Testa

 Oggi è :  23/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

22/10/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

ALLA RISCOPERTA DELL”EQUILIBRIO

Clicca per Ingrandire Dopo il grande successo della scorsa edizione, il Distretto Culturale Daunia Vetus ripropone “Ecotium”, ciclo di incontri dedicato all’economia dell’ozio, all’esigenza cioè di promuovere un modello di società più giusto e sostenibile, che riscopra il valore della terra e della tradizione, ripartendo dall’otium dei latini, ovvero un tempo da dedicare alla speculazione intellettuale, alla riscoperta della giusta misura, dell’equilibrio, del vivere secondo parametri più umani e meno economici, più salutari e meno stressanti, più sobri e meno eccessivi, più rivolti alla conservazione del creato che al suo progressivo e preoccupante sfruttamento.

Il filo rosso che ci accompagnerà in questa edizione 2010 sarà il tema dell’etica della contemporaneità, vista da angolazioni diverse. Si comincia il 24 ottobre, a Orsara di Puglia, con don Antonio Sciortino, giornalista, direttore di Famiglia Cristiana, che accompagnerà l’uditorio in una riflessione sull’etica dell’informazione. Il 5 novembre toccherà a don Rocco D’Ambrosio, a Castelnuovo della Daunia, politologo, docente di Filosofia Politica alla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma e di Etica della Pubblica Amministrazione alla Scuola Superiore dell’Amministrazione del Ministero dell’Interno, che parlerà del tema di etica della politica.

Il 13 novembre, a Bovino, sarà la volta di Francesco Gesualdi, ex alunno della Scuola di Barbiana di don Lorenzo Milani, fondatore e direttore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, che ci proporrà una riflessione sull’etica del consumo. A chiudere il ciclo di incontri sarà, il 24 novembre a Lucera, Stefano Zamagni, economista, ordinario di economia politica all’Università di Bologna e Presidente dell’Agenzia Nazionale per le Onlus, con una relazione sull’etica dell’economia.

Riguardo al tema di apertura del convegno, riportiamo una riflessione di Antonio V. Gelormini, una delle anime del Distretto Culturale Daunia Vetus: “L’informazione deve sempre tendere a far conoscere la verità, ad aiutare il lettore a comprendere la realtà e crearsi spazi di partecipazione critica ai processi sociali. Il compito di chi informa è quindi delicato e importantissimo: quello, cioè, di aiutare l’opinione pubblica a elaborare giudizi, opinioni e successivamente a decidere in che modo “essere presente” nella realtà quotidiana.

“Oggi più che mai, in tempi in cui la stessa libertà di ‘fare informazione’ diventa oggetto del dibattito pubblico, è necessario ristabilire un ‘rapporto etico’ fra il lettore e chi informa, capace di sviluppare la capacità critica della società e di rendere accessibili gli spazi della partecipazione.”

In tempi così difficili, Ecotium vuole rappresentare la speranza di un modello sociale nuovo, che metta al centro l’uomo e non il mercato, la sobrietà e non il consumismo sfrenato, la riflessione intellettuale e non il conformismo nelle scelte: una sfida importante che deve vederci, tutti, attori protagonisti.




 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1739

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.