Testa

 Oggi è :  04/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

15/09/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

NO TRIV: LA STRADA DEL MINISTRO, LA STESSA DEL PARCO

Clicca per Ingrandire Modifica della norma che consente la coltivazione di idrocarburi in Adriatico; conferenza dei Paesi europei che si affacciano sull'Adriatico per il riconoscimento della sua prioritaria valenza ambientale. Queste le proposte del ministro Clini a fronte della civile ma ferma protesta delle istituzioni e delle associazioni nel corso della riunione tenuta a Bari il pomeriggio del 14 scorso con Regione, rappresentanti del Movimento No Triv e alcuni parlamentari.

Un po’ poco per un ministro della Repubblica, ma tant'è. Ulteriore delusione è la constatazione che le stesse proposte sono già state indicate dalla Comunità del Parco (riunione del 4 settembre), che già da tempo con proprio atto deliberativo ha dato mandato al presidente dell'Ente, Stefano Pecorella di farsene promotore nei confronti di enti e organismi competenti per la loro attuazione, oltre che valutare il possibile ricorso alla giustizia amministrativa e la possibilità di ricorrere a un istituto normativo costituzionale per l'abrogazione delle norme in questione.

Non per essere Cassandre, ma allo stato ci rendiamo conto che il tavolo sul quale si sta tentando di spostare il problema è quello normativo. Allora ci chiediamo: ma cosa è stato fatto sino a oggi? La risposta è sotto gli occhi di tutti: niente, o meglio, niente di tutto ciò che era necessario fare. Comunque, a nessuno interessa aprire la stagione della caccia alle streghe, quanto comprendere cosa fare e in che tempi. Proprio a fronte di tale necessità già lunedì prossimo a Bari si riuniranno le associazioni regionali di Legambiente, Wwf, Fai e No Triv insieme a tutti i Comitati spontanei per tracciare le iniziative da porre in essere.

Nel frattempo già arrivano le ulteriori adesioni al Comitato coordinato dal Parco Nazionale del Gargano e costituito dopo l'incontro di Termoli dello scorso 6 settembre. A aderire il sindaco di Otranto e la Federparchi, che ha anche votato all' unanimità una mozione proposta dal presidente Pecorella, in seno al Consiglio Direttivo, di netta opposizione alle prospezioni e coltivazioni di idrocarburi in Adriatico.


 Ufficio Stampa Parco del Gargano

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 19

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.