Testa

 Oggi è :  22/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

01/06/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

I DONI DEL PARCO

Clicca per Ingrandire Altro successo nella gestione delle risorse naturali da parte del Parco Nazionale del Gargano che insieme al Centro Studi Naturalistici cura il reparto faunistico del Lago Salso. Stamane, 1° giugno, due stupendi esemplari di Cicogna bianca (Ciconia ciconia) del Centro per la Fauna Selvatica del Parco Nazionale del Gargano, sono stati ceduti al Wwf che intraprenderà un progetto di ripopolamento della specie sulla scorta del successo ottenuto nelle paludi sipontine.

Il Wwf Oasi nella persona del referente Antonio Canu insieme al Parco Nazionale del Gargano e al Centro Studi Naturalistici hanno firmato un protocollo d’intesa per il trasferimento presso l’Oasi Wwf di Orbetello dove saranno eseguite le operazioni di ripopolamento. “Ancora una volta il Parco Nazionale del Gargano risulta baricentrico nell’area mediterranea per le attività di conservazione della natura - afferma il presidente dell’area protetta Stefano Pecorella - tanto da riuscire a esportare biodiversità e progettualità in grado di migliorare la situazione ambientale in contesti simili da progetti pilota nati e realizzati con successo qui”.

Gli esemplari sono stati affidati a una staffetta del Corpo Forestale dello Stato-servizio Cites nelle persone degli assistenti Ciminiello e Navach di Bari per raggiungere in giornata l’Oasi di Orbetello. Si tratta di un importante evento, dichiarano il referente per la fauna e il presidente del Centro Studi Naturalistici Matteo Caldarella e Vincenzo Rizzi. Il progetto per il ripopolamento della Cicogna bianca ha preso le mosse il 2004 con esemplari ceduti dal centro spagnolo di Caceres, da allora i progressi non sono mancati e ora, grazie a quanto realizzato, il complesso delle zone umide sipontine è diventata l’area più importante d’Italia per la specie con dieci nidi attivi (dati di maggio 2011).

Un centinaio circa di esemplari, con il loro maestoso volo, sono ormai divenuti una presenza abituale da marzo a settembre nelle paludi e nelle steppe pedegarganiche allietando e attirando turisti ed escursionisti. L’augurio è che i capostipiti dei riproduttori inviati oggi a Orbetello possano far ripetere i successi del Parco Nazionale del Gargano.


 Ufficio Stampa Parco del Gargano

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 908

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.