Testa

 Oggi è :  16/06/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

14/03/2016

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

POESIA x (e di) TUTTI: CHI È DI SCENA? Libera Ylenia Mastromatteo

Clicca per Ingrandire Oggi ospitiamo Libera Ylenia Mastromatteo alla quale abbiamo chiesto cosa fa, dove si trova adesso, che progetti ha. “La mia residenza - risponde - è a Peschici. Ora mi trovo in Svezia, dove ci sono capitata un po’ per caso: l’anno scorso mi sono iscritta al bando per partecipare al progetto Erasmus+ nonostante fosse il mio primo anno di Università (di solito si fa richiesta il secondo anno per il terzo). Sono sempre stata attratta dall’idea di studiare all’estero, fermarmi per un po’ in un posto, apprenderne usi e costumi e far divenire una terra straniera la propria casa, almeno per poco tempo. Ho scelto la Scandinavia perché a livello universitario sono fra i primi in Europa e anche perché ho una sorta di passione per queste terre nordiche.

“Adoro - spiega - i loro paesaggi incontaminati fatti di foreste e laghi, lo stretto rapporto che c’è fra uomo e natura, e la loro cultura così diversa dalla nostra. Parlare dei progetti futuri non è affatto facile, come ogni ventenne ne ho tanti, forse troppi, per ora mi sto concentrando sugli studi triennali. L’anno prossimo dovrei laurearmi e sto valutando diverse possibilità: continuare una magistrale in Neuroscienze (il campo da cui provengo) oppure spostarmi nel settore della comunicazione, un ambito che sento un po’ più mio. In realtà inizio anche a pensare alla possibilità di proseguire qui i miei studi magistrali. Per gli studenti europei l’Università è gratuita in Svezia.”

Libera Ylenia Mastromatteo si è diplomata il 2014 al liceo classico “Publio Virgilio Marone” di Vico del Gargano e si è iscritta a Scienze Cognitive dell’Università di Padova, ma attualmente frequenta corsi di filosofia alla svedese Linköpings Universitet. Prima di leggere la sua lirica, cui seguirà il commento del curatore Campobasso, le abbiamo chiesto perché l’adesione alla nostra iniziativa e come nasce la sua poesia. “Perché mi piace imprimere le mie impressioni - chiarisce, - ciò che provo o sento, senza star lì a ragionarci. Non saprei esattamente definire il mio ‘approccio alla poesia’, niente di tecnico e costruito di certo. Come la poesia inviata, scritta tanti anni fa.

“Ricordo - racconta, - ero sul pullman, tornavo a casa da scuola e, subito dopo la ‘curva di Monte Pucci’, ho visto Peschici illuminata da un raggio di sole, mentre tutto intorno era grigio. Non so esattamente cosa mi abbia colpito di più, forse il modo in cui la luce si posava e metteva in risalto quelle casette bianche. Sembrava quasi che quel raggio stesse facendo la corte al nostro Paese e così ho ‘visto’ Peschici, con gli occhi della mente, come una splendida e capricciosa donna ma allo stesso tempo materna e accogliente. Ed è quanto ho cercato di trasmettere nei miei versi. Spero di esserci riuscita”.


ALLA BELLA PESCHICI

Peschici, bella donna
vestita della luce dell’alba,
avvolta nel manto del cielo.
A me
sembri un’amorevole madre
quando, coi bracci
del molo roccioso,
stringi il liquido azzurro
con dolcezza estrema.
Tuo amante è il vento,
che t’accarezza i segreti,
lui solo, geloso
dei vichi ornati da sassi.

Sei austera ascoltatrice degli amori
consumati all’ombra dei pini secolari,
le cui radici sono le tue vene
e le ricopre, come pelle,
una sottile patina di terra,
sfregiata dal fuoco dell’isteria.
Ti corteggia il sole, t’ammira
estasiato
bella e sensuale come sei,
morbida nelle curve,
generosa donatrice di sospiri.

Nell’agosto rovente
risuona,
per le tue vie,
una musica che non permette
di non innamorarsi
e ti colori
delle gonne che scoprono
carni abbronzate.
Sdraiata su una rocca,
agghindata da fiori a mo’ di perle, e
da arbusti profumati,
lontana nel tuo candido profilo
e nel tuo profondo respirare,
distante in quella bellezza
incompresa,
ti lasci amare
da mille passanti,
immobile.


IL COMMENTO (di Vincenzo Campobasso) = Strano contrasto fra il dinamismo trasparente dello snodarsi della lirica - in quelli che paiono rivoli di vita della sua (e, come garganici, nostra) Peschici - e il marchio di immobilità che si evince dall’ultimo aggettivo! Strano ma, in realtà, seducente svolgersi del pensiero di una giovane studentessa probabilmente inconscia di usare un magico pennello che, nella virtuale tela, riproduce tanti vitali particolari di questa nuova “Perla del Gargano” (un tempo, primi anni ’50 a mia memoria, questo attributo era stato assegnato a Rodi Garganico che, evidentemente, nel corso degli anni, se l’è fatto ‘usurpare’, sicuramente a ragione), al punto da farci rimanere con gli occhi sgranati a guardarne l’incanto.

La lirica, come dichiara l’Autrice ispirata dalla semplice immagine dell’arroccata cittadina mentre lei viaggia per tornare a casa, parrebbe composta in questi giorni di sua residenza scandinava, da cui Peschici sembra lontana, distante, o in quell’autobus, inconsapevolmente presaga di ciò che le avrebbe riservato il futuro, un futuro che comunque non le dispiace. C’è una punta di dolore in Ylenia, il dolore che nel suo giovane animo gentile provoca l’«isteria» di chi sfregia col fuoco quella ‘sottile patina di terra’ che ricopre le radici dei ‘pini secolari’, pulsanti vene che portano al luogo la linfa vitale che lo rende bello.

‘Bella Peschici’, dice la poetessa, ‘bella e sensuale’, ‘morbida nelle curve’, accarezzata nei ‘segreti’ dall’amante ‘vento’ che nell’assolato ‘agosto rovente’ agita multicolori ‘gonne che scoprono carni abbronzate’. «Carni», dice Ylenia, non ‘pelli’, perché è lì, nelle carni che lei sente maggiormente fluire l’energia che rende sanguigni i peschiciani e lei stessa. Mostra, cara Ylenia, alla generosa Svezia che ti ospita, qual è la natura di te, figlia di questo Gargano carsico grigio eppure sgargiante di molte ‘sfumature’ di verdi e azzurri, di autunnali gialli e rossi incantevoli!

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 712

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.