Testa

 Oggi è :  16/09/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

30/09/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DAI RISPOSTE AL TUO FUTURO

Clicca per Ingrandire Il questionario è il fulcro del 15° Censimento Generale della Popolazione. Ormai le famiglie italiane dovrebbero averlo già ricevuto anche se la spedizione, iniziata il 12 settembre, continuerà fino al 22 ottobre. Per qualsiasi tipo di aiuto circa la compilazione si può sempre contare sull’aiuto dell’Istat (Istituto di Statisica) attraverso il sito web http://censimentopopolazione.istat.it, il materiale informativo realizzato, i Census Point e il Census Tour disponibili a partire dal 7 ottobre. Inoltre, dal 1° ottobre si può contattare il numero verde gratuito 800-069-701.

A partire dal 9 ottobre, e sino al 20 novembre prossimo, i questionari compilati potranno essere consegnati tramite tre canali, predisposti all'uopo per venire incontro a qualunque tipo di esigenza:
• direttamente via web, a cura dell'interessato, all'indirizzo censimentopopolazione.istat.it, inserendo la propria password di accesso (stampata sul questionario). La restituzione via web del modello servirà a snellire e semplificare le operazioni di compilazione e ridurre i tempi di rilascio dei risultati;
• a un ufficio postale, non nella buca delle lettere bensì all'interno degli uffici postali stessi dove saranno allestiti appositi sportelli per la raccolta;
• a uno dei centri di raccolta, istituiti presso gli Uffici Comunali.

Le versioni del questionario sono due: nei Comuni di minori dimensioni si distribuisce la versione completa composta da 84 quesiti, in tutti gli altri Comuni e solo a un campione selezionato di famiglie si invierà la forma completa del questionario, mentre le altre riceveranno la forma ridotta con 35 quesiti. Mancano dunque pochi giorni al momento in cui si potrà procedere con la loro compilazione e come sempre stanno sorgendo dubbi e domande relativi alle più disparate tematiche. Riportiamo di seguito le questioni più frequenti e le relative risposte (suggerite dal Comune di Manfredonia).

- Quando posso cominciare a compilare il questionario ricevuto a casa?
Dal 9 ottobre 2011, e non prima, perchè all'Istat interessa la fotografia della situazione al 9 ottobre.

- Da quando i rilevatori cominceranno la loro attività?
Dal 10 ottobre 2011.

- Come posso riconoscere, oltre ogni ragionevole dubbio, i rilevatori che potrebbero venire a casa?
Ogni rilevatore sarà dotato di un tesserino Istat, denominato "Carta di autorizzazione per il rilevatore", recante sul fronte, oltre al timbro del Comune, il proprio nome, cognome, comune e provincia. Sul retro saranno ben visibili sia il timbro del Comune sia la firma del sindaco. Il rilevatore è tenuto a esibire, su richiesta, un documento d'identità che attesti la corrispondenza con quanto dichiarato sul tesserino stesso.

- Se non riesco a compilare il questionario a chi e dove posso rivolgermi?
Dal 10 ottobre e sino al 20 novembre 2011 si può scegliere di chiamare, segnalando la difficoltà, l'Ufficio Comunale per il Censimento che provvederà a inviare un rilevatore a casa, oppure raggiungere uno dei Centri raccolta provvisti del modello per il Censimento e gli incaricati presteranno l'aiuto del caso.

- Se non ho ricevuto il questionario cosa devo fare?
Potrà succedere che le Poste Italiane, per le più disparate ragioni, non riescano a recapitare il questionario, ma si dovrà necessariamente attendere almeno fino al 22 ottobre, data ultima per la ricezione della modulistica. Se oltre tale data ci si troverà a essere ancora privi del modulo per il Censimento si dovrà semplicemente attendere che i rilevatori provvedano autonomamente al recapito presso il proprio domicilio.

- Se ho buttato via il questionario, per una qualsivoglia ragione, come devo comportarmi?
Si dovrà segnalarlo, nel più breve tempo possibile, all'Ufficio Comunale per il Censimento.

- Se non consegno il questionario cosa può succedermi?
Compilare e restituire il questionario è obbligatorio e chi non si attiene a questa direttiva sarà punito, come prevede l'articolo 11 del D.L. 6 settembre 1989, n° 322, con sanzione dai 200 ai 2.000 euro, se si tratta di persona fisica, e da un minimo di 500 a un massimo di 5.000 euro per le violazioni da parte di enti e società.

