Testa

 Oggi è :  24/05/2024

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

28/04/2013

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

TERZA E ULTIMA LISTA: LE PROPOSTE

Clicca per Ingrandire 1 - TRASPARENZA AMMINISTRATIVA

La pietra miliare su cui si fonda “Progetto Peschici” è la ricerca del maggiore coinvolgimento della cittadinanza in tutte le attività riguardanti l’amministrazione della Cosa Pubblica a Palazzo di Città. La lista “Progetto Peschici” si ripromette di istituire una sede permanente per creare un continuo punto d’incontro fra cittadinanza e amministratori. Il movimento si doterà di un organismo “direttivo”, che avrà il chiaro compito di lavorare in continua sinergia con i futuri consiglieri comunali, per monitorare l’attuazione dei punti del proprio programma e affrontare le diverse problematiche inerenti la futura attività amministrativa.

Tenuto conto delle esigenze dei Cittadini e delle Professionalità che operano sul territorio, si ritiene fondamentale attuare una riorganizzazione della macchina amministrativa. La prima essenziale riforma dovrà consistere in un più razionale impiego del personale attraverso:
- riorganizzazione della pianta organica del personale e accorpamento dei settori in alcune aree omogenee, in funzione dei servizi erogati al cittadino;
- lotta agli sprechi e razionalizzazione delle convenzioni;
- puntuale e congrua rotazione degli incarichi professionali nel rispetto della legge.

Per creare un concreto e sinergico rapporto dell’amministrazione con il pubblico sono stati individuati alcuni punti cardine:
- efficienza e ottimizzazione dell’ufficio relazioni con il pubblico (URP), mediante l’utilizzazione degli strumenti e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e di personale formato e specializzato ad espletare tale servizio;
- collocamento dell’ufficio URP in area facilmente fruibile al pubblico;
- attivazione dello“ Sportello unico dell’edilizia”, come previsto dal Testo Unico sull’Urbanistica, con un unico responsabile per i rapporti con il pubblico in grado di dare risposte certe in tempi ragionevoli.


2 - AMBIENTE – TURISMO – TERRITORIO

II territorio di Peschici per noi è unico ed è impensabile fare un distinguo fra Centro e Marine. Pertanto tutte le varie zone di Peschici hanno bisogno della stessa attenzione, anche perché solo una visione unitaria dell'intero territorio permetterà di progettare efficaci piani di sviluppo e occupazione. Il nostro è un paese a vocazione turistica, dove le maggiori attrazioni sono rappresentate dalle bellezze naturali. Programmare uno sviluppo sostenibile, rispettando ciò che Dio ci ha donato, senza che noi facessimo alcuno sforzo, è indiscutibile.

Doveroso da parte nostra è preservare il nostro territorio attraverso una costante e attenta politica che valorizzi il nostro patrimonio (Torri costiere, trabucchi...). Il nostro lavoro sarà incentrato sul totale sostegno alla strutturazione di progetti per il rilancio del Turismo, sulla rivisitazione del Piano delle Coste e sulla facilitazione degli accessi al mare.

Prima prerogativa di “Progetto Peschici” è un maggiore controllo della raccolta dei rifiuti urbani e della pulizia del territorio, sia in termini di salute che di abbattimento dei costi. La raccolta porta a porta ci consente già ora di raggiungere gli obiettivi minimi di differenziata stabiliti dalle normative, ma dovrà essere impegno dell’Amministrazione verificare la puntuale ed esatta esecuzione dei contratti in essere affinché la raccolta dei rifiuti non sia più un problema ma diventi un’opportunità. Per questo motivo bisognerà accelerare la realizzazione di isole ecologiche che aiuteranno il cittadino a rispettare le norme ed il Comune a conseguire i relativi risparmi. Gli stessi saranno destinati in favore delle famiglie e delle imprese.

Parcheggio gratuito per residenti.

