Testa

 Oggi è :  20/06/2024

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

28/07/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DUE GIORNI DI EVENTI A MANFREDONIA

Clicca per Ingrandire Per l’agenda “Manfredonia Festival 2012”, presentiamo gli eventi del 29 e 30 luglio. Al Cineteatro San Michele film 3D per bambini, nel chiostro del Comune “Le quattro stagioni” di Vivaldi. Proseguono le Mostre “Personale di Franco Troiano” e Artigianato tipico. Serata in compagnia dei “Maiali volanti”, tribute band dei Pink Floyd. Lunedì il film “Diaz” nel parcheggio del Lungomare del Sole.

“PIRATI! BRIGANTI DA STRAPAZZO” 3D (Cineteatro San Michele, domenica 29 luglio alle 20) = La trama - Il Capitano Pirata ha un sogno: vincere il premio “pirata dell'anno”, per farlo dovrà però battere rivali agguerriti e molto più “predoni” di lui. Non potendo vantare ricchi bottini o forzieri espugnati o ancora montagne di dobloni su cui surfare, riunisce la sua ciurma di disperati in una serie di arrembaggi che lo portano a contatto con un giovane Charles Darwin, il quale riconosce in quello che il capitano chiama pappagallo, l'ultimo esemplare di Dodo sulla Terra. Convinto che la presentazione del raro animale alla comunità scientifica gli frutterà i tesori necessari a diventare pirata dell'anno, il capitano si reca a Londra dove però troverà il più acerrimo nemico della pirateria, la regina Vittoria.

Concepito cinque anni fa a partire dal libro “The pirates! In an adventure with scientists” di Gideon Defoe, pesantemente rimaneggiato per lo schermo assieme allo stesso Defoe, la nuova fatica in stop motion della Aardman spinge più in là l'animazione con pupazzi di plastilina e latex, contaminandola pesantemente con la computer grafica. Il risultato è un film che ha profondità, scenari e animazioni di ampio respiro impensabili anche nella più onerosa produzione in stop motion e di certo assenti negli altri film Aardman (Galline in fuga, Wallace & Gromit e la maledizione del coniglio mannaro), sempre costretti in universi ridotti e “set” contenuti.

Mentre i personaggi principali sono rigorosamente animati a mano, fotogramma per fotogramma, il paesaggio è quasi sempre digitale, così sono anche i carrelli (prima impossibili) e elementi quali l'acqua su cui la nave (anch'essa digitale) naviga spedita. Il mondo Aardman, che stavolta è Peter Lord a portare sullo schermo, è ancora una volta fatto di citazionismo, comicità muta (affidata a una scimmia che sembra parente del cane Gromit) e la volontà di mettere in scena personaggi contrari a qualsiasi forma di tradizione, in lotta per i medesimi obiettivi di tutti gli altri (riconoscimento personale, l'approvazione degli altri) ma contornati da un'umanità senza senso e mai conciliante (esemplare la donna travestita da pirata che non svela mai la sua identità) - Recensione tratta da My Movies.it


“CINEMA E TEATRO IN RIVA AL MARE” = Cineteatro San Michele Ingresso Cinema: € 5,0 Inizio spettacolo: domenica 29 luglio 2012, ore 20. Prevendita: Cine-Teatro "San Michele"; Bar Gatta - Corso Manfredi, 35; Edicola Tredicello - Villa Comunale; Bar Impero - Piazza Marconi, 15.
“I suoni della natura” - Le quattro stagioni di Vivaldi (Chiostro del Comune, domenica 29 luglio alle 21) - Un concerto ospitato nel sontuoso chiostro di Palazzo San Domenico, sede del Municipio, dedicato ad Antonio Vivaldi, il grande musicista nato a Venezia il 4 marzo 1678 giorno in cui il Veneto fu scosso da un violento terremoto. E’ tra i grandi compositori italiani, autore tra le altre opere insigni del repertorio della musica barocca, “Le quattro stagioni”: quattro concerti per violino dedicati per l’appunto alle quattro stagioni dell’anno: Primavera, Estate, Autunno e Inverno.

Un esempio tipico della “musica a programma” avente cioè essenzialmente carattere descrittivo. Ciascun concerto si articola in tre movimenti: il primo e il terzo allegro o presto, quello intermedio adagio o largo. Il fraseggio musicale di Vivaldi scorre leggero e coinvolgente riuscendo ad evocare ora le tinte fosche tipiche dell’inverno, ora la calura estiva, ora le fresche aure primaverili. Le quattro stagioni saranno eseguite dall’orchestra “I suoni del sud” nella formazione composta da dodici elementi, violino solista diretti dal maestro Gianni Cuciniello.

