZA


Salumi
Carne di coniglio
Carne trasformata
Frutta e verdura trasformata
Derivati del pomodoro diversi da passata
Formaggi
Derivati dei cereali (pane, pasta)
Latte a lunga conservazione
Concentrato di pomodoro e sughi pronti
Riso

Teresa De Petro (responsabile Comunicazione Federazione Regionale Coldiretti Puglia)


Sulla questione registriamo l’intervento del presidente del Gruppo Popolari in Regione e del deputato Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in commissione Agricoltura a Montecitorio.

CERA = Il nostro territorio si difende anche attraverso il nostro cibo.
La manifestazione di Coldiretti a difesa dell’agricoltura italiana è una diga contro le inondazioni di politiche comunitarie e distorsioni del mercato che stano mettendo a dura prova le imprese del settore. Occorre allora incentivare campagne di acquisto consapevole per portare sulle nostre tavole prodotti sani, ad alta qualità e rispettosi dell’ambiente. A poche settimane dal quesito referendario sulle trivelle appare quanto mai appropriato rimettere al centro del dibattito il tema del futuro dei nostri territori, da tutelare anche attraverso politiche di salvaguardia delle tipicità gastronomiche.

Dalla Puglia e da Bari parte una mobilitazione contro scelte scellerate, lontane dagli interessi dei cittadini e delle imprese che rischiano di ipotecare il futuro delle nuove generazioni, costrette a fare i conti con deturpazioni ambientali e proliferazione di “prodotti tagliati” che uccidono il Made in Italy. Mi auguro che dall’incontro di oggi (mercoledì 23; ndr) possa nascere una nuova coscienza gastronomica delle regioni italiane, così da garantire la stessa mobilitazione avvenuta per il referendum sulle trivelle. I nostri mari, la nostra terra, il nostro cibo si difendono solo con la condivisione di obiettivi e la tutela dei nostri giacimenti gastronomici che rappresentano le vere risorse del nostro Paese.


L’ABBATE = Le modifiche che si vogliono apportare sono lontane dall’obiettivo comune della tutela del nostro ‘oro verde’. Oltre al mantenimento dell’attuale tetto massimo dei 18 mesi di scadenza in etichetta dell’olio extravergine di oliva, chiederemo di rafforzare il testo in difesa degli olivicoltori italiani con l’inserimento della data di molitura e d’imbottigliamento, come previsto da una proposta di legge già depositata a prima firma del collega Filippo Gallinella (M5S). Non accettiamo, infatti che ancora una volta, per soddisfare le esigenze della grande distribuzione, siano ‘Made in Italy’ e consumatori a farne le spese dell’adeguamento a norme Ue che non considerano le caratteristiche specifiche delle nostre eccellenze agroalimentari. Per questo daremo battaglia, a cominciare dalla discussione della legge europea che approderà alla Camera nelle prossime settimane.


 Comunicati stampa

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3014

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.