Il vecchio Centro Urbano esige un recupero attraverso l'approvazione di un Piano Concordato dei materiali e dei colori. E' indispensabile un coinvolgimento diretto nella gestione del territorio di tutti gli Operatori Turistici, Commercianti e Associazioni Ambientaliste attraverso l’istituzione della “Consulta del turismo e la Promozione del territorio”. Tale organo di reciproca collaborazione rappresenterà un’arma vincente per lo sviluppo del nostro paese. Attivazione di un confronto diretto con i commercianti, a scadenze ben definite, per la risoluzione di tutte le problematiche esistenti con particolare attenzione ai bisogni della cittadinanza. Pertanto, il nostro impegno sarà quello di trovare soluzioni relative a politiche di destagionalizzazione.

Promuoveremo il territorio puntando sul turismo di qualità (turismo familiare, sportivo, congressuale, religioso…) ed effettueremo studi nello specifico settore per individuare strategie e business che prolunghino la nostra alta stagione.

Potenziamento del rapporto comprensoriale con i Comuni limitrofi per l’organizzazione in sinergia di importanti eventi (sportivi, musicali, teatrali, ecc.) nella stagione invernale. Creazione di guide inerenti percorsi a rilevanza commerciale, paesaggistica e storica. Potenziamento dell’impianto di video-sorveglianza nelle zone scoperte dal servizio. Bisognerà incentivare il progetto “una spiaggia per tutti”, con la ridefinizione delle spiagge private e la nascita di S.L.S. (spiaggia libera con servizi). Inoltre, bisognerà creare un Info-Point per monitorare l'indice di gradimento dei servizi forniti ai cittadini e prevenire quei fenomeni anomali che potrebbero portare al degrado del nostro territorio.

Negli anni a venire, l'obiettivo che tutti noi dovremo porci sarà quello di ottenere “La Certificazione di Qualità per l'Intero Territorio” qualificando Operatori Turistici, Esercizi Pubblici e Commerciali e il nostro mare con tutte le attività ad esso annesse, e quindi il nostro Turismo.

Potenziamento della Protezione Civile: sarà vincolante per l’Amministrazione partecipare ad ogni forma di finanziamento proveniente da Enti sovracomunali che sia finalizzato all’implementazione e ad una maggiore efficienza ed efficacia dell’azione dei nuclei locali di protezione civile. Bisognerà verificare di anno in anno la rispondenza del piano di protezione civile alle reali esigenze del territorio.


3 - SPORT

Occuparsi di sport significa creare per i nostri ragazzi e per tutti i nostri cittadini le condizioni tali perché si possa socializzare. Lo sport è un mezzo per nobilitare la mente e lo spirito. Esso rende gli uomini migliori. Già da anni disponiamo di un campo sportivo. Compito di “Progetto Peschici” sarà quello di riorganizzare gli impianti comunali per l’utilizzo degli stessi da parte di tutta la collettività, inserendo un servizio di trasporto ad orari prestabili, finalizzato a migliorare la mobilità degli atleti. Riteniamo, inoltre, sia indispensabile incentivare per i giovani residenti lo svolgimento delle attività sportive legate al mare. Noi di “Progetto Peschici” siamo convinti che incentivare lo sport, incoraggiando e sostenendo anche la realizzazione di manifestazioni sportive, permetterebbe di creare nel nostro paese le condizioni atte affinché molti giovani si allontanino da situazioni di rischio sempre in agguato.


4 - CULTURA E SPETTACOLO

Occorrerà attuare un maggiore sviluppo socio-culturale, in modo da: rendere accessibile alle future generazioni la conoscenza della nostra memoria storica; confrontarsi direttamente o indirettamente con altre realtà; cercare di avvicinare i nostri giovani a tutto ciò che è creatività attraverso le Associazioni Culturali, la Scuola, la Chiesa, gli Oratori e le Associazioni sportive. Si dovrà creare un coinvolgimento ed una partecipazione attiva di tutta la cittadinanza che dovrà sentirsi partecipe e supportata da un rinnovato protagonismo della "Municipalità".

