Testa

 Oggi è :  27/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

25/08/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

COMUNI DAUNI SUL PIEDE DI GUERRA

Clicca per Ingrandire Ieri, martedì 24 agosto, i sindaci e i consiglieri delegati di undici Comuni dell’Appennino Dauno sono tornati a riunirsi a Pietramontecorvino (foto del titolo e 4 sotto; ndr). All’incontro erano presenti o rappresentati da consiglieri delegati i sindaci di Carlantino, Casalnuovo, Castelnuovo, Casalvecchio, Celenza Valfortore, Motta Montecorvino, Pietra, Roseto Valfortore, San Marco la Catola, Volturara Appula e Volturino. “Nel comunicato stampa della Provincia di Foggia, numero 668 del 4 agosto 2010 (http://www.foggiacomunicazione.it/record_comunicati.php?Rif=6571), la giunta di Palazzo Dogana informava circa “le priorità d’intervento sulle arterie provinciali” e la relativa delibera.

Nell’elenco dei diciotto interventi previsti, uno solo riguarda i Monti Dauni Settentrionali, un solo intervento per l’area che tutti sanno essere la più disastrata da frane e mancanza di adeguati livelli di percorribilità in sicurezza (foto 2-3). Nell’elenco, dove sono totalmente assenti i Comuni, ricorrono sistematicamente i nomi di alcune città, “vedi caso quelle più rappresentate nella giunta di Palazzo Dogana”. “L’assessore provinciale Farina - dichiarano i sindaci - parla di ‘toni aspri’, di ‘confusione tecnica’, dell’assenza di atti dai quali si possa desumere l’esclusione dei nostri Comuni” (foto 1, atto d'indirizzo della Provincia).

“Non vi è alcuna confusione, signor assessore - insistono, - la situazione è chiarissima: nell’atto di indirizzo della Giunta di Palazzo Dogana dello scorso 22 luglio, a proposito degli ‘Interventi da effettuare nelle arterie provinciali per l’anno 2010’, nell’elenco dei 50 interventi programmati ce ne sono soltanto quattro riferibili all’area settentrionale dei Monti Dauni e tutti per lavori di somma urgenza, vale a dire interventi di rattoppo o poco più. Cosa fa l’assessore, prima firma poi fa finta di dimenticare? E’ la sua risposta a essere offensiva, non la nostra richiesta di chiarimenti nel merito delle questioni che riguardano migliaia di cittadini”.

“Secondo la Provincia di Foggia - osservano, - il problema della scarsa sicurezza delle nostre strade dovrebbe essere risolto con i limiti di velocità: 30 chilometri orari e passa la paura. A che ora devono partire i nostri studenti e lavoratori pendolari per raggiungere i luoghi di studio e di lavoro delle altre città della provincia? Non è una domanda polemica, è che siamo davvero curiosi di conoscere il parere dell’assessore e la sua risposta ai cittadini di questa provincia”.

“Dalla Provincia di Foggia - concludono - continua a non arrivare alcuna risposta in merito alle nostre osservazioni riguardo all’emergenza rappresentata dalle condizioni disastrate delle strade dei tredici Comuni dei Monti Dauni Settentrionali. A questo punto, come abbiamo annunciato dieci giorni fa, non ci lasciano altra scelta: siamo pronti a prendere ogni iniziativa utile a rompere questo silenzio indifferente”.


 Uff. Stampa Comune Pietramontecorvino

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2130

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.