Testa

 Oggi è :  14/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

09/09/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

EVOLUZIONE CULTURALE DELL”UOMO

Clicca per Ingrandire Lunedi 12 settembre, alle 18, il gruppo di artisti denominato “Dna” inaugurerà nelle sale del Castello di Carlo V a Lecce la mostra tematica dal titolo “Tracce d’uomo: tra mito, storia, cultura e contemporaneità”. La mostra (foto del titolo, focus della locandina; ndr), curata dallo scultore Claudio Di Lorenzo e dal critico d’arte Roberta D’Intinosante, si propone di raccontare un percorso evolutivo di tipo culturale partendo dall’assunto che l’uomo sia non solo frutto di un dna di tipo biologico, ma conservi anche i segni di un dna di tipo culturale che ne condiziona esperienza, percezione e forma mentis, principio fondamentale della filosofia da cui prende le mosse il movimento “Dna-dimensione nuova arte”. Se è vero che esiste un dna di tipo biologico che ha indotto nell’uomo la sua trasformazione da uomo delle caverne a uomo metropolitano, ne deve esistere per forza uno di tipo culturale che lo ha accompagnato in questa sua evoluzione, dicono.

La scultura concettuale di Claudio Di Lorenzo, la fotografia di Domenico Marcone e la pittura d’ispirazione informale di Mivà si confrontano col tema dell’evoluzione culturale dell’uomo sociale, dagli antipodi alla contemporaneità. Sollevando talune analogie fra antichi e nuovi drammi, riconfermano la funzione profetica del mito. “Il tracciato della mostra muove i primi passi dalla ricerca, da parte dell’uomo, di qualcosa di soprannaturale che lo inducesse a spiegarsi alcuni (o forse tutti) fenomeni della natura allora non ancora comprensibili: da qui la trattazione del ‘mito’ come fonte inesauribile di riferimenti che attraverso la storia si tramandano fino ai giorni nostri”. Quella che il Dna suggerisce, di conseguenza, è un’idea modulare del percorso esistenziale e delle sue problematiche, e dunque l’immagine di una umanità, tutta, fortemente coesa.

La storia costituisce per gli artisti del “gruppo” l’elemento di riferimento costante da cui trarre insegnamento per poter fare i conti col futuro perché “colui che prende in considerazione la storia dei tempi antichi e ne conserva l’insegnamento è illuminato sulle cose future” (Luis Cabrera de Cordoba). Ecco che la mostra prende in considerazione, e li rappresenta sotto forma di opere d’arte, alcuni passaggi fondamentali della storia dell’umanità, episodi che non solo hanno lasciato traccia indelebile del loro verificarsi, ma che attraverso la forza del loro significato hanno indotto cambiamenti significativi, se non radicali (Crocifissione di Cristo, Caduta del Fascismo…).

E’ cosi che la trattazione della componente cultura diviene elemento da cui i nostri artisti non possono prescindere nel raccontare la propria esperienza umana. La contemporaneità è la componente che interessa ogni aspetto della vita quotidiana e, compito dell’artista, è sicuramente quello di esplorare i vari mondi a partire da quello politico continuando con quello spirituale, attraversando quello sociale, culturale, artistico, filosofico e via elencando, per raccontare o meglio evocare riflessioni da parte del visitatore in riferimento agli argomenti trattati, proprio perché caratteristica peculiare dell’artista è saper porre l’attenzione su tematiche che riguardino il presente e il futuro di ognuno che spesso, paradossalmente, passano inosservate. Le opere resteranno in esposizione fino al 23 settembre.




 Ufficio Stampa Comune di Lecce

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1795

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.