- Dove posso consegnare il questionario, una volta compilato in ogni sua parte?
Se si è scelto di utilizzare le moderne tecnologie non si dovrà fare altro che andare alla pagina web censimentopopolazione.istat.it inserendo la propria password di accesso (stampata sul questionario), altrimenti si può consegnare il cartaceo - dal 10 ottobre al 20 novembre - all'interno degli Uffici Postali dove saranno allestiti appositi sportelli per il ritiro dei questionari per il Censimento, oppure nelle sedi di Certificazione Anagrafica individuate dal Comune di residenza.

- Se ho ulteriori dubbi e domande chi può fornire le informazioni del caso?
Dal 10 ottobre e sino al 20 novembre 2011 sarà possibile rivolgersi all'Ufficio Comunale per il Censimento oppure telefonare al numero verde gratuito 800-069-701.


LA SCHEDA - UN PO’ DI STORIA = Il termine censimento deriva dal latino ‘censere’ e significa ‘valutare, censire’. Da fonti storiche sembra che i primi censimenti furono effettuati su larga scala dalle grandi civiltà della Mesopotamia, in particolar modo dai Sumeri nel 4° millennio a.C.. La valutazione serviva a pianificare le risorse agrarie e umane in un'epoca di continue guerre e carestie. In seguito, gli antichi Egizi affinarono tali sistemi di rilevazione censuaria per quantificare la popolazione in maniera capillare, sia per far fronte alle risorse alimentari sia per utilizzarla come manodopera o forza bellica. In Cina e India furono approntati i primi conteggi della popolazione intorno al 3° millennio a.C. valutando le risorse finanziarie delle famiglie.

Da ciò si evince che i primi censimenti si ebbero nelle terre storicamente più popolate, in cui densità demografica, natalità e mobilità erano (e sono) utili indicatori per la sopravvivenza di intere popolazioni. Il più antico censimento di cui si conoscono i risultati è quello tramandato dalla Bibbia, effettuato da Mosè attorno al 13° secolo a.C. nel deserto del Sinai, dopo l'esodo dall'Egitto, censendo i capifamiglia, per distinzione di mestiere e censo, e tutti i componenti di sesso maschile. I censimenti vennero effettuati anche da Greci e Romani. Tre secoli dopo furono istituiti i Censores, magistrati incaricati di censire la popolazione. Eletti ogni cinque anni dai comizi centuriati, svolgevano attività di conteggio e classificazione per l'ordinamento di liste elettorali, milizie e tributi. I censores rimanevano in carica diciotto mesi, tempo previsto per eseguire il censimento della cittadinanza secondo classi di censo.

È da questo momento che viene introdotto il concetto di periodicità del censimento, gettando così le basi fondamentali per il censimento moderno. L'attività proseguì a fasi alterne anche nel Medioevo. Lo Stato Italiano che istituì il primo censimento universale fu la Repubblica di Venezia verso la metà del 1300. Nell’occasione ci si premurò di censire la popolazione secondo criteri di età, professione, sesso, nazionalità e condizione sociale.
Il primo censimento in senso moderno si ebbe il 1701 in Islanda. Successivamente in Svezia, Germania, Norvegia, Spagna e sul finire del secolo negli Stati Uniti. Nel secolo 19° ebbe luogo in quasi tutti gli Stati europei. In Italia il primo censimento ufficiale risale al 1861, cioè subito dopo l'Unità d'Italia.

Da quel momento, con cadenza decennale, sono state eseguite 14 rilevazioni (a parte il 1891, per mancanza di fondi, e il 1941, a causa della Seconda Guerra Mondiale), l'ultima delle quali risale all'anno 2001. Da diversi decenni i censimenti sono effettuati dall'Istat. Fino al 2001 i censimenti della popolazione sono stati effettuati col cosiddetto metodo classico consistente nella somministrazione di un questionario portato da un rilevatore a ogni famiglia. Per il censimento attuale, il 15°, sono state introdotte importanti novità allo scopo di agevolare i cittadini e rendere meno dispendioso il procedimento: questionario inviato per posta alle famiglie che potranno compilarlo e inviarlo via web oppure riconsegnarlo ai centri di raccolta autorizzati.





 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 766

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.