Occuparsi di cultura è diventato ormai una necessità impellente. Il nostro paese purtroppo è sprovvisto di centri di ritrovo culturale, e sempre più spesso i nostri giovani sono costretti ad andare fuori paese pur di usufruire di strutture che dovrebbero essere fondamentali. Bisognerà migliorare qualità e tipologia dei volumi in possesso della Biblioteca Comunale. Andrà, inoltre, incentivata la creazione di eventi culturali, come la presentazione di libri, convegni o mostre. Noi di “Progetto Peschici” ci impegneremo nel creare nuovi contenitori culturali: acquisendo l’Abazia di Calena per manifestazioni artistico-culturali, progettando un percorso culturale che abbracci e valorizzi le torri costiere presenti sul nostro territorio, fulcro di storia cittadina, riorganizzando l'ente Pro Loco.

Occorrerà, inoltre, sostenere le feste patronali di Sant’Elia, Madonna di Loreto, festa di S. Antonio, Madonnina del mare, San Matteo, Sagre organizzate a Peschici, ricorrenze obbligatorie per la storia, la cultura, le tradizioni locali e l'identità territoriale. Inoltre si dovrà puntare anche sulla realizzazione di nuovi eventi come spettacoli teatrali e musicali che potrebbero convogliare in pieno inverno persone dai paesi limitrofi.


5 - SERVIZI SOCIALI

I tavoli di concertazione con le Associazioni operanti sul territorio sono fondamentali in questo Settore per poter comprendere appieno i vari disagi presenti sul territorio e individuare il modo migliore per poter intervenire. La Parrocchia, la Scuola, il Settore Servizi sociali, il Comune come Istituzione, le Associazioni a carattere sociale, quelle Sportive, le Istituzioni militari, insieme al coinvolgimento delle famiglie dovranno vigilare sul territorio, e solo così si potrà avere il polso della situazione ed intervenire per tempo sui fenomeni di devianza minorile e disagio sociale.

Dovremo cercare con serietà e professionalità di dare risposte risolutive ai bisogni di tutti coloro che chiedono aiuto attraverso uno screening delle famiglie disagiate a causa della disoccupazione del genitore, delle famiglie con minore portatore di handicap, dei giovani in “difficoltà”, degli anziani non autosufficienti, dei malati ecc. Occorrerà dare ai nostri Anziani, ai Disabili, ai Malati, ai nostri ragazzi stretti nella morsa della devianza minorile e del disagio sociale, la possibilità di vivere una vita privata e sociale soddisfacente attraverso l'intervento diretto di tutti gli “Attori Sociali” che operano sul territorio, anche promuovendo l'apertura o l'incentivazione di Circoli Ricreativi e Centri Polivalenti socio-sanitari. Dovremo attivare campi-scuola estivi con programmi organizzati e strutturati per bambini/ragazzi residenti e non; promuovere un progetto ludico/ricreativo per i ragazzi e loro famiglie, e realizzare una guida informativa sui servizi sociali comunali e sulle modalità per accedere a contributi e sovvenzioni.


6 - LE NOSTRE OPERE PUBBLICHE

La costruzione di nuove opere pubbliche deve partire dalla consapevolezza che le opere e strutture pubbliche esistenti necessitano di una manutenzione costante e puntuale. Tutto il patrimonio comunale fatto di edifici pubblici, strade, scuole, pubblica illuminazione, verde, bagni pubblici, marciapiedi e ogni bene di uso pubblico va tenuto in buon ordine e in piena efficienza per fornire di Peschici l’immagine di paese civile e turistico.

Noi dovremo lavorare nella politica del fare privilegiando il discorso manutenzione. Sarà attivato il servizio di pronto intervento: ad un numero telefonico i cittadini potranno segnalare i piccoli interventi da attuarsi in merito ai beni comunali. Un operatore trasmetterà la segnalazione per un rapido intervento agli uffici competenti e richiamerà entro pochi giorni il cittadino informandolo dell'esito della segnalazione. Tutto ciò richiede una puntuale verifica ed un preciso controllo di tutte le convenzioni poste in essere dal Comune con le ditte private, a cui è stata affidata la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'illuminazione pubblica, del verde pubblico, dei bagni pubblici, degli uffici comunali, del cimitero, ecc.

