Testa

 Oggi è :  21/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

07/04/2014

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

F1, BAHRAIN: FERRARI MAI IN CORSA

Clicca per Ingrandire Domenica 6 aprile si è corso il GP del Bahrain, terzo appuntamento del mondiale. La Mercedes ottiene la seconda doppietta di fila, con Hamilton che beffa Rosberg alla prima curva e rimane sempre al comando, eccetto durante i pit-stop, pur essendo in battaglia continua col compagno di scuderia il quale ha tentato più volte il sorpasso senza successo. Dominio Mercedes già dalle prove, con le frecce d’argento che dominano libere e qualifiche. Infatti la prima fila è loro monopolio, davanti alle Williams.

I ferraristi Raikkonen e Alonso si qualificano sesto e decimo, ma scattano in quinta e nona causa l’arretramento di Ricciardo dalla terza alla tredicesima posizione. Ne approfitta anche Vettel che scatta decimo accanto ad Alonso. Al via Hamilton infila Rosberg e si porta al comando, mentre Massa azzecca una partenza perfetta e si porta alle spalle delle due Mercedes. Male, invece, lo scatto di Raikkonen che perde posizioni e arretra in nona posizione, dietro a Hulkemberg e Fernando Alonso.

Purtroppo il motore Mercedes, che equipaggia fra le altre anche la vettura di Hulkemberg, è superiore a quello Ferrari e per questo Hulkemberg non ci impiega molto tempo a risuperare lo spagnolo. Le Mercedes guadagnano quasi due secondi a giro e l’unico che si avvicina ai loro tempi è Hulkemberg. Al settimo giro doppio sorpasso di Hulkemberg e Button ai danni di Bottas, il quale al termine del giro rientra ai box seguito da Kvyat. Siamo al giro 12 e l’altra Force India di Perez attacca e supera l’altra Williams di Massa e conquista la terza posizione.

Al giro successivo Alonso va ai box e monta di nuovo gomme soft. Intanto nelle retrovie si incendia la lotta Bianchi-Sutil coi due che si toccano ripetutamente. Sutil ha la peggio (è costretto al ritiro), ma anche Bianchi danneggia la gomma ed è costretto a tornare ai box. Al giro 18 si accende improvvisamente la lotta per la testa della corsa fra le due Mercedes con Rosberg che attacca due volte Hamilton e lo passa, salvo poi essere sempre controsorpassato. Si arriva così al giro 26 quando scoppia la lotta fra le Williams e le Force India, dalla quale si sfila subito Bottas, che ritorna ai box per montare gomme soft.

Hulkemberg incalza Massa ma a sorpresa è proprio il tedesco a perdere una posizione a vantaggio del compagno di squadra Perez. Il messicano è scatenato e dopo pochi giri salta anche Massa, seguito a ruota da Hulkemberg. Giro 30 e Ricciardo supera Raikkonen, in evidente crisi di gomme. Si ferma anche Perez ai box e torna in pista alle spalle di Alonso, il quale non ha la potenza necessaria nella PU per difendere la posizione appena guadagnata.

Nel frattempo Vettel attacca e supera prima Magnussen poi Maldonado. Quest’ultimo va ai box poco dopo ma all’uscita colpisce la Sauber di Gutierrez e lo fa cappottare. La direzione gara ci mette un po’, ma alla fine la safety car entra in pista e annulla tutto il vantaggio della Mercedes che ne approfitta, con le Ferrari, per fermarsi ai box, mentre finisce la gara di Magnussen, fermo per problemi alla macchina. Maldonado viene punito con un 10 secondi di stop&go. La safety car rientra ai box al giro 47 ed è subito lotta fra le Mercedes con Rosberg che attacca ripetutamente Hamilton, pur venendo sempre bloccato.

Nel gruppo degli inseguitori entrambe le Williams superano Button, il quale deve difendersi anche da Alonso. Lotta pure fra le Red Bull con Ricciardo che non ci pensa due volte e supera il compagno di squadra Sebastian Vettel. Mentre davanti le Mercedes continuano a scambiarsi le posizioni a suon di staccate e incroci di traiettoria, Ricciardo supera anche Hulkemberg e si porta ai piedi del podio, lanciandosi all’inseguimento di Perez. Intanto le Ferrari superano Button che a tre giri dal termine si ritira per un problema tecnico. Vince Hamilton davanti a Rosberg e Perez. Male le Ferrari in nona e decima posizione.

Stefano Tavaglione


ORDINE DI ARRIVO
1 Lewis Hamilton Mercedes 1:39:42.743
2 Nico Rosberg Mercedes +1.0
3 Sergio Perez Force India-Mercedes +24.0
4 Daniel Ricciardo Red Bull Racing-Renault +24.4
5 Nico Hulkenberg Force India-Mercedes +28.6
6 Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault +29.8
7 Felipe Massa Williams-Mercedes +31.2
8 Valtteri Bottas Williams-Mercedes +31.8
9 Fernando Alonso Ferrari +32.5
10 Kimi Räikkönen Ferrari +33.4
11 Daniil Kvyat STR-Renault +41.3
12 Romain Grosjean Lotus-Renault +43.1
13 Max Chilton Marussia-Ferrari +59.9
14 Pastor Maldonado Lotus-Renault +62.8
15 Kamui Kobayashi Caterham-Renault +87.9
16 Jules Bianchi Marussia-Ferrari +1 Giro
17 Jenson Button McLaren-Mercedes +2 G.

Ritirati
Kevin Magnussen McLaren-Mercedes
Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari
Marcus Ericsson Caterham-Renault
Jean-Eric Vergne STR-Renault
Adrian Sutil Sauber-Ferrari


CLASSIFICA PILOTI
1 Rosberg Mercedes 61 p.
2 Hamilton Mercedes 50 p.
3 Hulkemberg Force India 28 p.
4 Alonso Ferrari 26 p.
5 Button McLaren 23 p.

CLASSIFICA COSTRUTTORI
1 Mercedes 111 p.
2 Force India 44 p.
3 McLaren 43 p.
4 Red Bull 35 p.
5 Ferrari 33 p.

 Redazione (foto derapate.it)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 8847

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.