Testa

 Oggi è :  25/06/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

13/11/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL PARCO “ADOTTA” GROTTA PAGLICCI

Clicca per Ingrandire Dopo la presentazione del docu-film sulle indagini archeologiche condotte a Grotta Paglicci tenutasi a Siena lo scorso 10 novembre (foto del titolo; ndr), restano accesi i riflettori sulla valorizzazione di questo importante “tesoro” della nostra terra. “Il Parco Nazionale del Gargano non ha concluso la sua azione su Grotta Paglicci - ha dichiarato il commissario Stefano Pecorella (foto 1 sotto). - Certamente la prestigiosa cornice dell’Accademia dei Fisiocritici di Siena, che ha ospitato la presentazione ufficiale del filmato sul prezioso lavoro della prof.ssa Ronchitelli e del suo staff, rappresenta un importante momento di promozione e valorizzazione di uno dei siti archeologici più importanti d’Europa. La presenza a Siena, oltre che delle Istituzioni anche del presidente del Centro Studi Paglicci Enzo Pazienza, è stata importante per consolidare l’asse sul quale operano tutti coloro i quali hanno a cuore le sorti di Grotta Paglicci. Posso quindi affermare con serenità che l’attività di salvaguardia di questo bene oggi riparte su nuove basi”.

“E’ di qualche giorno fa - ha proseguito - la notizia del ripristino del contributo ordinario agli enti parco nella sua intera forma e non più al 50 percento. Stiamo effettuando le opportune verifiche, congiuntamente al Comune di Rignano Garganico, per la costituzione di un Tavolo Tecnico che possa dare il definitivo avvio alle attività finalizzate a una maggiore fruizione del Polo Museale e del centro Visite realizzati dal Parco del Gargano e dare nuovo slancio alle attività di ricerca coordinate dalla prof.ssa Ronchitelli dell’Università degli Studi di Siena, di concerto con la competente Soprintendenza”.

“Occorre ragionare in un’ottica di sistema - sottolinea Antonio Gisolfi, il giovane ma deciso sindaco di Rignano Garganico. - E’ questo il filo logico che sta guidando le nostre azioni per la salvaguardia e l’ulteriore valorizzazione del sito di Grotta Paglicci, consentendo la prosecuzione delle ricerche. Per poter preservare questo bene e renderlo fruibile anche dalle generazioni future, occorre un piano complessivo di salvaguardia dell’intera area dove è ubicata la grotta, situata su un terreno carsico che per sua stessa natura presenta alcune criticità geomorfologiche”.


LA SCHEDA = Grotta Paglicci è nota agli studiosi perché, per migliaia e migliaia di anni, gruppi preneanderthaliani prima (fra 250 e 130mila anni fa) e antichi sapiens poi (fra 36 e11mila anni fa) hanno occupato la grotta ripetutamente, lasciando le tracce delle loro attività: strumenti di selce e d’osso, resti di pasto, evidenze abitative (focolari, aree di accumulo di ossa), ornamenti. Una sequenza straordinaria, lunga millenni, che illustra l’evoluzione tecnologica e culturale di queste antiche popolazioni e insieme le trasformazioni dell’ambiente circostante il sito durante le ultime fasi glaciali. Non solo: la grotta, situata in un'area di difficile accesso, conserva l'unica testimonianza nota in Italia di pitture parietali paleolitiche, due cavalli e alcune mani (foto 2-3) risalenti a circa 20mila anni fa, cui si aggiunge il rinvenimento, a più livelli, di una trentina di pietre e ossa, con incisioni artistiche raffiguranti animali e motivi geometrici, e di due sepolture di sapiens fra le più antiche rinvenute in Europa.

Per tutte queste ragioni il sito archeologico è oggetto di ricerche da oltre quarant’anni. Indagini condotte dall’Università di Siena, primo fra tutti il prof. Arturo Palma di Cesnola, in collaborazione con la locale Soprintendenza per i Beni Archeologici. Fino a oggi sono stati recuperati quasi 40mila reperti fra cui dipinti parietali di cavalli (due piccoli e uno grande), impronte positive e negative di mani, scheletri umani, focolari, strumenti litici, oggetti d'arte mobiliare (il graffito più antico, rappresentante uno stambecco, viene datato a circa 22mila anni fa). La Grotta Paglicci è fondamentalmente un sito di scavo e di studio. La presenza di un determinato e delicatissimo microclima al suo interno non consente purtroppo la fruizione di massa da parte dei visitatori, dal momento che un’eccessiva presenza antropica causerebbe un aumento della temperatura e dell’umidità all’interno della Grotta che potrebbe causare la perdita irrimediabile dei graffiti stessi.


Per ulteriori informazioni: Ente Parco Nazionale del Gargano, Ufficio Stampa tel. 0884-56.89.39 – e-mail: ufficiostampa@parcogargano.it




 Ufficio Stampa

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1977

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.