Testa

 Oggi è :  13/08/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

03/09/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

NON ESISTE MIGLIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE

Clicca per Ingrandire Mentre esponenti e seguaci della Rete di Associazioni contro le Trivellazioni petrolifere in Adriatico saranno domani a Bari (porticato Regione, via Capruzzi) e Monte Sant’Angelo (sede del Parco Nazionale del Gargano, riunione della Comunità dei sindaci convocata dal presidente Pecorella) per rivendicare il sacrosanto diritto di avere un mare pulito e salvaguardare le uniche vere “industrie” appulo-meridionali (il turismo e la pesca), la portavoce del Comitato “No Petrolio, Sì Energie Rinnovabili”, Silvia Russo, lancia l’ennesimo degli appelli che in questi giorni stanno bombardando le due più sorde rappresentanze politiche (una eletta da noi e una da noi non eletta) che abbiano mai calcato la scena politica italiana. Di seguito il testo.

“Il ‘Comitato No Petrolio, Sì Energie Rinnovabili’ esprime tutta la sua delusione e rabbia di fronte all'ennesimo attentato di Ferragosto del ministro Corrado Clini, che permetterà alla multinazionale petrolifera irlandese Petroceltic di condurre l’attività di prospezioni petrolifere a ridosso delle Isole Tremiti (vedi cartina). In quanto cittadini pugliesi siamo pronti a scendere in piazza, in mare e ovunque sia necessario per far sentire alto, forte e duro il ‘NO’ a qualsiasi prospezione nel mare di Puglia, come a qualsiasi ulteriore sfruttamento industriale anacronistico, a qualsiasi dannoso e sostanzialmente inutile isterilimento del suolo.

“Ma è importante che politici e istituzioni della Regione, coi quali abbiamo condiviso in 15mila il corteo per le strade di Monopoli lo scorso 21 gennaio, comprendano che chi ci sta abbandonando nelle mani di un governo con la faccia patrizia e il cuore di pietra, sono le segreterie nazionali dei partiti. Da sette lunghi mesi infatti, come forum delle associazioni, attendiamo una dichiarazione, un comunicato, un accenno qualsiasi, di Alfano, di Bersani, di Casini e di tutti gli altri segretari nazionali, affinché la battaglia in difesa di un territorio bello e prezioso, ben più vasto di quello pugliese, non continui a essere (volutamente?) relegato entro i propri confini regionali.

“A voi politici spetta rompere questo muro di gomma, noi penseremo alle barricate” (e-mail: nopetroliopuglia@gmail.com).

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2989

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.