Testa

 Oggi è :  28/10/2021

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

10/06/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

A Lesina i disabili tengono banco

Clicca per Ingrandire Una grande carica di emotività ha investito la cittadinanza lesinese per la rappresentazione teatrale dei disabili dell’associazione “I lavori in corso”. L’opera dal titolo “Ombre” è andata in scena sullo sfondo lagunare all’imbrunire, proprio per richiamarne il titolo sfruttando il gioco delle luci e dei colori della sera. “Ombre” è il risultato del progetto intitolato “Il teatro dell’anima” patrocinato dal Comune di Lesina in collaborazione con l’assessorato alle politiche sociali, e coordinato dalla professoressa Carmela Cristino, promotrice del progetto.

Il cast composto da “attori” esordienti dell’associazione “I lavori in corso” quali Donato Apricena, Antonio Cristino, Rocco Centonza, Maria Vincenza Voto, Giobbe Murano, Fortuna Augelli, Maria Libera Lombardi e Rosa Biscotti, affiancati da Salvatore Pipino, Daniela Martino, Vincenzo D’Apote, Angela Violano, Vera Incubino e Maria Vincenza Ricci, attori dell’associazione teatrale lesinese “Dietro le quinte”, che vanta già alcuni fortunati spettacoli portati in tour nei paesi limitrofi, è stato diretto dal regista e noto esperto di teatro per disabili Enzo Toma assistito dall’artista sanseverese Francesco Gravino (nella foto).

Questo intreccio tra due realtà totalmente differenti sottolinea la possibilità di interazione e di integrazione di soggetti che non condividono la “normalità” della generalità ed esorta la gente a dare più credito alle potenzialità di persone che quotidianamente vivono spesso nell’ombra e non sempre riescono a trovare la forza e il coraggio per lottare e far sentire la propria voce. Le ombre, proiettate da una naturale luce fioca che va spegnendosi fino al totale oscurarsi del sole, diventano persone che si muovono padrone della realtà, dapprima mascherando il loro essere e poi rivelandosi completamente agli occhi commossi di un pubblico incredulo ma emozionato. Questo è il primo vero progetto importante, dal punto di vista umano, che viene realizzato dall’associazione “I lavori in corso” per la quale ha rappresentato un vero e proprio trionfo.

Nel suo discorso di ringraziamento la presidente Rosa Biscotti ha esordito con “Ce l’abbiamo fatta!”, pienamente soddisfatta di aver realizzato un qualcosa riguardo a cui anche lei inizialmente era un po’ scettica. “Per noi è stato come uscire dal guscio e ritrovarsi intimoriti nel dover affrontare il mondo ma decisi a lottare a tutti i costi per sopravvivere” ha poi dichiarato. Enzo Toma è riuscito, col suo lavoro e la sua passione, a portare sotto i riflettori molte persone affette da disabilità psico-motoria, ma con completa naturalezza e semplicità senza comunicare alcuna commiserazione, anzi riuscendo a far apprezzare al pubblico l’impegno e la forza d’animo di queste persone.

“Quella di stasera non sarà una dimostrazione di abilità ma una condizione poetica. Non cercate di capire, abbandonatevi alle emozioni, alle sensazioni”, così ha esordito prima dell’inizio dello spettacolo. Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco Giovanni Schiavone che ha fortemente sostenuto la realizzazione di questo progetto così da sensibilizzare la popolazione a dare considerazione a realtà più confinate ma non per questo meno importanti.

Concetta Pia Biscotti

 il Grecale - agenzia di stampa quotidiana

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 504

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.