Testa

 Oggi è :  26/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

18/03/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

"NON C’È PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE"

Clicca per Ingrandire Un famoso proverbio afferma che «non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire». Ancora oggi, nonostante le documentazioni tecniche fornite da Mondo Gino Lisa, basate su carte aeronautiche, dati Metar dei venti, intervento di esponenti di Eurocontrol, piloti di linea che operano a Foggia, c’è ancora chi oggi propone e spinge per la realizzazione di una seconda pista trasversale nel sedime aeroportuale di Foggia. Il parere di Mondo Gino Lisa al riguardo è sempre stato abbastanza chiaro: no alla pista trasversale finchè non si risolve il problema di Amendola.

Chi non conoscesse esattamente i fattori tecnici che ci sono alle spalle oppure non cogliesse il senso di questa affermazione, la nostra associazione ribadisce che la nuova eventuale pista trasversale (la cosiddetta “07-25″), per come sarà posizionata e a causa dei venti predominanti che spirano al Gino Lisa, presuppone necessariamente sempre e in qualsiasi momento la possibilità di sorvolo sull’Aeroporto Militare di Amendola. Quest’ultimo, però, è una delle sei basi MOB (Main Operating Base) che rimarranno in Italia nei prossimi anni. Un aeroporto militare all’avanguardia e di grande pregio, nel quale si stanno già svolgendo i test di volo degli aerei senza pilota, i cosiddetti “Predator”.

Una base MOB, per come è concepita sia a livello tecnico che legislativo, non può permettere il sorvolo del suo spazio aereo a voli di tipo civile. Costruire la pista trasversale, allora, significherebbe realizzare qualcosa che non potrà essere mai facilmente utilizzata o per ragioni di vento o per ragioni tecniche di interferenza con l’aeroporto militare. Un qualcosa che costerà molti soldi pubblici, che avrà lunghi tempi di realizzazione e con una possibilità di utilizzo molto limitata. In altre parole, una “non-soluzione” al problema del Gino Lisa.

Su questo tema mancava solo quellla che può esser definita come “benedizione finale”. Apprendiamo dal Quotidiano di Foggia del 15 marzo scorso le ultime dichiarazioni dell’assessore regionale Guglielmo Minervini che non lasciano posto a equivoci: «La questione dell’utilizzo dell’aeroporto militare di Amendola è definitivamente chiusa. Dall’aeronautica il diniego è netto e perentorio. La Base di Amendola assolve ad altri compiti». La domanda nasce allora spontanea e lecita: «Perché perseguire nel voler realizzare qualcosa che già oggi si sa che non potrà essere utilizzata?» Sembra un quesito semplice ma al quale però pare difficile trovare una risposta.

In aviazione, in fase di decollo e atterraggio (ovvero i momenti più critici di tutte le operazioni di volo), il vento deve soffiare preferibilmente “in faccia” all’aereo, possibilmente non lateralmente e soprattutto mai di coda, pena il rischio di perdita di controllo del velivolo. Venti di coda all’aereo - anche di debole intensità (superiori a 5 nodi, quasi 10km/h) - vietano temporaneamente l’uso della pista in quel verso, obbligando (nei casi in cui sia possibile) i piloti di qualsiasi tipo di aereo a decollare/atterrare in verso opposto, oppure a rimandare la partenza/arrivo o addirittura a dirottare il volo su altro aeroporto.

E’ su questo concetto che si capiscono i pregi e i difetti rispettivamente della pista attuale e di quella trasversale del Gino Lisa. La Pista Originale 15-33 ha il pregio di essere prevalentemente monodirezionale, ossia i venti dominanti impongono e favoriscono univocamente l’atterraggio e il decollo sulla Testata 33 (cioè da Sud a Nord), mentre i venti laterali sono quasi sempre ininfluenti (di medio-bassa probabilità/intensità). La Pista Trasversale 07-25 è invece bidirezionale, in quanto gli stessi venti dominanti sul Gino Lisa non favoriscono una direzione univoca di atterraggio o di decollo. Essi, infatti, soffierebbero parzialmente laterali a tale pista, recando un disturbo non sottovalutabile al velivolo.

