Testa

 Oggi è :  20/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

17/03/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

CONVERSAZIONI AL CASTELLO

Clicca per Ingrandire Subito una premessa degli organizzatori: “Il Centro Attività Culturali non è contrario all’Unità d’Italia, né propende per il ritorno della monarchia, sia essa borbonica o sabauda. Stiamo bene con l’ordinamento repubblicano. Occorre, al contrario, parlare, discutere, confrontarsi e prendere coscienza di ciò che realmente è stata l’Unità d’Italia, con quali metodi è stata conseguita e quale progetto è stato realizzato, visto che di
programmi unitari ce ne furono a iosa in tutto l’arco della storia italiana, ad iniziare dalla caduta dell’Impero Romano fino al 1860. Per ogni situazione, evento e scontro bellico esiste sempre almeno una duplice versione dei fatti: una ufficiale scritta dai vincitori e l’altra considerata minore, marginale, non rilevante, da non ricordare.

Col passare dei secoli però si aprono gli archivi segreti e sulla base di documenti inconfutabili si riscrive la verità storica. La VERITA’ è una categoria socio-civile cardine, cioè è alla base di ogni ordinamento giuridico, sociale e politico che intende definirsi civile e democratico e che, quindi, per sua natura respinge ogni mistificazione ideologica, di cui si permea e si nutre un regime dittatoriale. Ora, a distanza di 150 anni dall’Unificazione italiana, nonostante gli archivi ufficiali e segreti siano aperti, non si comprende perché ancora ci si ostina a non vedere e considerare fatti ed avvenimenti del 1861 con gli occhi acritici della verità storica, scevra da qualsiasi condizionamento ideologico e si continua, invece, a scrivere sui testi scolastici storie assurde e menzognere. Per quale motivo? Cosa viene celato? Si cercherà di rispondere nei tre incontri così programmati:


18 marzo
ore 18,35 Introduzione di Ciro Panzone, Studioso di Storia - Centro Attività Culturali “D. T. Leccisotti” - “La Capitanata negli aspetti storiografici dell’Unità d’Italia”
ore 19,00 Francesco Giuliani, docente di Italianistica all’Università di Foggia e al Liceo Classico “Nicola Fiani” di Torremaggiore - “Aspetti letterari nel Risorgimento”
ore 19,30 Michele Dell’Edera, giornalista - “I Savoia, i Borbone, i Briganti e gli Eroi del Risorgimento… Una storia da riscrivere”

22 marzo
ore 18,30 Introduzione di Salvatore D’Amico, docente del Liceo Classico “Nicola Fiani” di Torremaggiore - “L’istruzione Pubblica e privata nel Meridione dal 1821 al 1870”
ore 19,00 Giuseppe Clemente, C. R. D. Storia Capitanata - “L’esercito in Capitanata nella repressione al Brigantaggio”

31 marzo
ore 18,30 Luciana Soldano, socente al Liceo Classico “Nicola Fiani” di Torremaggiore - “Il ruolo della Massoneria nel Risorgimento Italiano”
ore 19,00 Pino Marino, Associazione Culturale “Daunia Due Sicilie” - “I Borboni, il Brigantaggio e i Savoia. Elementi storiografici”

Salvatore D’Amico*


*presidente Centro Attività Culturali “don Tommaso Leccisotti”



 Comunicato stampa

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3344

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.