Testa

 Oggi è :  19/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

08/03/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

BASTA PARLARE DELLE DONNE: ASCOLTIAMOLE!

Clicca per Ingrandire In genere oggi si parla delle donne quando si scopre che il tasso di natalità in Italia è uno dei più bassi d'Europa, se ne parla a proposito della violenza, un fenomeno che continua a impressionare perché si credeva ormai destinato all'estinzione, se ne parla quando vengono alla luce fenomeni di sfruttamento, di cui continuano a essere vittime soprattutto donne e minori.

Se ne parla sempre quando viene alla ribalta un dato negativo o un episodio sconcertante. Se ne parla sempre in modo episodico, sintetico, stereotipato. Invece, delle donne bisogna parlare in modo differente: della creatività e della forza di volontà che riescono a mettere nel gestire una quotidianità fatta di figli da seguire, lavoro da cercare, mantenere, inventare e sensi di colpa da domare perché non è sempre facile "sentirsi all'altezza" in una società che le vuole sempre bellissime, in carriera, determinate e al tempo stesso madri affettuose, presenti e pronte a qualsiasi rinuncia.

Per questo l'Amministrazione Comunale di Cremona, attraverso l'8 marzo, intende promuovere un insieme di azioni semplici dedicate a tutti coloro che comprendono il sostegno alla valorizzazione del contributo femminile alla nostra società. Un approccio concreto, perché è ormai giunto il momento di smettere di parlare delle donne e di cominciare ad ascoltarle.

Se nell'inverno del 1908, a New York, le operaie dell'industria tessile Cotton fossero state ascoltate, non avrebbero pensato di scioperare per chiedere migliori condizioni di lavoro e farsi… ascoltare. Uno sciopero che durò alcuni giorni, fino all' 8 marzo, quando il proprietario, mister Johnson, decise di bloccare le porte della fabbrica imprigionandole all’interno. Disgrazia (o altro?) volle che scoppiasse un incendio e le donne - fra cui molte immigrate italiane - morissero arse dalle fiamme. Donne che cercavano di affrancarsi dalla miseria col lavoro. Donne che Rosa Luxemburg (foto 1 sotto; ndr) propose di ricordare per sempre istituendo la data dell'8 marzo come giornata internazionale contro lo sfruttamento e per l'emancipazione sociale della donna.





 comune.cremona.it + Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 383

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.