Testa

 Oggi è :  01/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

03/11/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

GLI STUDENTI PESCHICIANI SONO STANCHI DI ATTENDERE. “È ORA DI AGIRE…”

Clicca per Ingrandire “Siamo stanchi, è ora di agire...” E gli studenti sono scesi in piazza! Con lo slogan "Il futuro non si aspetta, si costruisce", gli allievi dei due istituti superiori di Peschici (Liceo scientifico “Fazzini” e ITT) hanno attraversato le vie della cittadina garganica partendo, alle 10, dall’ex campo sportivo per sollecitare le autorità preposte affinché inizino al più presto i lavori del nuovo edificio scolastico per il quale è stata già espletata la gara d'appalto e individuata la ditta.

Il corteo, coreografato da scritte e musica popolare, ha messo in mostra tutta la “rabbia” degli studenti, uniti in unico urlo: “Vogliamo la scuola”, capace di ammutolire l'intero paese. Proprio quel paese che attende da anni il “famoso” istituto, quel paese stanco di continue lotte contro gli organi istituzionali, quel paese stufo di numerose e più o meno “false” promesse, quel paese che ha giocato tutte le sue carte per dare un futuro ai propri figli, quel paese che continua nella dura lotta grazie alla forza continua e duratura dei Suoi studenti.

“Basta, ormai non ci crediamo più! Eppure noi non vogliamo arrenderci, siamo qui per dimostrare che i ragazzi di Peschici esistono e hanno il diritto e il dovere di istruirsi in una vera e propria scuola... Una scuola degna di essere chiamata tale”. E' il commento, strozzato in gola da irritazione ed emozione, di uno studente del Fazzini, condiviso da compagni e colleghi che, a ritmo di taranta e danze popolari, continuano imperterriti a diffondere il loro messaggio in ogni angolo del Paese sotto gli occhi stupiti di familiari e Autorità civili e militari.

I manifestanti, grintosi e con la speranza di veder avverarsi quel “sogno” che ormai attendono da anni, chiudono la protesta nella cornice della villa comunale, sotto il vigile sguardo del Comune e dei suoi governanti. La speranza è l'ultima a morire e... si spera non crolli proprio domani, durante la prevista e programmata Conferenza dei Servizi che si terrà in Provincia a Foggia, quando sarà messo un punto decisivo a questa storia infinita.

Il sindaco Domenico Vecera, intorno alle 12.30, è sceso nella villa comunale antistante la Casa Comunale e ha reso noto che “l'Amministrazione comunale è dalla parte degli studenti e che hanno fatto tutto il possibile”. Quindi ha ricordato che domattina sarà a Foggia con una rappresentanza di studenti e genitori di Liceo e ITT.

Francesco D'Arenzo




 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 410

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.