Testa

 Oggi è :  13/08/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

07/09/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IN DIFESA DEL TRIBUNALE DI RODI

Clicca per Ingrandire Della avvenuta costituzione in data 20 agosto scorso del “Comitato per la difesa del presidio giudiziario di Rodi Garganico” abbiamo già dato notizia (puntodistella.it/news.asp?id=5889). Alla richiesta di alcuni lettori-utenti del nostro sito di conoscerne la composizione risponde oggi il vicepresidente del neonato sodalizio, l’avvocato vichese Fiorenzo Mastromatteo, soffermandosi anche sugli scopi che il Comitato intende raggiungere.

“A seguito dell'assemblea indetta dall'Associazione Avvocati Garganici, allargata agli avvocati non iscritti all'associazione e alle Amministrazioni dei Comuni ricadenti nel mandamento della Sezione distaccata di Tribunale di Rodi Garganico, oltre al direttivo costituito dagli avvocati: Domenico Afferrante (Peschici, presidente), Fiorenzo Mastromatteo (Vico, vicepresidente), Giovanni Maggiano (Peschici, segretario) e Andrea Maggiano (Peschici, tesoriere) - fanno parte i sindaci di Rodi Garganico, Vico del Gargano e Peschici. In corso di adesione la richiesta avanzata agli altri sindaci il cui territorio ricade nel mandamento della detta sezione.

“Scopo del costituito Comitato è la tutela e la difesa del presidio giudiziario di Rodi Garganico attraverso l'adozione di ogni iniziativa utile a ottenere il mantenimento del Tribunale e dell'Ufficio del Giudice di Pace. Il servizio giustizia è servizio essenziale, fondamentale e non rinunciabile anche per l'intera collettività garganica. Anche i garganici sono cittadini italiani! La definitiva emanazione da parte del Capo dello Stato del decreto legislativo, nel testo così come licenziato dal Governo, equivale alla sostanziale negazione di tale servizio.

“Il neo costituito Comitato non intende contrastare il generale cammino di rinnovamento di cui l'Italia ha certamente bisogno ma chiede, con voce forte e determinata, che ogni riforma, ivi ben compresa quella della geografia giudiziaria, abbia i caratteri della razionalità e si ponga come strumento di effettivo rinnovamento in termini di efficienza e rispondenza alle esigenze di buon governo del territorio. Il Comitato ritiene peraltro gravissimo il clima di incomunicabilità che il Governo ha instaurato e si associa alla rabbia e al disappunto manifestati dai sindaci del nostro territorio per l'inaccettabile e indecoroso trattamento loro riservato dal ministro nella giornata del 5 settembre scorso” (sono stati ricevuti solo da un funzionario e non dai vertici; ndr).

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 08/09/2012 -- 10:09:51 -- vincenzo

1° - Il buongiorno si vede dal mattino. E facciamo finta che tale mattino corrisponda a quello del 5 settembre a Roma. Un brutto mattino, che ha negato alla delegazione la possibilità di un incontro che poteva essere anche costruttivo. Ma, perché non è stato concesso? Perché non hanno alcuna voglia di capir ragioni! Mi ricorda un evento della mia vita: venni fuori dall'Aeronautica Militare sbattendomi la porta alle spalle. Scrissi al Direttore Generale del personale Militare irridendo alle parole di routine scritte nella sua lettera. Mi convocò a Roma... poi mi fece ricevere da un semplice Direttore di Divisione. Paura di sentirsi ripetere in faccia quel che gli avevo...

-- 08/09/2012 -- 10:27:06 -- vincenzo

2... esposto chiaramente per lettera? Ho sempre pensato di sì. Ma io gli fui comunque superiore (me lo potevo permettere; ciò che non ha potuto fare il Comitato quell'infame ed infausto giorno): avendomi fatto capire chiaramente che il timore del generale era quello che io confidassi alla stampa il mio punto di vista, dissi al Direttore di Divisione che poteva tranquillizzare il suo superiore: l'essere stato convocato a Roma (ahimè!, a spese del contribuente, anche se io non lo avrei voluto - unico caso, forse nella storia!) mi aveva ampiamente ripagato delle sofferenze sofferte!uanto al Tribunale di Rodi, che mi auspico venga salvato, anche adesso non ho letto nomi di avvocati rodiani, rimasti nell'ombra, per fortuna, del sindaco!

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3050

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.