Testa

 Oggi è :  14/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

30/04/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

SALVIAMO IL GIACIMENTO PALEOLITICO DI GROTTA PAGLICCI DAL PERICOLO CROLLO

Clicca per Ingrandire 

Il Coordinamento Amici di Paglicci di Rignano Garganico lancia un nuovo appello per salvaguardare il sito paleolitico di Grotta Paglicci, tra i più importanti giacimenti preistorici d'Italia e del mondo, lo stesso che ha restituito oltre 45.000 reperti databili tra i 500.000 e gli 11.000 anni da oggi. L'altro giorno, come si ricorderà, il presidente del Centro Studi Paglicci e dirigente del Coordinamento, Enzo Pazienza, lanciò l'allarme sul possibile crollo di una parte della parete esterna del sito paleolitico rignanese, che nell´estremità ovest aveva subito un distacco di circa un metro. La conformazione della roccia di Paglicci è particolare e subisce continui distaccamenti per terremoti e per le intemperie. Da 500.000 anni fa ad oggi gli uomini e gli animali che hanno calpestato il suolo della grotta, passando dal Paleolitico Inferiore, al Medio e al Superiore, infatti, si sono trovati di fronte a cadute e tracolli di massi o addirittura di intere parti della caverna (come testimoniano i dati rintracciabili sul sito internet www.paglicci.net). Quello dell'altro giorno, tuttavia, è assai importante per il prosieguo delle ricerche: se cadesse la parete ostruirebbe l'attuale area d'ingresso alla caverna e costringerebbe gli archeologi dell'Università degli Studi di Siena, che da circa 40 anni si occupano degli scavi in grotta, a rinunciare alla campagna di ricerche già prevista per l'ottobre 2008 (sempre che non si intervenga per rimediare all'accaduto). Di qui l'appello al neo-presidente del Consiglio dei Ministri On. Silvio Berlusconi, al governatore della Regione Puglia On. Nichi Vendola, al neo-presidente della Provincia di Foggia On. Antonio Pepe, ai deputati del Gargano On. Angelo Cera, On. Michele Bordo, Sen. Colomba Mongiello e On. Antonio Leone, ai consiglieri provinciali Michele Augello, Michele Bonfitto, Nicola Tavaglione e On. Nicandro Marinacci, ad intervenire sul nuovo "Caso Paglicci" con finanziamenti e progetti di recupero, tutela e valorizzazione del sito preistorico ubicato nelle campagne del più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano. Non è tutto, il Coordinamento Amici di Paglicci chiede, inoltre, di sapere tempi e modalità per: salvare il finanziamento Pis-Por di 750.000 euro per la realizzazione di un Museo Virtuale di Grotta Paglicci (magari di prorogare i tempi per la consegna dei lavori); aprire il Museo Archeologico in paese (atteso ormai da troppi anni e sul quale sono stati spesi più di un miliardo di vecchie lire); espropriare la grotta per permettere gli interventi di messa in sicurezza da parte delle Istituzioni competenti; recuperare ed approvare il Disegno di Legge dell'On. Nicandro Marinacci sull'istituzione del Parco Archeologico di Grotta Paglicci. Per ulteriori informazioni: info@paglicci.net - www.paglicci.net =

Rignano Garganico,
L´Ufficio Stampa
Cell. 349/4009003
E-mail: 3494009003@libero.it

 Uff.stampa Grotta Paglicci

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 590

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.