Dovremo rivalutare l’arredo della Villa Comunale; dovremo risolvere l’annoso problema dei parcheggi attraverso una razionalizzazione dei posti macchina nel centro urbano. Bisognerà riqualificare il centro storico di Peschici. Dovremo riqualificare il centro abitato di Tuppo delle Pile attraverso piani di recupero urbanistico che dovranno individuare strade, parcheggi, giardini e altro, al fine di renderli vivibili. Ammoderneremo la rete elettrica per consentire un adeguato risparmio energetico, installando pannelli fotovoltaici sugli edifici pubblici. Potenzieremo l’edificazione già esistente attraverso l’ampliamento della “167”.
Riqualificazione del sito San Nicola. Manutenzione della viabilità rurale.


7 - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA

II Programma di Fabbricazione è ormai uno strumento sostanzialmente caduto in disuso. Infatti si può dire, in sostanza, che il Programma di Fabbricazione è un piano urbanistico di minimo intervento. Alla redazione di questo strumento erano obbligati tutti i Comuni che non erano, viceversa, obbligati alla redazione del Piano Regolatore Generale, per cui oggi non fornisce più risposte adeguate. Posto ciò e fatte salve, ovviamente, le competenze proprie che sono esercitate al momento dalla Regione, noi di “Progetto Peschici” attueremo ogni possibile sforzo teso a migliorare la pianificazione urbanistica in questione.

Dotarsi di un PUG (Piano Urbanistico Generale), una buona volta per tutte, è un sacrosanto diritto del cittadino mortificato ormai da decenni di vane aspettative. La sua approvazione avrebbe anche il potere di creare occupazione e migliorare l’economia del nostro paese. Il PUG è uno strumento di disciplina urbanistica a livello comunale, elaborato in previsioni strutturali e previsioni programmatiche. Le prime definiscono le direttrici di sviluppo degli insediamenti nel territorio comunale, del sistema delle reti infrastrutturali e delle connessioni con i Comuni limitrofi. Le seconde definiscono, in coerenza con i fabbisogni nei settori residenziale, produttivo e infrastrutturale, le localizzazioni delle aree da ricomprendere nei PUE (Piani Urbanistici Esecutivi), stabilendo quali siano le trasformazioni fisiche e funzionali ammissibili; inoltre disciplinano le trasformazioni fisiche e funzionali consentite nelle aree non sottoposte alla previa redazione di PUE.

Riteniamo sia doveroso attuare un Piano Coste rispettando i giusti parametri fra spiagge libere e spiagge attrezzate, indispensabile per poter salvaguardare la costa dalla costante speculazione; sarà necessario, altresì, impegnarsi nella lotta all’erosione delle coste, un bene fondamentale per il nostro paese.


8 - ABAZIA DI CALENA

Da persone corrette, rispettose della nostra comunità, con l'intento di scrivere una nuova pagina nella storia di Peschici, cercheremo di rilanciare lo sviluppo del territorio attraverso il recupero dell’Abazia di Calena. L'Italia ha le migliori e più belle ricchezze archeologiche, storiche e naturali al mondo, viene visitata da un flusso di turisti enorme e attendiamo sempre più visitatori: basti pensare che un miliardo di cinesi e un miliardo di indiani vorrebbero venire a conoscere il nostro Paese. La politica del nostro Paese dovrebbe essere quella di tutelare i nostri monumenti, non solo per un motivo storico ma anche economico.

L'abazia è un monumento di interesse nazionale, per il Gargano è la fonte della sua millenaria storia e cultura. Creeremo come risposta una fondazione in accordo con i proprietari che soddisfi nell'immediato tutte le aspettative richieste dal punto di vista pubblico-amministrativo, una risposta che speriamo metterà fine a tutto questo, senza facili promesse e illusioni, attraverso una concertazione tra Proprietari, Cittadini, Associazioni del Settore e Pubblica Amministrazione.


