Testa

 Oggi è :  07/08/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

27/03/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

NOTTE DI ORA LEGALE

Clicca per Ingrandire Lancette avanti di un'ora: si torna alla “legale”. Alle due del mattino di domenica 28 marzo, tutti con gli orologi a portata di mano per portarli in avanti di sessanta minuti. Dormiremo in sostanza un’ora di meno, ma chi se ne accorgerà? Effettivamente, per alcuni giorni il passaggio a giornate più lunghe (aumentano le ore di luce) si potrà far sentire sul fisico di molti, soprattutto a causa del diverso ritmo sonno-veglia: maggiore stanchezza, spossatezza e irritabilità saranno gli effetti più evidenti del passaggio.

L’orologio biologico, quello nascosto nel nostro organismo, deve infatti riadattarsi a nuove condizioni e nuovi ritmi. Gli esperti consigliano di provare gradualmente ad andare a letto ogni giorno un po' prima, circa 15 minuti. Stesso consiglio per i pasti, provando a spostare in avanti di circa trenta minuti il momento del pranzo e della cena, per cercare di regolare progressivamente lo stimolo della fame.

L’ora solare tornerà il 31 ottobre. In vigore per la prima volta in Italia il 1916, l’ora legale fu definitivamente adottata nel 1996 per il periodo compreso tra marzo e ottobre. Durante il periodo di ora legale, Terna - Rete Elettrica Nazionale SpA, società responsabile della trasmissione dell'energia elettrica sulla rete ad alta e altissima tensione - prevede nei prossimi sette mesi un risparmio complessivo dei consumi di energia elettrica pari a 644 milioni di kilowattora.

In termini di costi, considerando che un kilowattora costa in media al cliente finale circa 14 centesimi di euro al netto delle imposte, la stima del risparmio economico relativo all'ora legale per il 2010 è pari a 90 milioni di euro. L’ora legale fa bene anche allo smog: al minor consumo di energia si accompagna infatti una riduzione di anidride carbonica (CO2) non immessa nell`atmosfera per un valore stimato di oltre 300mila tonnellate.


 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 28/03/2010 -- 17:34:42 -- Antonio

In Germania si discute da anni per l'abolizione. Il risparmio di energia elettrica e' irrisorio nei confronti dei problemi causati alle persone.

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 216

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.