Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

26/10/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

UN SISMA CHE DURA DA NOVE ANNI

Clicca per Ingrandire “La vera emergenza sono le case danneggiate che rischiano di crollare. Servono fondi straordinari, non possiamo intervenire con soldi nostri perché non ne abbiamo”. E’ questo l’allarme lanciato dal sindaco di Carlantino, Dino D’Amelio, in occasione del nono anniversario del terribile sisma che il 31 ottobre del 2002 colpì il Molise e alcuni Comuni della provincia di Foggia, fra questi Carlantino e Celenza Valfortore. Il primo cittadino fa riferimento a quelle abitazioni danneggiate dall’evento tellurico, soggette a ordinanze di sgombero ma disabitate anche prima del terremoto.

“Eppure - prosegue - non servirebbero grosse cifre per mettere in sicurezza alcune decine di case quasi al collasso. I tetti stanno crollando e questo causerà problemi anche alle abitazioni confinanti che subiranno infiltrazioni d’acqua”. A nove anni dal sisma, la ricostruzione procede davvero col contagocce. A Carlantino sono state sistemate solo le abitazioni “classe A” (la prima abitazione con ordinanza di sgombero totale), mentre restano ancora senza interventi sei abitazioni di “classe B” (la prima abitazione con ordinanza di sgombero parziale) e diciotto di “classe C” (la prima abitazione senza ordinanza di sgombero).

Non solo, restano insoluti i problemi legati al bilancio comunale che, a causa dei mancati introiti delle tasse comunali, si sono ulteriormente aggravati. I proprietari delle case soggette a ordinanza di sgombero, infatti, hanno beneficiato dell’esenzione parziale di Ici e Tarsu e i Comuni non hanno diritto al relativo rimborso. Infine, c’è il problema del rimborso Iva sulle spese per i lavori di ricostruzione. Il nono anniversario del sisma arriva quindi fra diverse criticità e molte paure.

“Chiediamo alla Regione Puglia lo sblocco dei fondi a noi destinati - conclude il D’Amelio - come già verificatosi per i Comuni molisani. Perché questa disparità di procedure?” Nei prossimi giorni, a Carlantino si riunirà la giunta comunale per chiedere ufficialmente la proroga dello stato di emergenza che scade il prossimo 31 dicembre.

 Uff. Stampa Comune Carlantino

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1088

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.