Testa

 Oggi è :  03/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

03/12/2015

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DIVERSAMENTE SIMILI

Clicca per Ingrandire Anche quest’anno Candela darà il benvenuto alle festività natalizie con l’ormai noto “Mercatino di Natale” che si terrà dal 5 all’8 dicembre prossimi. È un’occasione in cui, ogni anno, piccoli e grandi si ritrovano per condividere il piacere e il tepore di un’atmosfera così tanto suggestiva e unica, in un villaggio caratterizzato da casette che esibiscono particolarità dell’artigianato e della gastronomia locale.

I beneficiari del Progetto S.P.R.AR. (Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) “Free Entry” del Comune di Candela, scossi come tutti da quanto successo a Parigi lo scorso 13 novembre, hanno deciso di dimostrare il loro senso di vicinanza e solidarietà alle vittime delle stragi partecipando attivamente al Mercatino di Natale, realizzando artigianalmente oggetti che abbracciano i diversi ‘credo’ religiosi.

I beneficiari del progetto, promosso dal Comune di Candela, il cui ente attuatore è la Coop. Iris di Manfredonia sono trenta, tra rifugiati e richiedenti asilo, e appartengono alle più svariate nazionalità: pakistani, africani, indiani, afghani. Condividono la difficile decisione di essere stati costretti ad abbandonare il loro paese natio, la loro famiglia, la loro cultura, per scampare alle atrocità della guerra o altre devastanti situazioni simili. Insieme, ora, abbracciano la realtà italiana, in particolare quella di Candela, luogo in cui risiedono.

“Dal loro arrivo a oggi - spiega la psicologa del progetto Maria Antonietta Tucci - molte cose sono cambiate. Descrivere l’andamento o le peculiarità che caratterizzano il progetto è quasi come tracciare la realtà di una ‘famiglia’. Assistere quotidianamente a scene di reciproco aiuto pare essere qualcosa di impossibile o ‘magico’, se contestualizzato all’attualità del momento che stiamo vivendo. Non c’è più soltanto una solidarietà che impropriamente potrebbe essere definita ‘unidirezionale’, in quanto legame di beneficiari che condividono la stessa appartenenza etnica: ciò che si sta creando è qualcosa che non può passare inosservato.

“Vedere, ad esempio - continua, - un ospite indiano e uno maliano organizzarsi insieme per mettersi alla ricerca di un lavoro diventa quasi impossibile, se soltanto si pensa a quelle che potrebbero essere superficialmente le diversità culturali o linguistiche che li caratterizzano. Tutto ciò ha contribuito nel tempo ad abbattere i muri dell’indifferenza e della diffidenza, tessendo così le reti di un proficuo attivismo e una forte sensibilizzazione anche a livello locale.

“Significativo - conclude - è vedere ragazzi di fede musulmana, indiana e cristiana radunati intorno a uno stesso tavolo per creare insieme un presepe artigianale. Ciò che caratterizza questo progetto è, dunque, il rispetto reciproco e un forte senso di condivisione e solidarietà”.

 Comunicato stampa

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2507

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.