L’uso bidirezionale della pista presuppone la possibilità di scegliere di volta in volta quale testata della pista utilizzare. Inoltre, l’atterraggio sulla testata 25 richiede necessariamente il sorvolo dello spazio aereo militare di Amendola. In parole più semplici, nella maggior parte dei giorni dell’anno i venti sono favorevoli alla pista attuale e sarebbero sfavorevoli a quella ortogonale, il che implicherebbe per quest’ultima o l’atterraggio dalla testata 25 (passando su Amendola e quindi negato), o di atterrare su un altro aeroporto. L’Analisi Statistica su dati METAR che Mondo Gino Lisa ha condotto con l’ausilio dell’ing. Marco Fantauzzi (ex -Eurocontrol) mostra che ciò accadrebbe nel 56 percento dei casi di impiego della pista trasversale, rendendola dunque utilizzabile (visto che Amendola nega il suo sorvolo) solo nel 44 percento dei casi.

L’ICAO (International Civil Aviation Organization) considera come “fattibile” (cioè costruibile) una pista se essa ha un Coefficiente di Utilizzabilità di almeno il 95 percento. La pista trasversale/ortogonale 07-25, pertanto, con il suo valore del 44 non è nemmeno ipotizzabile senza l’apertura dello spazio aereo di Amendola. Mondo Gino Lisa pertanto prosegue nell’appoggio al progetto di allungamento a 1800 metri della pista del Gino Lisa, presentato ultimamente dalla Regione Puglia e da Aeroporti di Puglia (in calce il comunicato; ndr). Quest’ultimo, per come descritto dai vari esponenti intervenuti, ricalca molto quello proposto dalla nostra associazione, il quale dimostra anche come sia possibile intervenire sulla testata Sud, interrando il tratto di Tangenziale che passa nelle vicinanze e annettendo terreni incolti e liberi da edifici, per arrivare a una lunghezza complessiva superiore a quella della pista trasversale, ovvero circa 2500 metri.

Sul sito internet di Mondo Gino Lisa (www.ginolisa.it) sono sempre disponibili, per chiunque si voglia interessare, tutte le informazioni in merito, oltre alla possibilità di partecipare attivamente e gratuitamente allo sviluppo e alla crescita dell’Aeroporto di Foggia. Il presente comunicato stampa ha alcuni allegati scaricabili alla pagina http://www.ginolisa.it/download/20110315-ComunicatoStampa-MondoGinoLisa-SintesiDiagrammaMetar2009.pdf

Mondo Gino Lisa


COMUNICATO REGIONE PUGLIA = “Allo sviluppo delle infrastrutture aeroportuali saranno destinati 90 milioni di euro nell’intesa generale quadro che la Regione siglerà nei prossimi giorni con il Governo”. L’anticipazione dell’assessore regionale alla mobilità Guglielmo Minervini è arrivata nel corso della conferenza stampa di presentazione dei nuovi voli Air Italy dall’aeroporto di Bari. “La tumultuosa crescita della domanda da e per gli aeroporti di Puglia - ha spiegato - si sta articolando in diverse fasce di mercato e irrobustisce i nostri collegamenti con il resto del mondo. La mobilità aerea sta esplodendo e abbiamo intenzione di accompagnare tale andamento con interventi strutturali come l’allungamento della pista del Gino Lisa di Foggia, l’allargamento dell’aeroporto di Bari e l’adeguamento dello scalo di Brindisi all’incremento dei flussi di traffico registrato nell’ultimo anno. L’intesa con il governo - ha concluso - racchiude la proposta di sviluppo delle infrastrutture della Puglia per i prossimi dieci anni. Nel nostro programma, tracciato con Puglia Corsara, il punto dedicato agli aeroporti ha priorità assoluta. Abbiamo l’ambizione di far diventare la Puglia hub internazionale del traffico aereo”.

 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 836

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.