9 - FINANZA E TRIBUTI

Vista la non florida situazione in cui versano attualmente le casse Comunali, diventa difficile assicurare l’equilibrio finanziario, ma è quello che ci proponiamo attraverso una politica di rigore e una adeguata gestione del Pubblico denaro. Fondamentale, per un obiettivo così importante, sarà la riorganizzazione dell'Ufficio Tributi, quale settore fondamentale per le casse comunali. Un altro punto fondamentale, che verrà preso in considerazione e seguito attentamente, sarà la tassa sulla spazzatura. Riteniamo che le tariffe attuali incidano molto sull’economia familiare, specialmente su quelle famiglie a basso reddito per cui si renderebbe necessario diminuire, per quanto possibile, il costo. Ciò sarà fattibile diminuendo la quantità di rifiuti da portare in discarica, attraverso l'aumento della differenziata.

E' intendimento del Movimento “Progetto Peschici”, da una parte, attivare un meccanismo che incentivi il Cittadino ad una più oculata raccolta differenziale e, dall'altra, attuare un maggiore controllo sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti. “Più Differenziata, meno tasse da pagare”, uno slogan che molti altri Comuni in Italia hanno fatto proprio.


10 - COMMERCIO

I Commercianti vivono una crisi dei consumi che non accenna a diminuire. Tutti sappiamo che la soluzione sarebbe attirare più turisti, attuare una politica di destagionalizzazione, ma il difficile è capire come fare per ottenere ciò. Secondo noi, la possibilità di realizzare un porto turistico con attracco di navi da crociera è una soluzione, un sogno da vivere? … Vedremo. “Progetto Peschici” sosterrà la realizzazione del porto con attracco di navi da crociera come crescita del turismo di qualità nel territorio. La sua realizzazione è finalizzata allo sviluppo turistico ed economico di Peschici, un itinerario affascinante, tra le destinazioni più suggestive dell’Adriatico. Costruiremo una delle realtà più dinamiche d’Europa, una città bella, sicura, accogliente con tante occasioni d’arricchimento culturale, shopping, relax. La collaborazione con le eventuali compagnie di navigazione rappresenterà una vetrina internazionale per il Gargano ed i suoi prodotti, ed è al tempo stesso il simbolo di un’eccellenza che siamo impegnati a perseguire nel campo dell’ambiente, della sicurezza, delle nuove tecnologie, della qualità della vita. L'idea generale alla quale stiamo lavorando è la creazione di un flusso turistico per tutto l'anno, a testimonianza del dinamismo e della vivacità del nostro territorio. È questo il senso profondo del nostro progetto, un’opera pensata per accogliere i turisti che sbarcano dalle navi da crociera, un’opera che contribuirà ad un ulteriore rilancio di immagine del nostro paese.

Inoltre la possibile costituzione di un “Tavolo di Concertazione” attivo, vivo e partecipe ad ogni iniziativa, in una collaborazione continua, sinergica tra Amministrazione Comunale ed Associazioni di Categoria, in modo che si possano discutere e affrontare insieme i temi più scottanti come: i disservizi, la pulizia, gli orari di chiusura ed apertura degli esercizi, eventuali chiusure settimanali, gli spazi pubblici, l'isola pedonale, i parcheggi a pagamento, la viabilità, il continuo scambio di idee, una programmazione efficiente, sarà l'arma vincente.

Allo stesso modo, in tempi utili, sarà necessario dare più decoro al nostro Paese e in particolare al “Centro Storico”, attraverso un recupero urbanistico, basato su un piano concordato, di materiali e colori, così come dovremo attivarci per un servizio di pulizia più efficiente e continuo sia delle nostre strade che delle spiagge e, quindi, rivitalizzare il “Centro Storico” attraverso un programma di manifestazioni ludiche, culturali ed artistiche, sagre ed altro che invogli il turista a visitare il paese tutto l'anno.


