Testa

 Oggi è :  20/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

20/05/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

I GIOVANI CHIEDONO PACE PERCHÉ CREDONO NELLA PACE

Clicca per Ingrandire Il movimento “Gpace-Giovani per la Pace” nasce nel Salento, una terra che purtroppo conosce molto bene il dolore che provoca la perdita di “figli” in Afghanistan, ed è forse per questo motivo o perché GPace rappresenta una giovane ma forte voce contro tutte le guerre che i ragazzi salentini hanno deciso di dedicare ai due militari Massimiliano Ramadù e Luigi Pascazio la Medaglia di Merito che hanno appena ricevuto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la loro rappresentazione di protesta contro l’uso di bambini e adolescenti come soldati, la quale si è svolta ieri pomeriggio a Roma in Piazza San Pietro. Ma non vogliono limitarsi solo a queste ultime due vite perse, i giovani leccesi desiderano infatti che la dedica sia allargata a tutti i militari italiani caduti in Afghanistan a partire dall’inizio della missione.

La rappresentazione di ieri a Roma si è svolta nel migliore dei modi. Con Piazza San Pietro gremita di fedeli e turisti (presenti anche per via dell’udienza pubblica di Papa Benedetto XVI), i ragazzi di Repubblica Salentina hanno indossato i panni di “poster viventi” e hanno così dichiarato in maniera simbolica ma molto eloquente la loro protesta contro l’uso di bambini e adolescenti come soldati, spie di guerra e perfino kamikaze.

I ragazzi si sono divisi in tante coppie di giovani, di cui uno di essi era vestito da militare e aveva al collo un cartello con la scritta “NO”, mentre l’altro era vestito da sportivo o da musicista con un cartello “YES” come a significare: i giovani devono poter studiare, fare sport, suonare, cantare e divertirsi …non spararsi addosso! Questa di Roma è stata la loro terza rappresentazione, dopo le due realizzate a Lecce.

Davanti a migliaia e migliaia di curiosi e a una quindicina tra giornalisti e fotografi professionisti, i ragazzi di Lecce si sono mostrati nelle loro rappresentazioni, hanno distribuito volantini della loro causa e si sono fatti fotografare e riprendere, chiedendo espressamente che foto e video fossero pubblicati e diffusi il più possibile, sulla rete, sui social network, sui blog e sui portali d’informazione, allo scopo di far giungere il loro chiaro messaggio il più lontano possibile, immagini eloquenti che urlano NO ai giovani costretti a combattere, SI’ a una adolescenza serena e pacifica.

Molti sono stati poi i giovani, soprattutto stranieri, che hanno voluto aggregarsi al gruppo di salentini: cinesi, giapponesi, olandesi, americani e tanti altri, ragazzi e ragazze che condividevano il pensiero dei giovani di GPace e hanno chiesto di essere fotografati con loro. Tra questi c’è stato anche un ospite molto illustre, forse un po’ meno “giovane” ma sicuramente “per la pace”: Carlos Peralta, presidente dell’OMPP-WOFP (Organisation Mondiale Pour la Paix – World Organization For Peace), istituzione internazionale con sede a Ginevra, la cui presenza a Roma era in parte motivata proprio per poter incontrare i giovani di GPace.

Un successo, quindi, a tutto tondo. Se lo scopo dell’iniziativa era quello di essere notati e suscitare curiosità, interesse e poi sensibilità sul tema, i giovani salentini hanno colpito perfettamente nel segno. Per altre informazioni seguire il link di questo sito, pubblicato il 17 scorso, http://www.puntodistella.it/news.asp?id=3567 o visitare www.gpace.net. Foto e campagna “More Fun No More War” le trovate su www.gpace.net/nomorewar.html (tel. 0832-30.60.14 – fax 0832-30.39.35).

I ragazzi di GPace

 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 955

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.