Testa

 Oggi è :  20/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

05/03/2010

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL MANDANTE (+ O – OCCULTO)

Clicca per Ingrandire Da quando mi diletto con la scrittura, con il dispiacere di molti, sono diventato il destinatario di delazioni incredibilmente orchestrate. Neanche i politici del Politburo avrebbero potuto fare meglio. Chi scrive è a conoscenza del rischio di essere influenzato intenzionalmente. Il rischio è considerato accettabile. Le delazioni, dal contenuto completamente falso e/o non dimostrabile, evocano scenari raccapriccianti. I millantati conoscitori della realtà locale farebbero impallidire l’ex magistrato Emiliano.

Nei primi posti della cangiante top ten degli uomini da calunniare, a seconda dell’umore politico, ma può essere anche il frutto di un sapiente depistaggio, troviamo l’amatissimo Mimì Spina, Nobiletti Michele, Clemente Mauro, Aldo Ragni, l’Architetto Forte e l’immancabile Ingegnere Chionchio. Non si offendano gli esclusi. C’è sempre tempo. Al momento, in attesa dei play off, gli esclusi dal Politeama sono: Lapomarda Michele, D’Errico Antonio, Devita Angelo, Falcone Giuseppina, Giuffreda Antonio, Prencipe Saverio, Nobile Ersilia, Zaffarano Raffaele.

Per un lungo periodo Nobiletti Michele ha battuto tutti. L’Onorevole ritornerà in auge appena è eletto sindaco. Nelle ultime tre settimane, la persona che ha catalizzato le attenzioni dei delatori è il lanciatissimo Aldo Ragni, candidato alla carica di consigliere regionale. State calmi. Delatori e consigliere festeggeranno insieme: si conoscono benissimo. Si amano. Più o meno.

C’è chi mi ferma per strada, chi mi chiama di sera al telefono di casa, chi mi spedisce missive. Devo girare con un rottweiler e staccare il telefono. I delatori sanno scrivere molto bene. Hanno studiato e asseriscono di conoscere il funzionamento della politica. Ma non hanno gli attributi per scrivere - ma non solo per scrivere - e beccarsi una querela per diffamazione a mezzo internet. Agiscono nell’ombra della falsità della politica e conseguentemente, mandanti, esecutori e vittime, si salutano, mangiano insieme e fanno commenti scurrili sulle mogli degli altri. Più o meno.

I delatori si candidano a giocare un ruolo da playmaker (con prevedibili risultati disastrosi) per mettere insieme, in vista delle amministrative, una moltitudine di armate Brancaleone. I delatori, ultimamente, sono diventati astutamente silenziosi. Come la volpe del Tavoliere, finiranno in pasto ai lupi. Dal canto mio, fiutato il pericolo - non bisogna essere D’Avanzo, - per non correre il rischio di escludere qualcuno dalle eventuali ed esclusive responsabilità politiche, mi limito a studiare le delibere del Consiglio Comunale del Comune di Vieste votate all’unanimità dei presenti. Di destra e di sinistra.

I fenomeni da me indagati, come ad esempio la speculazione edilizia, hanno una rilevanza talmente generale che i destinatari dei miei articoli sono potenzialmente migliaia. Di destra e di sinistra. Uomini politici e non. Cerco di raccontare i costumi e di interpretare gli scenari futuri. Se i delatori, esecutori e mandanti, avessero gli attributi, sempre più rari, scenderebbero in campo per una sana e leale competizione politica. Per vincere.

Le delazioni appartengono alla Stasi*. Altri tempi.

Lazzaro Santoro


* Principale organizzazione di sicurezza e spionaggio della Germania Est (DDR) famosa per aver arruolato numerosi tedeschi dell'Est per il controllo delle attività dei propri concittadini,

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3367

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.