11 - PESCA

Abbiamo da sempre sostenuto che il mare è soprattutto lavoro e la pesca è stata un pilastro fondamentale su cui si basava l'economia locale. Bisogna sostenere i nostri pescatori e le loro attività e, soprattutto, i giovani pescatori, che vorranno proseguire il lavoro dei loro padri, per i quali è giusto aprire nuove prospettive, soprattutto attraverso una stretta collaborazione tra Amministrazione Comunale e la Marina. In tal modo, si potranno avviare importanti esperienze nell'ambito della formazione, per cercare di valorizzare e gestire al meglio le opportunità che deriveranno da questa cooperazione. La Marina non dovrà essere vista come un divieto, ma come un’ulteriore opportunità di lavoro e crescita per il paese, cercando di salvaguardare le attività esistenti anche attraverso, se possibile, la modifica di regolamenti esistenti.

Sosterremo i nostri pescatori anziani affinché possano continuare, magari attraverso una formula appropriata di intesa con le Autorità del Settore, la loro pregevole attività in mare e con il mare; attività questa, che rappresenta la loro stessa vita. Ci occuperemo di finanziamenti rivolti al settore della pesca e costituiremo un “Fondo di Solidarietà della Pesca” cercando di dare non solo un sostegno materiale, ma soprattutto quella solidarietà Politica ed Amministrativa che faccia sentire il Pescatore protetto e sicuro.


12 - AGRICOLTURA

L’Agricoltura, fortemente penalizzata negli ultimi decenni per un insieme di cause di varia natura, deve trovare la strada per riacquistare un ruolo non secondario nell’economia locale. Si tratta di un traguardo raggiungibile soltanto compattando le energie nelle forme consociative più appropriate, che proprio nel settore appaiono indispensabili, anche per l’esigenza di utilizzare al massimo le possibilità offerte dalla Comunità Europea. Si impone una decisa evoluzione degli assetti aziendali in senso organizzativo, professionale e tecnologico, che consenta:
- adattabilità produttiva sulla base degli orientamenti dei mercati nazionale e comunitario;
- inserimento diretto nei principali nodi commerciali e presenza di prodotti locali nelle manifestazioni del settore agro-alimentare.

Il turismo enogastronomico ha una forte connotazione territoriale. Esso è caratterizzato dal fatto che presenta delle variabili che differiscono da luogo a luogo e da regione a regione, in relazione alla tipicità dei prodotti che vengono presentati. I prodotti tipici costituiscono indubbiamente un fattore di attrazione per i turisti. Affinché essi possano divenire la molla che deve spingere il turista a preferire Peschici, devono essere supportati ed affiancati da una valorizzazione del territorio e dell’ambiente, da una riscoperta delle nostre più antiche tradizioni culinarie, dalla valorizzazione della nostra proverbiale ospitalità, dall’organizzazione di un’attività alberghiera e ricettiva diffusa sul territorio, dalla presenza nel territorio di attrezzature sportive e per il tempo libero, oltre che dalla valorizzazione delle nostre strutture architettoniche storiche e delle nostre valenze artistiche e culturali.

In termini più ristretti, bisogna che l’amministrazione riesca ad organizzare un sistema-paese che si presenti al turista come perfettamente articolato ed armonizzato nelle sue varie componenti per accoglierlo e mantenerlo nel territorio a suo agio il più a lungo possibile. Tutto ciò impone una fattiva cooperazione tra i soggetti territoriali interessati, sia pubblici che privati, che devono adottare logiche di sviluppo basate non solo su finalità di ritorno economico a breve termine, ma su una programmazione adeguata con sforzi ed investimenti nell’immediato, per garantirsi una rendita e un risultato a medio e lungo termine.

Organizzare un territorio rurale per renderlo una destinazione appetibile è decisamente più complesso e difficile che non per altre tipologie di offerte, quali possono essere quelle balneari/costiere, per il semplice fatto che il mare di per sé è già un’attrattiva.

