Testa

 Oggi è :  22/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

25/03/2014

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL CINEMA DIVERSAMENTE ABILE

Clicca per Ingrandire E’ tempo di bilanci per “Riprendere… in giro – essere il cinema, vivere il territorio”, progetto della cooperativa ‘SocialService’ che coinvolge ventuno ragazzi diversamente abili dei 5 Reali Siti (Orta Nova, Ordona, Carapelle, Stornara, Stornarella). Finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità nell’ambito del “Bando pari opportunità nell’arte, cultura e sport a favore di persone disabili” (all’interno del quale “Riprendere… in giro” (RIG) si è classificato terzo), il progetto è infatti arrivato a metà percorso.

Finalizzato all’integrazione e socializzazione dei diversabili attraverso la magica macchina del cinema, RIG ha reso i partecipanti protagonisti di un viaggio alla riscoperta della diversità come “maniera privilegiata” di vedere il mondo e viverlo. Accanto alle attività di counseling (venire in aiuto; ndr) pedagogico e terapeutico con esperti, i ventuno ragazzi hanno partecipato a un cineforum sulla diversità aperto al pubblico nel laboratorio urbano dell’Arte e dell’Archeologia di Ordona, tenuto da Mauro Palma, e a un vero e proprio laboratorio teatrale creato ‘ad hoc’ da Pino Casolaro con l’aiuto di padre Massimo Montagano per aiutare i giovani partecipanti a riscoprire la propria corporeità e a dare voce alle proprie emozioni.

“Interagire con loro - sottolinea Gerardo Consagro, presidente della coop. “SocialService” - è qualcosa di straordinario. Sono persone capaci di dare davvero tanto, coinvolgerti, ricaricarti. Sono diventati la nostra forza”. Difatti, tanti sono stati i ragazzi ‘normodotati’ che, galeotto il cineforum, si sono lasciati coinvolgere, hanno creato un rapporto unico e davvero speciale coi protagonisti del progetto e oggi sono parte integrante ed entusiasta dello staff di Riprendere in giro”.

Al progetto mancano ora due tasselli importanti per concludere il suo viaggio: una serie di visite guidate (Foggia, Roma e Lucera) per visitare dal vivo le location di alcune pellicole visionate e il momento in cui l’intera esperienza diventerà una docu-fiction da presentare in alcuni festival nazionali e internazionali. “Lavorare nel sociale - evidenzia Michele Visconti, vicepresidente della ‘Social Service’ - è la nostra mission ed è la cosa che ci appaga maggiormente. Senza questi ragazzi, infatti, le nostre esistenze sarebbero incomplete”.

E’ per questo che la ‘Social Service’ proprio non sa stare con le mani in mano e già pensa ai prossimi progetti in cantiere. Si tratta della realizzazione di una web tv e un servizio di telefonia sociale. Anche in questo caso, Gerardo Consagro e Michele Visconti aprono le porte a giovani volontari del territorio che abbiano voglia di diventare una parte di quel tutto chiamato “terzo settore”.


 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 891

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.