Testa

 Oggi è :  13/04/2024

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

13/02/2013

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

EROI DI DUE MONDI

Clicca per Ingrandire “Padre, ma sapesse cosa ho visto in Italia!” mi fa Giovanna. Il racconto dei nostri emigrati italiani all’estero è sempre interessante da ascoltare. Hanno occhi diversi per guardare. Hanno acquisito una sensibilità europea, francese, inglese o altro. Hanno la loro casa, la loro famiglia all’estero, dove vivono in una invidiabile normalità. Sì, eroi di due mondi. L’emigrazione è sempre stata una battaglia dura, non lascia scampo. Ma arricchisce in umanità. Favorisce il confronto.

I mali cronici della nostra terra li tormenta. Li avvertono a fior di pelle. Sono i migranti i profeti di oggi, senza saperlo. Un profeta sente dentro una forza irresistibile che lo sprona ad alzare la voce, in nome della giustizia, del rispetto della persona, del rispetto dell’altro... per denunciare ogni tipo di oppressione. Così Giovanna ti racconta piccoli episodi vissuti o ingiustizie ingerite come pillole quotidiane dalla nostra gente. Finisce come qui tanti emigranti, con un interrogativo lanciato in aria: “Ma come si fa a vivere così!?”

Il profeta guarda il mondo con gli occhi di Dio. Come dovrebbe essere, nella sua idealità. Ha un’accentuata sensibilità ideale. Ma altrettanta amarezza, quando vede il suo popolo imboccare strade illusorie di salvezza. Cammini di morte. Rapporti ingiusti, non sani. E loro, i nostri emigranti, ti raccontano di situazioni di dominio, di arroganza o di compiacenza, veduti o vissuti in patria. Spesso da realtà, che sono per vocazione... a vostro servizio.

Nella loro avventura emigratoria hanno percorso strade di solitudine, di incomprensione. Di purificazione. Come qualsiasi profeta. Non appartengono a nessun sistema, o meglio li hanno incorporati tutti. Vivono alla frontiera. Hanno dovuto educarsi a una apertura umana e sociale senza pari. E sono una coscienza critica maturata lentamente, vivendo sulla loro pelle il confronto di valori, di storie e di società differenti. Ma sono diventati, allo stesso tempo, grandi “apprezzatori”. Sanno cogliere il bene anche nell’orto del vicino. Nel terreno, a poco a poco conosciuto, di un altro mondo.

Nonostante tutto, il loro è un cammino di speranza. Come per ogni profeta. Sanno anticipare i tempi in cui uomini e culture differenti si ritroveranno sulla montagna di Dio per vivere insieme, come racconta Isaia. È la speranza grandiosa dell’ultimo giorno della storia. Sono uomini di visione, ma nell’agire concreto dell’oggi. Già ora, infatti, stanno scrivendo - alla loro maniera semplice e anonima - quella grande pagina della storia dell’uomo e di Dio. Così, quando Antonio mi apre la sua agenda escono fuori nomi in inglese, portoghese, polacco... la gente che incontra. Come qui ogni emigrante.

Attestano e denunciano le due grandi dinamiche di un profeta. E si domandano con assillo: “Ma chi alza la voce in Italia contro i mali che imperversano e corrodono l’anima stessa del nostro popolo? I nostri giovani non hanno la voce per gridare contro l’ingiustizia che riserva loro il presente e il futuro?!” Non sanno indignarsi. Manca loro questa grande forza interiore. Mentre il nostro mondo di valori dolcemente sprofonda: addio solidarietà, accoglienza dell’altro, attenzione al più debole, condivisione, rispetto delle minoranze...

E vorrebbero dire: “Alzatevi. Gridate. Mettetevi all’opera. Voltate pagina. In questi anni i nostri valori più veri sono stati sotterrati. La miseria dell’oggi è il frutto naturale di anni di cammino. Di guide accecate dal denaro. Di uomini senza passione se non per se stessi. Ora è tempo di profeti!”

Renato Zilio*


*Missionario a Londra, Autore di “Dio attende alla frontiera” (EMI)

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3804

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.