Noi, invece, dobbiamo inventarci quasi tutto, anche il servizio di bus navetta che nelle ore del mattino e pomeriggio accompagnino e riportino i nostri turisti dalle località di mare. Dobbiamo puntare, inoltre, sulla maggiore salubrità del nostro clima nelle infuocate giornate estive rispetto al clima costiero. L’obiettivo di rendere il Turismo una delle voci economiche per il nostro paese è quindi un obiettivo complesso ed abbastanza difficile da perseguire, non per questo impossibile e per tale ragione anche più stimolante ed affascinante.

Lo sviluppo di un territorio a vocazione enogastronomica, attraverso la leva turistica, impone alcune considerazioni generali che riguardano la fattibilità, la pianificazione, l’organizzazione e la promozione. Gli obiettivi da raggiungere devono essere collegati fra di loro secondo logica e si devono assolutamente evitare interventi a pioggia e casuali scollegati fra di loro. I punti programmatici si possono brevemente schematizzare nei seguenti:
1) garanzia di qualità per i nostri prodotti più importanti attraverso la quale l’ospite possa sentirsi tutelato;
2) recupero delle tradizioni culinarie e folkloristiche, valorizzazione delle nostre bellezze architettoniche e paesaggistiche;
3) salute e benessere attraverso un’attenzione particolare alla qualità degli ambienti, un’alimentazione gustosa, sana e genuina, relax e una sana attività fisica;
4) formazione del personale turistico mediante l’organizzazione di corsi di accompagnatore turistico, tenuti da esperti che siano profondi conoscitori delle nostre tradizioni storico culturali.
5) corsi di lingua “inglese parlato”, aperto a tutti, possibilmente gratuito o verificatane la fattibilità economica, con fondi pubblici, particolarmente rivolto ai vigili urbani, al servizio civile ed agli operatori/esercenti, affinché la vocazione turistica del paese sia aperta al dialogo, anche con il turismo internazionale;
6) corso breve di cucina in collaborazione con i nostri ristoratori, le nostre casalinghe, con particolare rilievo alla cucina mediterranea e locale. Detto corso deve essere aperto anche agli ospiti turisti, in fasce orarie compatibili, con lo scopo di fornire le nozioni di base sulla preparazione dei piatti locali, sulla loro composizione e sulla loro validità nutritiva ed in tal modo fidelizzare l’ospite al nostro territorio;
7) percorsi programmati ed accompagnati, in bici ed a piedi nell’ambito del complesso sportivo, fra le vie del paese, con soste dedicate alla degustazione dei nostri prodotti tipici;
8) arredo urbano uniforme;
9) organizzazione di spettacoli, conferenze, manifestazioni teatrali e di ballo, gare sportive ed amatoriali, mettendo in concorrenza fra di loro le varie zone del paese, con la partecipazione piena della gente, della nostra comunità di immigrati e degli ospiti turisti;
10) realizzazione di una grande manifestazione musicale, con ricorrenza annuale, sfruttando la collaborazione di esperti del settore, per creare una nicchia musicale che divenga un appuntamento ricorrente annuale per gli amanti di tale genere;
11) ridare lustro alle Feste Patronali, riscoprire alcune nostre vecchie tradizioni quali il Carnevale;
12) costituzione di un gruppo di esperti del marketing turistico che si occupi di far conoscere e vendere il nostro pacchetto turistico a livello regionale, nazionale ed internazionale;
13) collaborazione con i Comuni limitrofi per la eventuale realizzazione di programmi a più ampio respiro;
14) coinvolgimento nel programma turistico della comunità degli immigrati.


13 - PESCHICI E IL FUTURO

Le nuove tecnologie possono rappresentare per il nostro paese il vero volàno per una crescita economica, sociale e culturale. Non ci può essere crescita senza l’ausilio di Internet. A tal fine “Progetto Peschici” ha individuato tre innovazioni utili per Peschici: internet, infomobilità, green elettronics.