“I suoni del sud” è l’espressione della omonima associazione musicale sorta a Foggia nel 2009 per iniziativa di Lorenzo Ciuffreda con l’intento di divulgare la cultura musicale e di creare occasioni di crescita culturale e si avvale della preziosa collaborazione dell’Università degli Studi di Foggia oltre che naturalmente del Conservatorio musicale “Umberto Giordano”. Durante il concerto su un maxi schermo saranno proiettate le magiche immagini del Gargano, un opportuno ed esemplificativo supporto alla musica vivaldiana ed una dolce maniera per promuovere le bellezze del nostro territorio.

“DIAZ - NON PULIRE QUESTO SANGUE” (Parcheggio Lungomare del Sole, lunedì 30 luglio alle 21,30) = La trama - Luca è un giornalista della Gazzetta di Bologna (giornale di centrodestra) che il 20 luglio 2001 decide di andare a vedere di persona cosa sta accadendo a Genova dove, in seguito agli scontri per il G8, un ragazzo, Carlo Guliani, è stato ucciso. Alma è un'anarchica tedesca che ha partecipato agli scontri e ora, insieme a Marco (organizzatore del Social Forum) è alla ricerca dei dispersi.

Nick è un manager francese giunto a Genova per seguire il seminario dell'economista Susan George. Anselmo è un anziano militante della CGIL che ha preso parte al corteo pacifico contro il G8. Bea e Ralf sono di passaggio ma cercano un luogo presso cui dormire prima di ripartire. Max è vicequestore aggiunto e, nel corso della giornata, ha già preso la decisione di non partecipare a una carica al fine di evitare una strage di pacifici manifestanti. Tutti costoro e molti altri si troveranno la notte del 21 luglio all'interno della scuola Diaz dove la polizia scatenerà l'inferno.

Fin qui la parte iniziale del film a cui vanno fatti seguire dei dati che non sono cinema ma cronaca giudiziaria. Alla fine di quella notte gli arrestati furono 93 e i feriti 87. Dalle dichiarazioni rese dai 93 detenuti (molti dei quali oggetto di ulteriori violenze alla caserma-prigione di Bolzaneto) nacque il processo in seguito al quale dei più di 300 poliziotti che parteciparono all'azione 29 vennero processati e, nella sentenza d'appello, 27 sono stati condannati per lesioni, falso in atto pubblico e calunnia, reati in gran parte prescritti. Mentre per quanto accaduto a Bolzaneto si sono avute 44 condanne per abuso di ufficio, abuso di autorità contro detenuti e violenza privata (in Italia non esiste il reato di tortura).

Gli elementi di cui sopra sono indispensabili per fare memoria su un episodio avvenuto in una scuola dedicata a colui che firmò il bollettino di guerra della vittoria nel 1918 è che è stata teatro della più grave disfatta del diritto democratico della nostra storia recente. Il film di Vicari si colloca all'interno del cinema di denuncia civile di cui Rosi e Lizzani sono stati maestri e che richiama, per la forza e la lucida coerenza della narrazione il Costa Gavras di “Z- L'orgia del potere”. Vicari non si nasconde dietro a nessun facile manicheismo come quello di chi tuttora considera i Black Block solo dei 'compagni che sbagliano'. Ne mostra in apertura le devastazioni e, così facendo, può permettersi di proporre un film che si muove su un piano eticamente elevato.

Così come solo chi è in malafede potrà accusare “Diaz - Non pulire questo sangue” di essere 'contro la polizia'. E' sicuramente contro ma con l'opposizione e la denuncia di quel tumore che può pervadere (così come è accaduto) un'istituzione la cui finalità e quella di mantenere l'ordine democratico e non di esercitare violenza fisica e psicologica su chi ritiene di dover sottoporre a controlli o restrizioni di libertà. Dal punto di vista cinematografico poi questo è un film senza star. Ognuno ha il proprio ruolo che si immerge e riemerge come un corso d'acqua carsico nei gironi degli inferi di quella notte. Una notte da dimenticare diranno alcuni. Una notte da ricordare afferma con forza e rigore questo film. Perché fatti simili non accadano più. (recensione tratta da My Movies.it)


“Cinema e Teatro in riva al Mare” - Parcheggio Lungomare del Sole Ingresso Cinema: € 3,00 Inizio spettacolo: lunedì 30 luglio 2012, ore 21.30 Prevendita: Cine-Teatro "San Michele"; Bar Gatta - Corso Manfredi, 35; Edicola Tredicello - Villa Comunale; Bar Impero - Piazza Marconi, 15.


ALTRI EVENTI:

- MOSTRA MERCATO ARTIGIANATO TIPICO = da sabato 21 a domenica 29 luglio 2012, dalle 10 alle 24 Piazzale Ferri
- LE STRADE, LE PIAZZE E I CORTILI DELL'ANTICA MANFREDONIA. Mostra personale di Franco Troiano da domenica 22 luglio fino a settembre 2012 Via R. Aversa 1/3 (accanto alla Chiesa della Croce)
- CONCERTO “MAIALI VOLANTI” = Tribute band Pink Floyd domenica 29 luglio 2012, ore 22 Piazzetta Mercato.




 Ufficio Stampa e Comunicazione - Comune di Manfredonia

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 502

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.