Testa

 Oggi è :  14/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

17/04/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

Campo estivo per la prevenzione degli incendi boschivi

Clicca per Ingrandire 

Un campo estivo per la prevenzione degli incendi boschivi sarà approntato a San Giovanni Rotondo. A farne richiesta al comune garganico, il capo dipartimento della protezione civile della Regione Puglia, ing. Giuseppe Tedeschi. I locali che il Comune metterà a disposizione saranno quelli di via Curtatone che hanno già ospitato alcune sezioni della scuola elementare “Michele Melchionda”, durante la ristrutturazione dello storico edificio scolastico. Il campo ospiterà volontari di San Giovanni Rotondo, ma anche provenienti da altre Regioni d’Italia, gemellate con la Puglia. Il periodo di operatività del campo estivo sarà compreso tra il 15 giugno e il 15 settembre, periodo di massima pericolosità per gli incendi boschivi. Gruppi di 20 volontari si alterneranno nell’arco delle 24 ore giornaliere a sorvegliare il territorio di San Giovanni Rotondo e delle zone limitrofe, pronti ad intervenire in caso di necessità. La Città dell’Accoglienza e della Riconciliazione si appresta, così, ad offrire il suo prezioso contributo per salvaguardare il ricco patrimonio naturalistico del Gargano, nell’interesse della comunità locale e dei turisti che sempre numerosi si recano a San Giovanni Rotondo, meta prediletta da quanti desiderano trascorrere una vacanza tra le bellezze della nostra terra così fortemente intrisa di spiritualità dal momento che custodisce le spoglie mortali di San Pio da Pietrelcina. Le spese del campo saranno sostenute dalla Regione Puglia. Questa iniziativa si inserisce tra le misure di sicurezza disposte dalla Regione Puglia per scongiurare gli incendi che nei mesi estivi spesso devastano il territorio boschivo. Tali misure coinvolgono sia gli enti pubblici, come le Ferrovie, la Società Autostrade, le Province, i Comuni, i Consorzi di Bonifica e le Comunità Montane, che provvedono alla pulizia di cunette e scarpate da erba secca e residui di vegetazione, ma anche i proprietari o i conduttori di terreni confinanti con le aree boschive che, durante le operazioni di bruciatura delle stoppie, devono attenersi alle misure di sicurezza stabilite per evitare che il fuoco si propaghi alle aree boscate circostanti.

 il Grecale - agenzia di stampa quotidiana

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1720

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.