Testa

 Oggi è :  16/02/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

20/08/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

PIETRA MILIARE DELLA STORIA DEL MEZZOGIORNO MEDIEVALE

Clicca per Ingrandire Il 26 agosto, alle 19, a San Nicandro Garganico, nell’Auditorium di Palazzo Fioritto, verrà presentato il volume di Raffaele Licinio "Castelli Medievali" (Edizioni Caratteri Mobili). La scaletta della serata prevede i saluti del sindaco Costantino Squeo e la presentazione di Teresa Maria Rauzino, presidente Centro Studi “Martella” di Peschici. Seguirà l’intervento dell’autore, professore ordinario di Storia medievale e direttore del Centro di Studi normanno-svevi dell'Università di Bari, e il dibattito col pubblico moderato da Gianfranco Piemontese, docente di storia dell’arte.

“Castelli Medievali” è una vera pietra miliare della storia del Mezzogiorno medievale. All’interno dell’organizzazione difensiva, e nel quadro dei meccanismi di potere e controllo delle società feudali fortemente centralizzate, l’autore ricostruisce genesi e funzioni, reali e simboliche, di un vero e proprio “sistema castellare” che, organizzato dal primo re normanno Ruggero II, viene poi ristrutturato e rafforzato dall’imperatore svevo Federico II e, in parte, dall’angioino Carlo I.

Particolare attenzione è riservata al processo di “incastellamento”, all’analisi del ruolo di controllo strategico e politico del territorio svolto dai castelli pugliesi e lucani, e alla ricostruzione della loro gestione amministrativa, militare e finanziaria. Da Castel del Monte a Bari, da Foggia a Barletta, da Brindisi a Taranto, da Lagopesole a Melfi, un itinerario storico sorprendentemente attuale fra strutture castellari che, grandi o piccole, urbane o rurali, arsenali militari o simboli del potere, luoghi di difesa o elementi di dominio politico, hanno comunque rappresentato il “banco di prova” della capacità di governare uomini e territori appulo-lucani tra l’11.mo e il 13.mo secolo.

Il volume di Licinio ha già vinto numerosi premi nazionali e regionali, fra cui: Premio speciale “Gaetano Cingari-Studi sul Mezzogiorno”, all’interno del prestigioso “Premio Rhegium Julii”, come miglior volume di storia del Mezzogiorno, e “Premio speciale della Giuria” nella 14.ma edizione del “Premio di Studio Conversano-Maria Marangelli”. Questa nuova edizione è stata interamente riveduta e ampliata con cartine di localizzazione geografica, una Bibliografia aggiornata all’aprile 2010 e, in Appendice, il saggio "Castel del Monte: stereotipi e dati storici", di Massimiliano Ambruoso, responsabile di un gruppo di ricerca sul castello federiciano.


SCHEDA DELL'AUTORE = Raffaele Licinio (foto 2 sotto; ndr) è professore ordinario di Storia medievale alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bari. Dal novembre 2002 è direttore del Centro di Studi Normanno-Svevi della stessa Università. La sua attività scientifica riguarda in particolare i rapporti fra strutture sociali e produttive, assetto del territorio e realtà istituzionali all'interno del Mezzogiorno bassomedievale, con particolare attenzione verso ambiti territoriali e problemi di storia agraria medievale.

Attraverso l'analisi della società, dell'economia e dei quadri politico-istituzionali, le sue ricerche mirano a cogliere funzioni e forme, continuità e mutamenti, dinamiche e contraddizioni che soprattutto nei secoli 11.mo-15.mo hanno contraddistinto la storia dell'Italia meridionale. I suoi interessi di ricerca sul Mezzogiorno medievale si sono indirizzati principalmente su due filoni tematici, sino a qualche anno fa in ombra o insufficientemente dibattuti dalla storiografia medievistica: la storia agraria regionale, esaminata all'interno della storia agraria meridionale e mediterranea, e la storia delle strutture di fortificazione all'interno del “sistema castellare” del regno.

Tra le sue pubblicazioni i volumi "Uomini e terre nella Puglia medievale. Dagli Svevi agli Aragonesi", presentazione di Giovanni Cherubini (1983, 2009); "Masserie medievali. Masserie, massari e carestie da Federico II alla Dogana delle pecore", presentazione di Cosimo Damiano Fonseca (1998); "Castel del Monte e il sistema castellare nella Puglia di Federico II" (2001); "Castel del Monte. Un castello medievale" (2002).

 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 903

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.