13.1 - Rete internet per tutti = Il nostro paese ha bisogno di un grande slancio da parte di tutti per una “Inclusione” digitale, sia a livello infrastrutturale e sia di tipo culturale, per diffondere maggiormente la conoscenza e l’uso delle tecnologie digitali tra le persone di tutte le età e di tutti i ceti sociali, in modo da abbattere il più possibile il digital (divario sociale tra chi sa utilizzare le nuove tecnologie e chi no). Realizzeremo, inizialmente nel Centro Storico, una “rete wireless” (rete senza fili), dove tutti possano collegarsi ad internet, magari per alcune ore al giorno, anche gratuitamente. Successivamente, la rete wireless verrà estesa a tutto il territorio peschiciano, procedendo all’installazione delle infrastrutture atte al raggiungimento delle zone sprovviste del collegamento internet, zone nelle quali sono posti importanti complessi residenziali e turistici.

13.2 - Infomobilità = La Commissione Europea degli ITS (Sistemi di Trasporto Intelligente) racchiude nel concetto di “Infomobilità” tutti i sistemi finalizzati alla gestione del traffico e della mobilità, informazione dell’utenza, gestione del trasporto pubblico, pagamento automatico, controllo avanzato del veicolo e della navigazione, gestione delle emergenze e degli incidenti. Attraverso l’utilizzo della rete internet, della eventuale rete wireless e dei diversi sistemi di geolocalizzazione (GPS, Navigatori), mediante gli Smartphone (cellulari di ultima generazione) metteremo in piedi per il nostro paese una infrastruttura per l’Infomobilità con grandi vantaggi, in particolar modo:
- diffusione costante e aggiornata di informazioni mediante pannelli o via web riguardo la situazione parcheggi e la condizione traffico;
- monitoraggio e gestione del traffico;
- gestione del trasporto pubblico (autobus, navette).
- gestione dei servizi di Car Sharing (macchina in affitto);
- gestione dei servizi di Bike Sharing (bicicletta in affitto);
- pubblicità di eventi e locali tramite l’erogazione dei servizi d’informazione.

13.3 - Green Elettronics = Con il termine “Green Elettronics” vengono generalmente indicate tecnologie, politiche, comportamenti inerenti all’elettronica, basati su studi scientifici recenti, che hanno lo scopo di contenere i consumi energetici e ridurre l’impatto ambientale. “Progetto Peschici” introdurrà nuove politiche di risparmio energetico. Attualmente nel nostro paese gran parte dell’energia viene consumata dall’illuminazione pubblica e le lampade impiegate per l’illuminazione sono ad alto consumo energetico, illuminano scarsamente e con un pessimo effetto estetico; inoltre, sono altamente inquinanti quando vengono smaltite. Noi di “Progetto Peschici” sostituiremo, se possibile, la nostra illuminazione con lampioni a “luce a led”. Tale sostituzione porterà ad un sostanzioso abbattimento dei costi (circa il 60% di risparmio), senza contare che i led hanno una maggiore resa e durata rispetto alle attuali lampade, e anche dal punto di vista del decoro urbano renderanno ancora più bella la nostra cittadina.

“Progetto Peschici” tiene in grande considerazione anche tutti i progetti riguardanti il fotovoltaico; a tal fine, introdurremo l’installazione di pannelli fotovoltaici sugli edifici pubblici così da renderci indipendenti a livello energetico.

Cari concittadini, cari amici, la serietà, la competenza, l’impegno politico e amministrativo devono essere i principi su cui si deve basare l’attività amministrativa e l’opera svolta da ogni singolo consigliere nominato dal popolo per servirlo e garantirlo. Bisogna parlare ai giovani e ai meno giovani, mettendoli di fronte alla realtà. Non certo ad una realtà fatta di promesse vane, di inganni e clientelismo, ma una realtà che ci porti ad operare in sintonia, cittadini e amministratori, per il raggiungimento di quegli obiettivi necessari al benessere della collettività e del nostro paese.


I componenti della liusta:
Francesco Tavaglione (candidato sindaco)
- D'Arenzo Salvatore
- Di Milo Donato
- Maggiano Andrea
- Martella Nicola
- Tardivo Nicola
- Vecera Giuseppina
- Vecera Rocco




 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 267

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.