Testa

 Oggi è :  24/05/2024

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

14/02/2011

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

A LUCERA UN “INTRAMONTABILE” MOLIÈRE

Clicca per Ingrandire Serata speciale per La Bottega dell'Attore che sabato 12 febbraio ha sfiorato il tutto esaurito al Teatro Civico Garibaldi di Lucera. I nove attori in scena hanno rappresentato il capolavoro di Molière con tempi, ritmi e gestualità armonici di tutto rispetto. Una rappresentazione mai edulcorata, mai stucchevole, che ha svelato al pubblico momenti di magia rari da consumarsi in teatro. Dunque un'interpretazione moderna e convincente, incorniciata da una scenografia essenziale e funzionale ai personaggi che hanno agito anche in platea, infrangendo la cosiddetta quarta parete.

L’uso di spazi, ritmi spettacolari e illuminazione hanno consegnato allo spettatore una messa in scena originale e creativa, con spunti d'ispirazione al miglior teatro del Novecento, di cui Giorgio Strehler è stato uno dei migliori interpreti. Una commedia di costume e in costume allestita ritracciando la forma collaudata del teatro realistico e borghese del commediografo francese, e soprattutto sviluppandone i temi intrinsechi dell’autodeterminazione della donna.

Il testo, nell’adattamento curato dallo stesso regista, Pino Bruno (foto del titolo; ndr), è privo di lessico arcaico ed eccessivo uso del verso, e arricchito dalla presenza di nuovi personaggi che con astuzia e arguzia fanno sì che i piani perversi di Arnolfo non vadano a buon fine. Due ‘amiche’ a rappresentare la coscienza civile della società che si contrappone a una sorta di maschilismo patologico.

“Si tratta di una storia non molto distante dai comportamenti della società gaudente di oggi - sostiene il regista - e la ragazza che si ribella all’arroganza del potere rappresentata da Arnolfo, ricco borghese e manipolatore delle altrui personalità, ne è l’esempio contemporaneo di chi si oppone all'uso della donna come oggetto. Dunque i vizi e le decadenze della società attuale hanno molti punti di contatto con l'epoca vissuta da Molière. Il potere ha sempre temuto il giudizio morale, il pettegolezzo, le dicerie e le maldicenze, in definitiva tutto ciò che oggi definiamo gossip, vero o presunto che sia”.

Gli interpreti della pièce: Roberto Vicario (Arnolfo), Cristina d’Arando (Agnese), Roberto Marinaro (Orazio), Anna Grazia Chirolli (Alana), Mariarosaria Rollo (Crisalda), Pino Bruno (Oronte), Gino Caiafa (Notaio-Oronte), Zeudia Ada Di Fiore (Giorgina), e la partecipazione di Maurizia Pavarini (Cornelia); scene Nicola Delli Carri. Movimenti mimici a cura di Fabio Vannozzi, costumi Shangrilla, consulenza musicale Maurizia Pavarini, assistente alla regia Valeria Maitilasso, musiche di Wolfgang Amadeus Mozart.


 Ufficio Stampa

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 388

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.