Testa

 Oggi è :  24/11/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

04/04/2012

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL RILANCIO DELLA VIA FRANCIGENA

Clicca per Ingrandire Si è svolta martedì 3 aprile nella sala consiliare del Comune di San Giovanni Rotondo, una prima riunione fra i rappresentanti dei Comuni garganici per il rilancio della Via Francigena, la via sacra dei pellegrini diretti verso i santuari del Gargano. All’incontro hanno partecipato il Luigi Pompilio sindaco di San Giovanni Rotondo, padre Mario Villani rettore del Santuario di San Matteo fr. Francesco Dileo rettore del Santuario di San Pio, don Felice Bruno rettore del Santuario dell’Incoronata, Raffaele Fino vicesindaco di San Marco in Lamis, Antonio Angelillis assessore allo sviluppo economico del Comune di Manfredonia e Domenico Rignanese in rappresentanza del Comune di Monte Sant’Angelo.

Nel suo intervento il sindaco Pompilio ha illustrato la necessità di valorizzare un territorio che quanto a presenza di Santi è unico nel suo gener. “Il nostro Gargano - ha precisato - ha la fortuna di avere tanti santuari, dei quali non siamo riusciti a valorizzare a pieno tutte le potenzialità turistiche. San Pio ha riacceso l’interesse verso questo territorio, diventando uno dei maggiori centri cristiani del mondo con milioni di fedeli. L’idea di valorizzare il tratto di Capitanata della via Francigena va nella direzione di dare priorità ai percorsi dello spirito, pur senza tralasciare gli aspetti secondari come il turismo enogastronomico e ambientale nel suo complesso.

“Il tratto che va da Stignano a Monte S.Angelo - ha continuato - ha peculiarità spirituali importanti e anche San Giovanni Rotondo farà la sua parte avendo due grandi santi come San Pio e San Camillo de Lellis. Un percorso spirituale che sia il compimento di una riflessione profonda da parte dei pellegrini, che venga certificata ufficialmente dalla chiesa, come avveniva in passato quando si riconosceva l’indulgenza plenaria”.

Fr. Francesco Dileo ha mostrato apprezzamento per queste parole esortando a “riflettere sul significato del pellegrinaggio in quanto c’è una differenza sostanziale tra pellegrino e turista. Bisogna tenere conto delle esigenze del pellegrino”. Anche padre Mario Villani concorda con le parole di Dileo in quanto nel suo santuario ci sono ancora molti elementi del pellegrinaggio autentico fatto a piedi, quei cosiddetti pellegrini invisibili che intendono il pellegrinaggio nella sua accezione più vera e significativa.

“La Provincia deve prendere atto della volontà di rivedere il percorso in chiave spirituale - ha dichiarato Raffaele Fino, vicesindaco di San Marco in Lamis commentando il percorso presentato dal Club Alpino Italiano. - Questo percorso non ha niente a che vedere con la spiritualità. Dobbiamo lavorare alla realizzazione di un percorso pedonale per permettere che il pellegrinaggio a piedi venga fatto in tutta sicurezza, così come avviene in Umbria e in altre parti del mondo”. Dopo il parere favorevole all’iniziativa espresso da Manfredonia e Monte, si è giunti alla conclusione condivisa di istituire quanto prima un tavolo tecnico di lavoro fra i Comuni dove convogliare tutte le riflessioni in una rete di idee e proposte per poi approntare un protocollo di intenti per la redazione di un progetto operativo da presentare in Provincia e in Regione.


 Uff stampa Comune San Giovanni Rotondo

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2200

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.