Testa

 Oggi è :  23/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

02/06/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

PESCHICI: TESTIMONIANZE STORICHE ALLA RIBALTA

Clicca per Ingrandire Piazza Fioritto, all'interno dell'ex Palazzo dei della Torre, esiste la seguente iscrizione: “AERE SUO IN MELIUS DOMINUS MARTUCCI REFECIT A.D. M D CCLXXX VIII” (foto del titolo; ndr). In italiano significa: “Il signor Martucci rifece in meglio col proprio danaro. Anno del Signore 1788”. In base alle notizie forniteci dall'attuale proprietario Enzo Fasanella, il palazzo nacque come convento benedettino nel XIII secolo. Fino alla data dell'iscrizione, che ne assegna la proprietà ai Martucci, non si hanno più notizie certe.

Dopo la ristrutturazione, il palazzo fu dato dal sig. Martucci a una figlia che, per matrimonio, lo portò in dote ai della Torre, proprietari fino a pochi anni fa. L'edificio possiede particolari gotici, fra cui un'architrave, e una pavimentazione in mattonelle di creta. Le mura esterne erano sicuramente quelle della cinta muraria di Peschici. Iniziavano dalla Torre del Ponte e giungevano fino a tutto il suo perimetro, dove si ergeva una piccola torre di avvistamento, poi crollata, ma la cui esistenza è testimoniata da una feritoia all'interno dell'attuale abitazione.

Delle iscrizioni finora esaminate, tutte di carattere pubblico in quanto opera di uomini di chiesa o di potere, questa è la prima che figura all'interno di un'abitazione privata, appartenente a una famiglia che, soprattutto nell'800, diventerà fra le più importanti di Peschici. Ciò vuol significare che per alcune famiglie nobili o ricche il latino rappresentava un segno di distinzione, ma anche la prova tangibile degli studi sostenuti, allora appannaggio di pochi. Inoltre, l'iscrizione è di poco posteriore a quelle lasciateci dal Principe Emanuele Pinto, in quanto incisa circa 50 anni dopo. Tale constatazione porta a ipotizzare che anche nelle altre case di famiglie facoltose o nobili fossero presenti testimonianze in lingua latina, divenuta, a quei tempi, una moda.

Domenico Ottaviano/Raffaele D'Amato
(II D Liceo di Peschici - a.s. 2005/2006)


NB. Le due frasi che appaiono nella foto del titolo sono riportate l’una di seguito all’altra nell’originale. Sono state sovrapposte per maggiore visibilità.

 970ad.it

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 275

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.