Testa

 Oggi è :  20/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

09/11/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

NEWS DAI COMUNI

Clicca per Ingrandire MANFREDONIA = Il sindaco ordina alla Regione di intervenire sul litorale sud. Una sua ordinanza impone alla Regione Puglia, preposta alla tutela delle coste, di intervenire per arginare le mareggiate che inondano il retroterra, come previsto in uno studio tecnico promosso dall’Amministrazione Comunale. “Entro e non oltre sette giorni” è il tempo fissato da Angelo Riccardi “per eseguire, presso il litorale sud del villaggio Ippocampo, i necessari e improcrastinabili interventi di somma urgenza tesi a mitigare il rischio di ulteriori invasioni di acqua marina al fine di impedire che l’apporto di rilevanti quantità di acqua marina alla condotta fognaria possa far aggravare ulteriormente le condizioni sanitarie e di igiene pubblica ivi presenti”. E’ questo il nocciolo dell’ordinanza emessa dal Sindaco Riccardi nei confronti della Regione Puglia e riguardante la situazione di inondazione della parte periferica di Ippocampo, quella andatasi sviluppando sulla direttrice del Viale Azzurro e costituita da una serie di ville. Alla scadenza del termine gli Uffici Tecnici Comunali procederanno alla verifica dell’ottemperanza di quanto disposto. “In caso di inosservanza, il Comune di Manfredonia vi provvederà d’ufficio nei modi e termini di legge, ponendo successivamente le spese a carico della Regione Puglia”. Il provvedimento del sindaco si pone come ‘extrema ratio’ a una situazione di grave disagio ambientale e sociale che si trascina da diversi anni. Almeno dal 2009 allorquando - viene ricordato nell’ordinanza - si verificarono inondazioni dal mare di particolare violenza.

“Il Comune - ricorda Riccardi - è già intervenuto più volte con lavori di somma urgenza, stante l’inerzia della Regione invitata, senza esito, a effettuare tali opere anche dai privati, essendo preposta alla tutela delle coste, ripristinando gli argini di sabbia preesistenti, aspirando l’acqua marina dai terreni invasi, realizzando argini con materiale composito attorno alle ville per impedire che l’acqua marina vi entrasse, ripristinando la condotta dei liquami e il depuratore… con considerevole dispendio di risorse finanziarie, di cui è stato chiesto il rimborso alla Regione”. Sopralluoghi dei tecnici comunali hanno accertato che lo stato dei luoghi possa ulteriormente peggiorare dal momento che sono attese altre mareggiate. Di qui l’urgenza di interventi immediati, del resto previsti nella “Prima fase” dello “Studio tecnico scientifico relativo ai fenomeni di erosione del mare e inondazioni della riviera sud di Manfredonia, e per l’individuazione dei possibili rimedi”, redatto dal “Gruppo di Lavoro” coordinato dal responsabile scientifico Alberto Ferruccio Piccinni. “Durante la prima fase di lavori - spiega lo studio tecnico - sarà realizzata una duna artificiale che si svilupperà lungo tutto il litorale compreso tra foce del Peluso e foce del canale a Sud di Ippocampo”.


CAGNANO VARANO = A undici giorni dalle dimissioni di Giovanni Conte e dal suo passaggio all’opposizione è guerra aperta nella maggioranza di governo del sindaco Nicola Tavaglione. Voci di corridoio informano che è in atto una vera e propria resa dei conti interna per la spartizione di alcune deleghe assessorili. In particolare, sempre più netta appare la contrapposizione fra gruppo dell’Unione di Capitanata (Michele Di Pumpo, Giancarlo Mosca, Domenico Stefania) e resto della maggioranza in quota Sinistra Ecologia Libertà che fa riferimento al sindaco Nicola Tavaglione. Così, Conte, sulla vicenda: “E’ una situazione assurda di stasi politico-amministrativa che non fa bene a Cagnano. Stiamo vivendo il periodo peggiore della nostra storia recente, in cui le famiglie hanno ripreso a emigrare in massa, i giovani non trovano più spazi di crescita e la pressione fiscale comunale, voluta da Tavaglione, annienterà nel giro di qualche mese ogni speranza di riscatto per questa terra”.

