Testa

 Oggi è :  13/08/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

07/04/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

NON ESISTE IL “NON SI PUÒ FARE” MA SOLO IL “FATTO MALE”

Clicca per Ingrandire Nell’ottica di apertura a chi vive il territorio e nella massima fruizione dell’Area Protetta, prosegue l’azione amministrativa e programmatica del commissario del Parco Nazionale del Gargano, Stefano Pecorella. Seguendo questa impostazione voluta fin dal suo insediamento, l’Ente ha fatto proprio un nuovo disciplinare che regolamenta l’arrampicata sportiva (delibera commissariale n. 9 del 24 marzo). Il provvedimento è stato presentato ufficialmente lo scorso 25 marzo nell’ambito del convegno finale del progetto “Life Rapaci Gargano”, riscuotendo consensi dagli addetti ai lavori.

L’adozione di questo atto è frutto del recepimento di un protocollo d’intesa tra Provincia di Foggia, Centro Studi Naturalistici (Csn) Onlus, Club Alpino Italiano (Cai) sottosezione di Foggia, Federazione Arrampicata Sportiva Italiana (Fasi) e Federazione Speleologica Pugliese (Fsp) per promuovere l’esercizio di arrampicata sportiva all’interno della Zona di Protezione Speciale (Zps) “Promontorio del Gargano” tutelando nel contempo i siti di nidificazione dei rapaci rupicoli. La sottoscrizione del protocollo fa seguito alla bonifica di 77 vie di arrampicata sportiva installate sulle pareti rocciose della Zps che interferivano coi siti di nidificazione di Lanario, Capovaccaio e Gufo reale, specie di rapaci in grave pericolo di estinzione.

L'attività, svolta nell'ambito del progetto Life Natura “Rapaci del Gargano”, promosso dalla Provincia di Foggia e cofinanziato dalla Commissione europea, è stata effettuata nelle seguenti località: Petrulo-Malpasso, Pulsano, S. Restituta, Valle Grande, tutte località situate tra Manfredonia, Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo. La precedente situazione normativa, definita da un regolamento della Regione Puglia e uno del Parco Nazionale del Gargano, prevedeva un divieto di arrampicata su tutti i siti dal 1° gennaio al 30 agosto, mentre per la restante parte dell'anno l'attività era consentita in maniera generalizzata. Spesso però il divieto viene ignorato in quanto il periodo consentito è poco adatto alla pratica di tale attività.

L'accordo propone di consentire l'attività di arrampicata sportiva durante tutto l'anno solo in quei siti dove non si segnalano da anni nidificazioni di rapaci rupicoli a causa della presenza antropica ormai consolidata, mentre in tutti gli altri siti si propone di estendere il divieto di arrampicata durante tutto l'anno. Tra gli ulteriori punti dell'accordo vi è il pieno coinvolgimento delle associazioni nella promozione di una gestione compatibile della pratica di arrampicata sportiva, attraverso l'organizzazione della fruizione dei siti, la realizzazione di azioni di mitigazione sulle aree non interessate dall'attività come ad esempio la realizzazione di nuovi siti di nidificazione, l'eliminazione di barriere, l'attività di sorveglianza e una periodica attività di informazione e formazione ai soci, al fine di diffondere la conoscenza e la cultura della tutela dei rapaci rupicoli.

Ad oggi le aree interessate sono quattro: Porta Capuano (esclusa la gola) nel Comune di Manfredonia, Valle Palombara nel Comune di Rigano Garganico, Località Ripa Rossa (limitatamente alle pareti situate a valle della SS. 89) nel Comune di Mattinata e le pareti limitrofe all’uscita della galleria di Monte Saraceno sulla Ss. 89 in direzione Mattinata. Tali aree risultano dichiaratamente non idonee all’accoglienza di nidi dei rapaci e quindi fuori pericolo. Le richieste degli arrampicatori dovranno pervenire, entro il 30 settembre di ogni anno attraverso associazioni e federazioni di categoria che faranno da garanti all’esperienza e formazione dei soggetti. Le autorizzazioni verranno vagliate dal comitato tecnico del Parco che valuterà l’effettiva rispondenza dei parametri previsti dal protocollo.


