Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

24/03/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL RISVEGLIO DELLE COSCIENZE

Clicca per Ingrandire Il Gargano fa grossi passi in avanti rispetto al passato sulla presa di coscienza dell’importanza della tutela e della valorizzazione dell’autoctono patrimonio ambientale e culturale. Infatti, con decisione del Consiglio Nazionale di Roma e previa approvazione del Consiglio Regionale di Italia Nostra, è stata istituita la nuova sezione che ha sede a Monte Sant’Angelo e comprende anche il territorio di Manfredonia, San Giovanni Rotondo e Mattinata. La costituzione della sezione ha risposto alla esigenza della presenza dell’Associazione nel Gargano sud. La storica sezione di Italia Nostra Gargano, con sede a Vico, e la presidente Menuccia Fontana hanno sollecitato e accolto con entusiasmo la nuova sezione proponendo una stretta attività di educazione ambientale nelle Scuole del territorio garganico.

Nello spirito dello Statuto della Associazione Italia Nostra che detta la tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturale, è stata presentata una proposta di progetto all’Ente Parco Gargano relativo alla tutela dei “dolmen” di Monte Sant’Angelo e agli “eremi” dell’Abazia di Pulsano. Saranno oggetto di futura attenzione gli “ipogei e gli orti urbani” di Monte Sant’Angelo, l’Abazia di San Leonardo in Lama Volara, gli ipogei Capparelli di Manfredonia e la proposta per la realizzazione del Distretto economico culturale dell’Angelo, sulla base di quanto già illustrato nel corso di due riunioni dal prof. Gaetano Rinaldi all’epoca vicepresidente Nazionale di Italia Nostra. Nel corso della prima riunione si è proceduto alla elezione della presidente M. Sforza, vicepresidente P. Di Bari, segretario T. Di Padova, consiglio direttivo A. Di Padova, R. Falcone, C. Gianfreda, A. Masulli.

Ricco e interessante il programma delle attività e delle azioni previsto per il 2011:
1- Promuovere la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturale del territorio mediante opportune iniziative di Educazione Ambientale nelle Scuole. Visita alle discariche.
2- Promuovere la formazione culturale dei Soci anche mediante viaggi e visite.
3- Bloccare l’ulteriore espansione a Monte Sant’Angelo, giunta ormai a livelli insostenibili.
4- Iniziare opera indispensabile di restauro e recupero ambientale e urbano (muretti a secco del ’600; “pagghierë”; eccetera).
5- Individuare forme accettabili di mimetizzazione delle realizzazioni più invasive.
6- Provvedere all’immediata rigorosa tutela e realizzazione della Via dell’Angelo che dal Castello, seguendo il crinale della Montagna del Sole, giunge alla chiesetta Madonna degli Angeli e prosegue oltre.
7- Evitare assolutamente che la parte a valle del piccolo Parco del Belvedere, la zona cosiddetta “Chiana”, venga utilizzata in modo improprio come parcheggio, con un terrificante impatto ambientale. La zona invece dovrà essere utilizzata per favorire la prosecuzione del Parco del Belvedere ed eventualmente per la creazione di uno spazio per spettacoli e manifestazioni culturali (lavorazione della pietra, delle funi, dell’oro, eccetera).
8- Provvedere all’immediata, rigorosa salvaguardia dell’area archeologica dei ”dolmen”, individuandone la consistenza, tutelandone la conservazione e valorizzando il sito (trenino elettrico per il collegamento). Introdurre gli Ipogei nella rete Nazionale di Italia Nostra.
9- Evitare assolutamente che nella Piana di Macchia si sviluppi una indecorosa forma di proliferazione edilizia con la costruzione di “seconde” e “terze” case, prevedendo invece la creazione di un ecologico sentiero pedonale lungo tutto il costone prospiciente il mare, integrale tutela di una zona di rispetto profonda almeno 300 metri e consentendo eventualmente la realizzazione di villaggi turistici per un turismo che duri tutto l’anno, non impattanti, immersi nel verde, in grado di favorire una occupazione di qualità al posto delle fabbriche e dei capannoni aperti per poco tempo e chiusi subito dopo.
10- Convegno per le Scuole sul tema “Rifiuti e Paesaggi Sensibili”.
11- Convegno “Orti urbani” col dott. Evaristo Petrocchi – Assisi, Italia Nostra.
12- Convegno “Distretto Culturale dell’Angelo”, già presentato in Regione, col prof. Valentino, docente di Economia alla “Sapienza” di Roma
- prof. Gaetano Rinaldi, Italia Nostra.
13- Convegno “Ipogei dell’Adriatico” con Massimo Bottini, Italia Nostra.
14- Mostra Santiago-Roma-M.S.Angelo-Gerusalemme 8 maggio 2011: “I pellegrini tra l’Europa e la Terrasanta” col prof. Paolo Caucci, docente all’Università di Perugia.
15- Mostra fotografica itinerante di Domenico Riga nel Castello di Monte.
16- Accompagnamento di gruppi di altre sedi di Italia Nostra col seguente itinerario: Monte Sant’Angelo - eremi, dolmen, basilica; Manfredonia - castello, chiese romaniche, museo archeologico nazionale, Siponto; San Giovanni Rotondo - via crucis dello scultore Messina, chiesa di Renzo Piano.
17- Comunicazione con le Scuole.
18- Comunicazione con la Stampa.
19- Comunicazione con gli Enti Locali e proposte di azioni di tutela.

