Testa

 Oggi è :  15/07/2024

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

19/03/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

LA FESTA NEI PICCOLI COMUNI

Clicca per Ingrandire E’ stata celebrata anche a Orsara di Puglia la giornata dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Giovedì 17 marzo, le celebrazioni sono cominciate in Piazza San Pietro, alle 11, quando è stata scoperta la nuova lapide commemorativa, che rende onore ai protagonisti della storia italiana, con l’intervento delle autorità cittadine. Alle 17, nell’aula consiliare, è stato presentato il volume di Gaetano Languzzi: “150 anni di storia d’Italia raccontati dalla povera gente”.

L’autore ha 90 anni, è nato e vive a Orsara, ha vissuto la Grande Guerra attraverso il dolore di suo padre che vi partecipò, poi, da giovane soldato di appena 20 anni, partì per la Libia conoscendo l’orrore del secondo conflitto bellico mondiale. Ha scritto due libri su quelle tragedie. Entrambi sono stati adottati come testi scolastici dal Liceo scientifico “Volta” di Foggia e dall’Università di Urbino. Le celebrazioni in onore dei 150 anni dell’Unità d’Italia sono proseguite alle 19.30, nella Chiesa di San Nicola, con l’esibizione del Coro Polifonico dedicata ai canti patriottici.

“I 150 anni dell’Unità d’Italia sono un’occasione importantissima - ha dichiarato il sindaco Mario Simonelli. - In questi giorni non celebriamo soltanto la storia del nostro Paese, ma anche i valori su cui è stato fondato. E’ una festa che arriva in un momento difficile per tutti gli italiani. Proprio per questo, il 150.mo anniversario dell’Italia unita deve essere inteso come una possibilità di rilancio. Le donne e gli uomini che hanno lottato e hanno sacrificato la loro vita per mettere insieme la nostra nazione pensavano proprio a questo: unire il Bel Paese per costruire un futuro migliore a vantaggio di tutti.

“Rendere omaggio all’Unità d’Italia e al sacrificio di quelle persone - ha proseguito - significa continuare la loro missione, lavorare affinché i principi della Costituzione trovino applicazione nella vita di ognuno di noi. Dobbiamo impegnarci per avere un’Italia libera, solidale, capace di assicurare migliori condizioni di vita a tutti i suoi cittadini. Dobbiamo impegnarci per restituire il Paese ai giovani, per dare a ragazze e ragazzi tutte le possibilità di crescere, trovare un lavoro, avere una casa e le risorse necessarie a costruire il presente e progettare il loro avvenire.

“Orsara di Puglia - ha continuato - è uno degli oltre 5mila Comuni italiani con meno di 15mila abitanti. Le cittadine come la nostra costituiscono uno dei volti più autentici di un’Italia che sa ancora riconoscere e valorizzare le proprie radici. Noi siamo orgogliosi, oggi, di poter celebrare i 150 anni dell’Unità avendo la certezza che la nostra Comunità si sta impegnando al massimo per fare la sua parte nell’onorare il meglio della cultura e della storia italiana. Orsara è diventata ‘Bandiera Arancione’ del Touring Club ed è entrata nel circuito delle Cittaslow: questo significa che, tutti insieme, ci siamo impegnati con buoni risultati per migliorare la qualità della vita dei nostri anziani, delle nostre donne e dei nostri ragazzi.

Per onorare l’Italia e i suoi 150 anni di storia unitaria - ha concluso - dobbiamo fare ancora di più, impegnarci con rinnovata energia, con nuovo entusiasmo, perché solo così si può affrontare la crisi epocale che ha investito in questi ultimi anni l’economia e la società”.


 Uff. Stampa Comune Orsara di Puglia

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3477

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.