Testa

 Oggi è :  20/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

11/02/2016

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

LA FORZA DELLA MEMORIA

Clicca per Ingrandire Martedì 16 febbraio, alle 19, nell’Auditorium Santa Chiara di Foggia, è in programma la presentazione dell’ultimo libro di Paolo Mieli, “L’arma della memoria”, pubblicato per i tipi Rizzoli. L’evento è organizzato dalla Fondazione “Apulia Felix” e dalla Fondazione Banca del Monte di Foggia, in collaborazione con “Sanità Più-R.S.S.A. Il Sorriso” e la Benvenuto Assicurazioni. Dopo i saluti introduttivi di Giuliano Volpe presidente di “Apulia Felix”, Saverio Russo presidente della Fondazione Banca del Monte e Luca Vigilante amministratore unico di “Sanità Più”, l’Autore converserà sui contenuti del saggio con Alessandra Benvenuto.

IL LIBRO = La storia è fatta di vinti e vincitori, ma non si tratta di categorie stabili: spesso le vicende di ieri sono riscritte a uso e consumo dei vincitori di oggi. L’onesto uso della memoria è il più valido antidoto all’imbarbarimento. E lo è in ogni stagione politica, in ogni momento del dibattito culturale, in ogni epoca della storia. Un uso onesto che, in quanto tale, presuppone non ci si rivolga al passato in cerca di una legittimazione per le scelte di oggi. Anzi, semmai per individuare in tempi lontani contraddizioni che ci aiutino a modificare o mettere a registro quel che pensiamo adesso. Ben diverso (e diffuso, purtroppo) è il ricorso a forzature della memoria come arma per farci tornare i conti nel presente.

Un’arma usata con infinite modalità di manipolazione che producono danni quasi irreparabili alla coscienza storica, deformano il passato, intossicano il ricordo collettivo anche dei fatti più prossimi. E che, come tale, merita di essere combattuta. Paolo Mieli ce lo dimostra attraversando secoli di storia con la consueta competenza e passione, ricostruendo storie grandi e piccole, facendoci guardare a fatti apparentemente noti con occhio diverso e disincantato, perché “infinite sono le leggi che regolano lo studio del tradimento nella storia. Ma due sono superiori alle altre. La prima: chi vince non verrà mai considerato un traditore. La seconda: il tradimento è questione di date, ciò che oggi è considerato un tradimento, domani potrà essere tenuto nel conto di un atto coraggioso”.

L’AUTORE = Giornalista e storico, negli Anni Settanta allievo di Renzo De Felice e Rosario Romeo, è stato giornalista all’Espresso, poi a Repubblica e a La Stampa, di cui è stato anche direttore. Dal 1992 al 1997 e dal 2004 al 2009 ha diretto il Corriere della Sera. Fra i suoi libri per Rizzoli: “Le storie, la storia” (1999), “Storia e politica” (2001), “La goccia cinese” (2002) e “I conti con la storia” (2013), vincitore del premio “Città delle rose” e del premio “Pavese”.

Loris Castriota Skanderbegh





 Area Comunicazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 954

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.