Per iscrizioni e informazioni su Italia Nostra Monte Sant’Angelo contattate i seguenti numeri tel. 0884-56.40.13 – cell. 368.33.27.754 – e-mail: montesantangelo@italianostra.org


LA SCHEDA = L’Associazione Italia Nostra, costituita il 29 ottobre 1955 e riconosciuta con Decreto del Presidente della Repubblica 22 agosto 1958, Nr. 1111, ha lo scopo di concorrere alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturale della Nazione. Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, non ha scopo di lucro e ha carattere di volontariato conformemente alle disposizioni legislative statali e regionali concernenti la materia. Per il conseguimento dei propri scopi l’Associazione si propone in particolare quali attività istituzionali:

- suscitare il più vivo interesse e promuovere azioni per la tutela, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali, dell’ambiente, del paesaggio urbano, rurale e naturale, dei monumenti, dei centri storici e della qualità della vita;
- stimolare l’applicazione delle leggi di tutela e promuovere l’intervento dei poteri pubblici allo scopo di evitare le manomissioni del patrimonio storico, artistico e ambientale del Paese, e assicurarne il corretto uso e l’adeguata fruizione;
- stimolare l’adeguamento della legislazione vigente al principio fondamentale dell’art. 9 della Costituzione, alle convenzioni internazionali in materia di tutela dei patrimoni naturali e storico-artistici, e in particolare alle direttive della Unione Europea;
- collaborare alle attività e iniziative aventi gli stessi fini;
- sollecitare quanto opportuno, anche mediante agevolazioni fiscali e creditizie, per facilitare la manutenzione dei beni culturali e ambientali, e il loro pubblico godimento;
- sollecitare anche mediante agevolazioni fiscali le donazioni allo Stato di raccolte o beni di valore storico, artistico e naturale al fine di una migliore valorizzazione;
- promuovere l’acquisizione da parte dell'associazione di edifici o proprietà in genere, di valore storico-artistico, ambientale e naturale, o assicurarne la tutela ed eventualmente anche la gestione secondo le esigenze del pubblico interesse;
- promuovere la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturale del Paese mediante opportune iniziative di educazione ambientale nelle scuole, formazione e aggiornamento professionale dei docenti nonché mediante attività di formazione ed educazione permanente nella società;
- promuovere idonee forme di partecipazione dei cittadini e dei giovani in particolare alla tutela e valorizzazione dei beni culturali e del territorio;
- svolgere e promuovere iniziative editoriali relative alle attività e agli scopi dell’Associazione;
- promuovere la formazione culturale dei Soci anche mediante viaggi, visite, corsi e campi di studio;
- promuovere la costituzione o partecipare a federazioni di associazioni con fini anche soltanto parzialmente analoghi, nonché costituire consorzi e comitati con associazioni o affiliazioni o gemellaggi, conservando la propria autonomia;
- in generale, svolgere qualsiasi altra azione che possa rendersi utile per il conseguimento degli scopi sociali.


 Comunicato stampa

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 4365

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.