Testa

 Oggi è :  20/04/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

25/08/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

STRADE DISSESTATE, CITTADINI DISPERATI

Clicca per Ingrandire “La lotta per il risanamento della viabilità sui Monti Dauni ci vedrà alleati, oltre che ai Comuni del Foggiano, anche agli altri centri della Valle del Fortore che appartengono alle province di Benevento e Campobasso”. Il sindaco di Roseto Valfortore, Nicola Apicella, rilancia i temi della protesta che si sono riaccesi nelle ultime settimane. La lotta, ora, non riguarda solo l’ente provinciale foggiano ma anche la Provincia di Benevento e quella di Campobasso. E’ stato formalmente istituito il “Tavolo di concertazione dei sindaci del Fortore” che mette insieme i Comuni di San Bartolomeo in Galdo, Foiano di Val Fortore, Baselice, Roseto Valfortore, Alberona, Volturino, Castelfranco in Miscano e Volturara Appula.

Il nuovo organismo collegiale intende ampliarsi con le prossime adesioni dei Comuni di Biccari, Castelluccio Valmaggiore, Celle San Vito e Faeto. Nella riunione di martedì 24 agosto, a Pietramontecorvino, il Comune di Roseto Valfortore ha proposto anche agli altri Comuni partecipanti all’incontro (Carlantino, Casalnuovo, Castelnuovo, Casalvecchio, Celenza Valfortore, Motta Montecorvino, Pietra e San Marco la Catola, oltre ai già citati Volturino e Volturara) di allargare la base di partecipazione della lotta facendo rete coi centri di Molise e Campania ugualmente interessati al problema delle strade dissestate.

Il Comune di Roseto Valfortore, negli ultimi dieci anni, è sempre stato molto attivo nel rivendicare - nei confronti della Provincia di Foggia, cui compete la responsabilità sulla sicurezza della viabilità provinciale - la necessità di un programma di azioni strutturali per affrontare il problema del dissesto idrogeologico nei Monti Dauni e la conseguente disastrosa situazione della viabilità nella parte settentrionale dell’Appennino Dauno. Un’azione intrapresa con forza, anche quando a Palazzo Dogana vi erano un presidente e una giunta di centrosinistra.

La risposta dell’assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Foggia, Domenico Farina, e la mancanza di qualsiasi chiarimento da parte del presidente Antonio Pepe sono valutati come un segnale di colpevole e dolosa indifferenza da parte dell’Amministrazione comunale rosetana. Gli ultimi atti di Palazzo Dogana riguardo alle priorità di intervento sulle arterie provinciali evidenziano una forte, lampante e immotivata differenza di attenzione da parte della Giunta provinciale nei confronti dei territori dei Monti Dauni Settentrionali non rappresentati all’interno dell’esecutivo.


 Uff. Stampa Comune Roseto V.

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 221

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.