Testa

 Oggi è :  23/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

31/05/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

ITALIANI E STRANIERI ALLA MADONNA DELLA RICOTTA

Clicca per Ingrandire Tanti visitatori da Foggia, Lucera e dai paesi dei Monti Dauni hanno partecipato domenica alle celebrazioni per la Madonna della Ricotta (foto del titolo, la chiesa; ndr). Una delegazione di cittadini polacchi è giunta sabato a Carlantino per incontrare i connazionali che risiedono in paese. Per la ricorrenza più sentita, ripresa dalle telecamere di Rai International e Telenorba, il borgo che si affaccia sulla diga di Occhito è stato raggiunto da comitive di turisti provenienti dalla Puglia e dalle regioni più vicine (foto 1 sotto).

Soddisfatto il sindaco Dino D’Amelio. “La ricorrenza della Santissima Annunziata - dichiara, - piena di elementi culturali e ricca dei significati che caratterizzano l’identità storica del Mezzogiorno, deve far parte di una nuova offerta turistica che vogliamo costruire a partire dalla valorizzazione integrata delle nostre risorse ambientali, produttive, archeologiche e agroalimentari (foto 2, la lavorazione della ricotta). E’ uno dei progetti che ci impegneranno in questo primo anno di mandato politico-amministrativo e nei successivi. La diga di Occhito, l’area naturalistica che sorge attorno al lago artificiale, i boschi circostanti e l’ostello situato su Monte San Giovanni sono risorse da promuovere e utilizzare meglio di quanto è stato fatto finora”.

A Carlantino, all’interno di un piccolo museo, sono stati raccolti e catalogati, sotto la direzione di Francesco Paolo Maulucci della Sovrintendenza archeologica di Foggia, circa duemila reperti che vanno dal neolitico iniziale all’età medievale. Urne cinerarie, costruite con una terra particolare detta argilla africana utilizzata proprio all'epoca di Annibale, monete, vasi, tegami, brocche, pettini in osso, unguentari per profumi ed elementi architettonici di ville e templi. Durante alcuni scavi su Monte San Michele, sono stati trovati reperti archeologici che testimoniano la presenza di un insediamento romano tra il IV e il primo secolo avanti Cristo, in piena epoca Repubblicana.

 Uff. Stampa Comune Carlantino

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1777

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.