Testa

 Oggi è :  19/08/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

07/09/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

ADOLESCENTI A RISCHIO SPORT ESTREMO

Clicca per Ingrandire Si chiama “Parkour” lo sport urbano estremo, nato in Francia qualche anno fa e ormai largamente diffuso in Italia, che consiste nel saltare da un edifico all’altro, superare ostacoli, rimbalzare sui tetti secondo un percorso prestabilito, nel tempo più rapido e nel modo più semplice possibile. La larga diffusione sulla rete e la presenza di migliaia di filmati amatoriali su internet che mostrano le acrobazie di esperti parkouristi hanno fatto si che lo spirito emulativo prendesse piede soprattutto fra i giovani e il fenomeno diventasse un vero e proprio cult per giovanissimi, in particolare minori alla ricerca dell’ebbrezza del proibito e del pericoloso.

Infatti, se da una parte il saltare da una proprietà privata all’altra è un reato presente nel nostro codice penale e previsto dall’art. 614 come “violazione di domicilio”, è l’affrontare voli di decine di metri che lo rende particolarmente rischioso per la salute e uno sport al limite. Sono numerosi e in crescita da un po’ di tempo a questa parte gli episodi di minorenni feriti anche gravemente per aver provato incoscientemente questi salti e acrobazie urbane.

Di recente a Lecce tre ragazzini, di cui due minori, sono stati sorpresi e identificati dalla Polizia di Stato perché saltavano da un tetto all’altro del centro storico, ignorando la pericolosità del vuoto e infischiandosene di passare su numerose proprietà private, mentre un altro di tredici anni lo scorso giugno è morto nei pressi di Bologna dopo aver fatto un volo di circa dieci metri sfondando il lucernario di vetro di una scuola (per dovere di cronaca aggiungiamo che dalle indagini non è emerso in nessun modo che il ragazzino fosse sul tetto per fare parkour; ndr).

Secondo il Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore di “Italia dei Valori” non resta che fare un appello ai genitori o ai soggetti che esercitano la potestà, così come alle Forze di Polizia, a esercitare un maggiore controllo tanto più che di recente si è parlato di veri e propri raduni di parkour organizzati nel nostro Paese.


Giovanni D’Agata




 Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore”

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1577

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.