Ancora una volta parole dure verso l’attuale amministrazione comunale da chi fino a qualche giorno fa ne faceva parte e pertanto ne conosce ogni segreto. Ma Conte, andando oltre le appartenenze politiche, già da tempo aveva dato segnali di insofferenza verso, a suo dire, “questi metodi stantii di fare politica”. Nei mesi scorsi aveva rinunciato, per esempio, alla sua indennità di carica invitando i colleghi a fare altrettanto. Soprattutto ad aprirsi al dialogo con tutti al fine di superare insieme il momento delicato e al fine di essere l’amministrazione di tutti. Sempre Conte: “La guerra che si sta facendo per una delega assessorile è ripugnante. Litigano per un’indennità di carica mentre affamano una comunità già messa a dura prova dalla crisi internazionale e dall’assenza di buona politica locale. Pensino ad amministrare, rinuncino alle loro indennità e si aprano al dialogo. D’altronde, senza i miei 175 elettori non rappresentano nemmeno più la maggioranza del paese ”.


SAN SEVERO = Scrive Gianni Mazzeo, coordinatore di AltraCittà. “Non sappiamo se il movimento dei consumatori sia mai intervenuto sulla materia, ma nella nostra città è molto diffuso il malcostume di vendere per merce cartone o imballaggi vari. Per essere più chiari: a quanti è capitato di comprare la pizza pesata su un vassoio di cartone? Giorni fa abbiamo chiesto a una pizzaiola di pesare il vassoio: circa 100 grammi. Alle rimostranze ha risposto, con la solita filosofia sanseverese: ‘Ma io lo compro!’ Altra scusa sempre pronta per alcuni negozianti di pasta fresca, di pasticceria a peso: ‘Mica posso metterla in mano!?’ Facciamo un po’ di conti: se la pasticceria, per esempio, è venduta a 15 euro il chilo, significa pagare un euro e cinquanta (cioè tremila lire del vecchio conio) solo per l’involucro. Sfidiamo chiunque a dimostrare che un vassoio costa tanto. Ma al di là dei costi degli imballaggi, la legge parla della vendita della merce a peso netto, le bilance dovrebbero essere già impostate con la tara.

Infatti, gli involucri rientrano già nei costi di esercizio, altrimenti quando compriamo le mozzarelle in vaschetta dovremmo pagare un sovrapprezzo, invece è evidente che è già calcolato nel prezzo. Veniamo quindi alla solita questione dei controlli: i vigili urbani sembrano non essere interessati a queste cose, la Guardia di Finanza ha incombenze più importanti da verificare, Polizia e Carabinieri hanno altri compiti e il cittadino è abbandonato a se stesso, si deve difendere da solo. Prevale così la legge della giungla che contribuisce ad alimentare aggressività, diffidenza e disprezzo delle autorità istituzionali. Chiediamo molto se il sindaco emanasse o reiterasse una precisa ordinanza in merito e allertasse la Polizia Municipale per sanzionare comportamenti truffaldini? Civiltà è anche non far prevalere i più furbi sulle persone indifese che, specialmente nella situazione attuale, fanno veramente fatica a tirare avanti con pensioni da fame, disoccupazione e difficoltà economiche.


CERIGNOLA = Da Silvana Ladogana, segretario Pd Cerignola: “Il sindaco Giannatempo dia risposte serie e immediate ai lavoratori della cooperativa San Francesco! È impossibile che il primo cittadino continui a fare come Don Abbondio decidendo di non prendersi alcun tipo di impegno e nessuna responsabilità sui problemi della città. Eppure la nostra comunità versa in questo stato comatoso a causa della sua superficiale gestione della cosa pubblica. Con il suo ‘latinorum’ Giannatempo non può continuare a prendere in giro persone che da mesi non ricevono lo stipendio; con giri di parole e finte promesse non si risolvono i problemi. È un atteggiamento irrispettoso nei confronti di gente che non chiede altro che ciò che gli spetta. La civile e pacifica protesta di questi lavoratori richiede una risposta seria, un impegno da parte dell’Amministrazione che sia stilato mettendo le cose nero su bianco. Vicini ai lavoratori, chiediamo all’Amministrazione, finalmente, un atto di responsabilità, uno sforzo importante per ridare lavoro e dignità a queste persone.”

 Comunicati

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3249

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.