Testa

 Oggi è :  29/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

24/04/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

OGNI PROMESSA È DEBITO

Clicca per Ingrandire I lavori di rifacimento delle strade provinciali dei Monti Dauni Settentrionali sono stati appaltati ormai da diversi mesi ma i cantieri inspiegabilmente ancora non aprono. La denuncia arriva dal sindaco di Carlantino, Dino D’Amelio. “I lavori sono stati appaltati da novembre dello scorso anno per circa 2 milioni di euro - dichiara. - Sono passati quasi sei mesi e ancora non si muove nulla. Non vorrei ci trovassimo di fronte all’ennesima promessa non mantenuta”. Il primo cittadino fa riferimento alle rassicurazioni fatte lo scorso anno dall’assessore provinciale ai Lavori Pubblici, Domenico Farina, il quale aveva garantito che i lavori sarebbero iniziati nel più breve tempo possibile e uno dei primi cantieri ad aprire sarebbe stato quello sulla strada provinciale 3, arteria che collega Carlantino a Celenza Valfortore.

L’incontro tra l’assessore Farina e i sindaci dell’area dei Monti Dauni risale a un anno fa. In quell’occasione, a Palazzo Dogana si discusse proprio della questione relativa alla viabilità e alle condizioni disastrose delle strade che collegano i paesi del Foggiano posti al confine col Molise. Lo sblocco dei sei milioni di euro appartenenti alla cosidetta “quota di premialità” sembrava dischiudere le porte a una risoluzione positiva almeno delle emergenze in piedi da più tempo. Le questioni inerenti al sistema dei trasporti pubblici e alle condizioni della rete viaria provinciale sono fra le più sentite dagli abitanti dei Monti Dauni.

In questi anni, la scarsa sicurezza delle strade provinciali e il loro stato di abbandono hanno causato gravi disagi alle popolazioni geograficamente più distanti da Lucera e Foggia, accentuando l’isolamento di diversi Comuni. Nell’ottobre 2011, fu proprio il Comune di Carlantino a restare per qualche ora completamente isolato a causa dell’enorme quantità di fango e detriti che si riversarono sulla provinciale 3 dopo giorni di pioggia intensa. “Continuiamo a ricordare - conclude D’Amelio – che la messa in sicurezza delle arterie provinciali equivale a salvaguardare l’incolumità dei cittadini. I carlantinesi, e non solo loro in quest’area dei Monti Dauni, devono augurarsi ogni giorno che non piova e la propria automobile non si sfasci andando a finire in una delle tante buche delle strade provinciali”.






 Uff. Stampa Comune Carlantino

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 612

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.