Testa

 Oggi è :  20/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

23/05/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

Il sogno nel cassetto di Nicola d’Apolito divenuto realtà

Clicca per Ingrandire 


Come annunciato da questo sito il 16 maggio, si è tenuto ieri a Foggia l’incontro di presenta-zione del libro "Giolitti e l'antigiolittismo" di Nicola d'Apolito. Il servizio è di Ciro Dell’Anno.

Un sogno nel cassetto tirato fuori al termine di una splendida carriera scolastica: si tratta di “Giolitti e l’antigiolittismo”, l’ultima fatica di Nicola d’Apolito, ex professore ora in pensione, presentata giovedì pomeriggio nell’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza, alla presenza dei presidi del Giannone e del Poerio, Alfonso Palomba e Graziano Infante, di Aurelio Cernigliaro, ordinario di Storia del diritto medievale e moderna all’Università Federico II di Napoli, e soprattutto di Giuseppe Galasso, emerito docente di Storia medievale e moderna sempre a Napoli, nonché allievo di Benedetto Croce e grande esponente della cultura nazionale, all’interno della tavola rotonda sul tema “Sistema istituzionale e politiche di riforma: Giolitti oggi”. A fare gli onori di casa il preside della Facoltà di Giurisprudenza di Foggia, Marco Miletti.

Quello su Giolitti è il secondo libro pubblicato da d’Apolito, dopo la sua prima pubblicazione sul tema del brigantaggio: un libro ben strutturato, documentato e con aneddoti che non si trovano sui classici manuali di storia. “Ho deciso di studiare quest’epoca della storia italiana – ha spiegato l’autore – per passione e per dare un contributo alla cultura. Il motivo che mi ha spinto a scrivere questo saggio va ricercato nelle mie letture liceali sul tema giolittiano e soprattutto sul giudizio diametralmente opposto che i critici hanno dato sulla politica di Giolitti. Durante il periodo del mio insegnamento ho potuto approfondire tale tema e ho deciso di scrivere questo lavoro”.

Il libro è suddiviso in due parti: la prima tratta del contesto socio-politico-economico nel quale Giolitti si trovò a governare; la seconda del rapporto tra Giolitti e quelle forze politiche e culturali che vennero a costituire l’antigiolittismo. “Tra i tanti aspetti positivi della politica giolittiana – conclude d’Apolito – ci sono sicuramente quelli della neutralità dello Stato, del potenziamento del sistema assicurativo grazie all’istituzione dell’INA, dell’allargamento del suffragio universale e della politica laica di Giolitti nei confronti della Chiesa”. A dare un giudizio positivo dell’intera ricostruzione storica fatta dall’autore ci ha pensato Cernigliaro, che ha sottolineato come “l’attività di d’Apolito e di Galasso, nel loro ricostruire la storia, contribuisca in modo netto a garantire la libertà del Paese”.

 Il Grecale

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1069

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.