Testa

 Oggi è :  25/06/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

02/11/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

RIFIUTI? NON SOTTO CASA MIA

Clicca per Ingrandire Ci risiamo: rifiuti? Non sotto casa mia, un po’ più in là. L’immondizia di Napoli e Palermo non ha insegnato nulla. Le nuove emergenze che stanno affiorando vicino a noi, leggi Foggia, non fanno riflettere a prepararsi al peggio (foto del titolo; ndr). Molti Comuni del Gargano, Parco Nazionale, non stanno meglio. La discarica di Vieste è satura da tempo, quella di Cerignola è in via di rapida saturazione. Tutto il lavoro di informazione, dibattito, confronto e atti del Consiglio comunale di San Nicandro Garganico, fatto dall’Amministrazione Squeo per individuare un punto di raccolta complesso e differenziata, è stato fermato dal nuovo sindaco Vincenzo Monte. La Provincia di Foggia, ente istituzionale per la politica dei rifiuti, passa di proroga in proroga mentre i camion compattatori si preparano a prendere la strada di Trani con un ulteriore, pesante aggravio dei costi che pagheremo noi cittadini.

Di fronte a questa situazione bene hanno fatto i sindaci di Peschici, Rodi e Vico del Gargano a preoccuparsi, prima che l’immondizia si accumuli nelle nostre strade e nelle nostre case, a individuare un sito in località “Agostella”, in agro vichese, idoneo alle operazioni di stoccaggio della parte differenziata. Scelta contestata da un Comitato, preoccupato per una negativa ricaduta sull’area e per pericolo della falda acquifera sottostante (leggi articolo di Francesco Mastropaolo su Gazzetta del Mezzogiorno riportato da OndaRadio al link: http://www.ondaradio.info/index.php?option=com_content&task=view&id=27308&Itemid=47 – ndr).

Per maggiori informazioni abbiamo incontrato l’avvocato Massimo Fiorentino (foto 1 sotto), assessore all’Ambiente del Comune di Vico del Gargano. “Ho avuto modo di spiegare in un recente incontro - dichiara, - a una delle più attive promotrici del sedicente comitato contro la discarica, che non solo non si tratta di discarica, ma ho avuto anche la possibilità di rappresentarle che nessun prezzo ambientale dovrà pagare il potenziamento della raccolta differenziata che i tre Comuni (Vico del Gargano, Rodi e Peschici) si avviano a fare con sempre maggiore incisività. Il territorio e la sua salvaguardia sono più cari a noi che a chi protesta in modo strumentale.

“Il semplice fatto - prosegue - di chiamare discarica un impianto a supporto di maggiore efficienza e portato della raccolta differenziata dei Comuni è di per se indice di cattiva informazione, a volte supportata anche da una pessima stampa. In occasione dello stesso incontro ho dato la disponibilità mia e quella dell’intera Amministrazione a illustrare i dettagli dell’intervento, ma fino a oggi conosco quanto fa il comitato solo attraverso i giornali e, quindi, anche questo è da intendersi come segno di una protesta che non ha approfondito la sua ragion d’essere”.

- Assessore, il comitato parla di non idoneità del luogo scelto.

Non ho le conoscenze tecniche per contestare simili affermazioni. Spero che il comitato abbia invece forti argomentazioni scientifiche a sostegno delle loro tesi, in più posso sin da ora assicurare tutti sul fatto che richiederemo accortezze anche oltre quelle previste dalla normativa, affinché non possa mai accadere ciò che loro, sia pure in via astratta, temono.

- Lei conferma la disponibilità a incontrare tutti coloro che manifestano dubbi sulla natura dell’impianto?

Ribadisco ancora una volta la disponibilità degli amministratori a incontrare tutti coloro che nutrono perplessità, visto che l’Amministrazione Damiani ha sempre fatto della condivisione e partecipazione, oltre che della trasparenza, un punto di forza e mai di debolezza. Temo che questa protesta abbia sfumature politiche legate alla prossima consultazione amministrativa più che un fondamento logico e scientifico. A maggior ragione, proprio stamane, 2 novembre, ho avuto modo di chiarire anche a un confinante la bontà del progetto e la disponibilità al confronto, specialmente se fondato sull’onestà intellettuale dell’interlocutore.

Michele Angelicchio

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1932

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.