LE DICHIARAZIONI DEL COMMISSARIO = Un’attività concreta dell’Ente Parco che indica al meglio il modo di concepire il rapporto fra le Istituzioni e chi vive il territorio. L’Ente Parco non dev’essere chiuso e ostico a priori. Solo in questo modo si evitano le inutili tensioni con chi ci tiene davvero al territorio rispetto a chi non lo vive e non lo tutela. Finalmente intorno allo stesso tavolo sono state accomunate le ragioni degli interessi positivi. Questa modifica al regolamento dell’arrampicata non è l’elusione della norma, bensì la garanzia delle esigenze legittime. Su un’area estesa come quella del Parco Nazionale del Gargano (118mila ettari) precludere per principio la fruibilità del territorio mi sembra un discorso fuori da ogni logica. Così come mappato, tutte quelle zone aperte adesso all’arrampicata non sono più oggetto della nidificazione di rapaci e non lo saranno più a causa delle mutazioni ambientali.

Questo regolamento fa chiarezza anche sulle contrapposizioni del passato. Riscontri più che positivi mi giungono anche dal CTA i cui rappresentanti plaudono questa capacità di raccordo di idee e forze. Un aspetto che garantisce un miglior controllo e tutela del territorio. Riassumendo, quest’atto è sintetizzabile con una frase che mi sta molto a cuore: non esiste il non si può fare ma solo il fatto male.


CONVEGNO “COLTIVIAMO BIODIVERSITÀ” = Domani venerdì 8 aprile, all’Oasi Lago Salso di Manfredonia presentazione del progetto LIFE+NAT/IT/000150 “Interventi di conservazione degli habitat delle zone umide costiere nel Sic (Sito di Interesse Comunitario; ndr) Zone umide della Capitanata” (foto 1 sotto, focus della locandina; ndr). L’area delle zone umide sipontine nel golfo di Manfredonia rappresenta uno dei sistemi ambientali di maggior valore e ricchezza naturalistica in Italia e nel bacino del Mediterraneo, con un costante trend di crescita del numero di specie nidificanti. Il convegno, oltre a presentare le azioni del progetto, vuole fare il punto della situazione circa la loro conservazione. A margine, saranno sottoscritti i protocolli d’intesa per l’attuazione del progetto e all'inizio la liberazione di sessanta esemplari di Falco grillaio.

Organizzazione e strutture, progetti in corso e previsti, ne fanno un’area d’eccellenza a livello nazionale. Il progetto Life, che si aggiunge ad altri in corso nell’area, rappresenta un paradigma di come scelte sbagliate del passato (la bonifica integrale) sono oggi oggetto di progetti, riscatti, nuove opportunità per il territorio. In una battuta, quanto tolto in passato oggi viene restituito, coinvolgendo nelle azioni uno dei Consorzi di Bonifica più grandi in Europa.


IL PROGRAMMA = Ore 10: i saluti di Angela Barbanente (assessore regionale a Qualità del Territorio), Antonio Pepe (presidente Provincia Foggia), Stefano Pecorella (commissario Parco Nazionale del Gargano), Vincenzo Rizzi (presidente Csn Onlus), Pietro Salcuni (presidente Consorzio Bonifica di Capitanata e presidente Oasi Lago Salso), Angelo Riccardi (sindaco di Manfredonia). Introduce il giornalista Ignazio Lippolis.

RELAZIONI =
- Cesare Patrone (direttore generale Corpo Forestale dello Stato): “Il ruolo del Corpo Forestale dello Stato nella tutela delle zone umide”
- Renato Grimaldi (Ministero Ambiente (direttore generale Direzione per la Protezione della Natura e del Mare): “La Rete natura 2000 in Italia e il piano d’azione nazionale per la biodiversità”
- Giampiero Sammuri (presidente Federparchi): “Il ruolo di Federparchi per la Conservazione della Natura”
- Antonio Canu (presidente Wwf Oasi): “Prospettive per la gestione delle zone umide in Italia”
- Matteo Rinaldi (direttore F.F. Parco Nazionale del Gargano): “Le zone umide del Parco del Gargano: una risorsa da tutelare”
- Antonello Antonicelli (dirigente Servizio Ecologia Regione Puglia): Il Progetto LIFE+ “Interventi di conservazione degli habitat delle zone umide costiere nel SIC Zone umide della Capitanata”

Le conclusioni sono affidate al presidente onorario Wwf Italia, Fulco Pratesi.

 Ufficio Stampa Parco del Gargano

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3019

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.