Testa

 Oggi è :  16/09/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

29/08/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

REPORTAGE DAL MAROCCO (1)

Clicca per Ingrandire Essaouira: città di mare, antico e grande porto del `700 ancora dotato dei suoi cannoni, animato dal volo dei gabbiani e dal canto continuo, a volte fastidioso, dei venti alisei. Non vi sembra proprio di essere in terra marocchina, dove all’interno il fuoco della calura divampa fino ai 45 gradi e più. Questa fresca città ai bordi dell`Atlantico da l`impressione di un`oasi coi suoi 70mila abitanti, protetta dall`Unesco e l’onore di un doppio nome, quello portoghese di Mojador, per ricordarne le lontane radici. Ha appena concluso in giugno, mostrando ancora una volta la sua sensibilità culturale, un festival di musica del mondo.

Alla domenica, poi, si aggiunge un`altra musica: le campane. È l`unica città del regno, infatti, dove sentirete suonare a stormo le campane. È il frutto della battaglia di padre Jean-Claude, un francese dal cuore marocchino, all`occasione della venuta di Papa Giovanni Paolo II. Sembrava di risentire in lui Pier Capponi: se cantano le loro moschee, noi suoniamo le nostre campane! Ed è un po` la sua filosofia. Sì, essere una piccola presenza cristiana in mezzo all`islam, ma non scomparire del tutto con la propria identità.

La sua vera identità, invece, vi si rivelerà subito appena vi presentate alla kenisa, alla chiesa: la larga barba da cappuccino, il sorriso amichevole e la parola arguta vi danno l`aria di un pastore. Infatti scoprirete subito la sua passione: un piccolo allevamento di montoni, conigli e galline. Il suo gregge di fedeli, al contrario, sono i turisti di passaggio o alcuni cristiani che abitano la città, ma non sono legione, anzi. La messa settimanale la dice insieme al suo cane affezionato, seduto devotamente sul cuscino del chierichetto.

Con segreto orgoglio mi fa visitare la sua chiesa: grandi tappeti marocchini distesi al suolo, altare, leggio e una grande croce in pregevole tuya, legno finemente intarsiato, frutto dell`artigianato tipico del luogo. Inoltre, vi indica là in alto una gabbia di... canarini, sospesa nel coro, che rivela cosi le sue strane melodie. “È perchè ci sia sempre qui qualcuno che preghi!” commenta. Si sofferma davanti a un dipinto di un crocifisso con sotto la veduta di Essaouira, fatto da un marocchino suo amico: ‘la salvezza per tutti’, vi sta scritto sotto, in francese.

Qui mi rivela la sua vera vocazione: si sente veramente il parroco di tutti. “Cristo non si è fatto cristiano, si è fatto uomo!” mi fa, prendendomi per un braccio per farmi meglio capire. “Ogni uomo, allora, ha qualcosa del Cristo. È lui, d`altra parte, che ha rivelato il vero posto di Dio, non nella tradizione, nella legge o nel tempio, ma nel cuore dell’uomo”. Davanti alla sua teologia, elaborata nella solitudine e nei suoi 25 anni di esperienza pastorale in questa città di mare, ammutolisco e resto affascinato.

Per questo lo trovi spesso per la strada o nei souk a parlare con la gente, a scambiare con tutti. Cura le relazioni: qui tutti lo conoscono, sanno le sue idee, ne avvertono la complicità e molti lo chiamano ‘il papa’. “No, quello sta a Roma!” risponde subito, divertito. E intanto acquista nella medina le piantine di pomodoro per il suo orto, le erbe aromatiche per le salse, va dal venditore di pesce... tutti suoi parrocchiani, benché musulmani. Ma vi dira che il vero dialogo con l’islam è difficile, anche se la passione che lo anima e l’incontro con l’altro nel rispetto della fede di ognuno.

Prepara per cena uno dei suoi conigli coi pomodori del suo giardino grandi come mele, spiegandomi intanto che fa tutto da solo: cucina, lavanderia, pulizia, ospitalità, senza alcun aiuto, senza alcuna donna, solo l`entusiasmo delle sue 75 primavere. E mentre assaporiamo la sua specialita carica di spezie marocchine, mi condivide la sua compassione per un popolo povero, poco o niente istruito, asservito, e una compassione ancora più intima per i giovani. Dopo i loro studi, tanta buona volontà e un diploma non resta loro nulla in mano... ma dove andranno, si domanda con una rabbia interiore.

Poi, fattosi dolce, fra una carezza e l`altra al suo cane mi dice tutta la sua chance di vivere in questi tempi. “Sai, i giovani, una nazione giovane come questa, sono una vera chance e poi una seconda è il loro senso profondo di libertà, di dignità. Da noi, in Europa, si stagna: la popolazione, i valori o la politica, per la quale si passa da destra a sinistra o il contrario non per i valori, ma per gli interessi. Eppoi per me è stata una grande chance vivere qui in un Paese musulmano” conclude solenne. Per comprendere finalmente che solo il cristianesimo dà valore e responsabilita all`individuo, alla persona.

“La tua originalita, il tuo essere unico al mondo, degno di rispetto te lo dà solo il vangelo. Ed è proprio l`islam che me lo fa capire, perché qui tutto è della comunità, la comunità ha una forza tremenda su di te. Come se tu non possedessi nulla”. L`altro giorno domandando a un commerciante di chi era il negozio di stoffe gli è stato risposto che era di Allah. Come se Allah possedesse tutto! E quello si era perfino alterato, arrabbiandosi, mentre invece ne era proprio lui il padrone. Salutando Essaouira sul mare, fra i gabbiani, mi dico, in fondo, tra me e me: i profeti non sono ancora morti.

Renato Zilio

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 758

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.