Testa

 Oggi è :  08/04/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

20/04/2015

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

NUOVI STRUMENTI PER LA QUALITÀ DELLA VITA

Clicca per Ingrandire Dopo 17 anni dall’approvazione del Piano Regolatore Generale (Prg), gli ultimi due provvedimenti presentati dall’assessore all’Urbanistica di Manfredonia, Matteo Clemente, segnano il passo e aprono a nuovi scenari per la pianificazione urbanistica a partire dai progetti strategici di paesaggio e città pubblica. È una rivoluzione copernicana nelle politiche del territorio che pongono al centro del processo di formazione del Pug la valorizzazione dei paesaggi culturali e il sistema dei servizi pubblici e dello spazio pubblico, in una visione sostenibile della città, col Documento Programmatico Preliminare (Dpp) per la variante di adeguamento dello strumento urbanistico vigente (Prg) al Piano Paesaggistico della Regione Puglia (Pptr).

Il Pptr è stato pubblicato il 23 marzo scorso ed è stato dato un anno di tempo ai Comuni per espletare la complessa procedura di adeguamento dello strumento urbanistico vigente. Il documento programmatico che avvia la procedura è stato portato in Consiglio in tempo record e approvato con voto unanime. Il Pptr individua componenti geomorfologiche, idrologiche, botanico-vegetazionali, componenti culturali insediative, valori percettivi sul territorio, ponendo vincoli e azioni di tutela. Il Prg appare superato da una nuova sensibilità maturata sui temi del paesaggio che devono portare a un ripensamento dell’approccio progettuale.

“Abbiamo inteso - illustra l’assessore Clemente - il regime dei vincoli e delle tutele come una risorsa per il territorio. Il paesaggio, nell’ampia accezione data a questo termine dalla Convenzione Europea e dal Pptr, può costituire una strategia per lo sviluppo sostenibile della nostra città. I cinque progetti tematici del Pptr orienteranno le scelte strategiche di pianificazione territoriale e saranno nuove sfide da cogliere per rendere la nostra città più vivibile e attrattiva”. Eccoli.

1) RETE ECOLOGICA REGIONALE = Assume nel progetto di rete le connessioni ecologiche esistenti e i progetti multifunzionali di cui ai punti successivi.
2) PATTO CITTÀ-CAMPAGNA = Propone una serie di azioni per mitigare le criticità delle urbanizzazioni contemporanee, dalla ridefinizione dei margini urbani alla realizzazione del Parco CO2 attorno alla città (nel caso di Manfredonia si andrebbe a riconnettere coi canaloni alla costa), agli interventi di riforestazione urbana, al contenimento del consumo di suolo.
3) SISTEMA INFRASTRUTTURALE PER LA MOBILITÀ DOLCE = Promuove una rete di percorsi ciclopedonali per la fruizione lenta dei paesaggi, integrando turismo culturale, ambientale ed enogastronomico.
4) VALORIZZAZIONE INTEGRATA PAESAGGI COSTIERI = Prevede azioni di riqualificazione e salvaguardia di paesaggi ad alta valenza naturalistica, in una visione integrata con l’entroterra (di cui, una compiuta esemplificazione è data dal programma di riqualificazione per la Riviera Sud).
5) SISTEMI TERRITORIALI PER FRUIZIONE BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI = Promuove un approccio sistemico integrato ai beni culturali e ambientali, già fortemente radicato in Puglia con le esperienze di archeologia attiva e formazione di ecomusei.

Piano dei servizi - Progetto della città pubblica - Indirizzi per il Pug strutturale. Il Piano dei Servizi è una parte essenziale del Pug strutturale, che riguarda le aree a standard per i servizi pubblici, le attrezzature di interesse collettivo e quindi l’organizzazione del sistema funzionale della città. Le previsioni di Prg, basate sugli standard urbanistici del DM 1444 del 1968, sono superate dalla realtà e da modelli di vita diversi dell'uomo contemporaneo.

“Intendiamo porre al centro del progetto della città - precisa il sindaco Angelo Riccardi - lo spazio pubblico come luogo di relazione e socialità”. E “in tal senso - aggiunge Matteo Clemente - vogliamo adottare un Piano dei Servizi che riveda il concetto di standard urbanistico del vecchio Prg, passando da quantità di superficie dell’area pubblica a qualità e fruibilità di servizi e spazio pubblico. La presenza di attrezzature a uso pubblico è vista come opportunità per una maggiore funzionalità urbana e accrescere la qualità spaziale della città”.

Sono stati censiti tutti i servizi presenti sul territorio relativi ai diritti di cittadinanza: da salute, assistenza sociale e sostegno della famiglia a istruzione, innovazione e ricerca, da esercizio della libertà di religione a fruizione di tempo libero, verde pubblico, cultura, sport e spettacolo, da mobilità e accessibilità, trasporto pubblico e collettivo a godimento di paesaggio, patrimonio storico-artistico e ambiente, e a servizio abitativo sociale. I dati del rilievo sono stati georeferenziati, coi loro rispettivi raggi di influenza, e messi in relazione al quartiere, generando una serie di layer tematici e consentendo un primo quadro interpretativo per quartieri, rilevando prime criticità.

La ricognizione ha riguardato anche tutte le ‘aree a standard’ cedute al Comune nella realizzazione delle lottizzazioni, le aree aggregate e le altre ‘F’ previste dal Piano Regolatore. Il Prg prevedeva, per esempio, un nuovo cimitero al di fuori del centro abitato, un nuovo ospedale, altre attrezzature che devono essere ripensate in termini attuali della città. Le aree per istruzione sono sottodimensionate rispetto allo standard, ma le sezioni hanno pochi bambini, segnando una decrescita della popolazione infantile, il verde è carente e mancano soprattutto parchi urbani proporzionati a una città di 57mila abitanti. Il documento fornisce un orientamento per le scelte definitive del Pug e formula una prima ipotesi di ‘carta per la città pubblica’.

“Si intende ripensare - chiosa l’assessore Clemente - il verde urbano e peri-urbano, attraverso un progetto scalare che va dai giardini di quartiere ai grandi parchi urbani, alla scala territoriale, di cui la città è priva. A partire, nella fattispecie, dal parco archeologico di Siponto e degli Ipogei Capparelli al parco archeologico e sportivo di Lama Scaloria, dal parco della Cava nei comparti CA al parco delle acque e alla pista ciclabile lungo la costa, dal parco lineare fronte mare ai giardini di quartiere. Il sistema del verde dovrà costituire un sistema scalare di interventi sul territorio a formare una rete ecologica e dello spazio pubblico”.

“È stato considerato in termini complessivi - termina il sindaco - il tema delle aree pubbliche nei comparti CA appena realizzati, ipotizzando una rete di servizi pubblici e spazi pubblici che dovranno rendere vivibili i nuovi quartieri. Si prevede la realizzazione di una scuola per l’infanzia, orti urbani, aree per attività culturali, sport e tempo libero. Luoghi di socializzazione per una comunità vibrante e vitale”.

Matteo Fidanza






 Ufficio Stampa e Comunicazione Città di Manfredonia

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3720

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.