Testa

 Oggi è :  12/12/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

09/07/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

Treni belli e confortevoli… per sempre?

Clicca per Ingrandire Prima lo spot televisivo, adesso questo “signori in carrozza, vi racconto una storia”. Protagonista: le Ferrovie del Gargano, per una serie di appuntamenti “teatrali” che dal 29 luglio al 14 agosto vedranno un attore, Francesco Gravino, recitare un monologo tra l’emozionale e il comico in una carrozza di 40 posti del trenino della Garganica al costo di cinque euro.

Ben venga l’iniziativa, originale e quasi geniale, ma vorremmo sapere: questa è la risposta della dirigenza alla caterva di reclami sui biglietti (quelli “normali” non del botteghino di teatro) che non si trovano, sul totale abbandono delle stazioncine, sull’assenza di personale cui chiedere informazioni? Se il dilettevole si accoppia all’utile non c’è che da rallegrarsi, però prima di spendere cinque euro per andare a goderci un’oretta fuori del comune, gradiremmo essere sicuri che ciascuno dei disservizi denunciati di recente siano stati eliminati.

Ah, dimenticavamo: la gradevolezza dello “spettacolo” è assicurata dall’aria condizionata. L’ultima volta, fine giugno, che abbiamo preso la Garganica mancava poco che arrostissimo. L’impianto rimarrà in funzione anche dopo il termine dei recital?

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 09/07/2008 -- 18:55:05 -- TERESA MARIA

Singolare notizia, quella del Teatro all'interno della nuova (presumo, visto che si parla di aria condizionata) "Carrettanica", usando il bel neologismo inventato dal "Campanile" di San Severo. Eh no, non ci siamo proprio! Chiunque abbia in questi giorni, come ho fatto io per motivi di lavoro, avuto la sfortuna di salire per tre giorni a San Severo sulla "nuova" Garganica, oltre ai tempi di attesa e percorrenza antidiluviani, si è trovato a viaggiare senza aria condizionata. Il primo giorno era andata completamente in tilt (con i finestrini blindati, confermo che la plastica dei nuovi sedili bolliva letteralmente); il secondo e il terzo giorno funzionava parzialmente. Il fattorino ha avvisato la "gentile clientela" che l'aria condizionata funzionava soltanto in una carrozza e che la macchinetta per la vidimazione dei biglietti forse non funzionava, ma di non preoccuparsi assolutamente, sarebbe passato lui a obliterare i biglietti... Almeno quelli, reperiti a fatica in un bar sul Viale della stazione di San Severo, sono stati attentamente controllati. Niente portoghesi, sulla Garganica! E' possibile fare il biglietto anche sul treno, senza beccarti una multa. Ma forse è una scelta "obbligata", derivante dalle continue proteste di chi il biglietto, pur volendo,non sempre riesce a farlo al volo! Da premettere che all'interno della stazione è possibile fare i biglietti allo sportello sempre aperto soltanto per i percorsi di Trenitalia; i biglietti della Garganica si vendono soltanto al chiosco dei giornali all'interno alla stazione che però spesso, alle ore 15, 20, è ancora chiuso mentre il treno parte, (sempre puntualmente, non c'è che dire) alle ore 15,35. Cosa dire della velocità della Garganica? Credo che quando la linea fu inaugurata dal conte Costanzo Ciano, negli anni trenta, i tempi di percorrenza fossero uguali a quelli che registriamo oggi. Per arrivare a Rodi da San Severo il tempo occorrente è di un'ora e mezzo buona!

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 454

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.